19.9.11

Recensione: "The Locals"

Risultati immagini per the locals movie poster

piccoli spoiler
Potrebbe essere una delle più grosse cantonate che abbia mai preso in questo piccolo blog.
Un film che più andava avanti più mi sembrava debole, banale, assurdo, a tratti disastroso, piano piano è riuscito poi a conquistarmi tanto da farmi emozionare.
Perchè The Locals avrà sì tanti difetti, ma ha un pregio incredibile: un cuore grande come una casa.
Siamo in Nuova Zelanda. Due amici partono per un weekend surfistico. Invece della classica spiaggia affollata cercano e trovano un posto molto fuori mano. Un posto molto strano con degli "abitanti" (The Locals) affatto ospitali...
Un viaggio in macchina interminabile e inutile mi aveva già fatto storcere il naso. All' arrivo poi delle due ragazze vestite in quel modo così improbabile sono stato a un millimetro dal premere eject sul telecomando. Poi le ragazze affermano di essere lì per un party. Un party? In un luogo così assurdo? In quell'ora di notte? L' eject è premuto ma troppo leggermente, il film non esce, in qualche modo vuole resistere. Vado ancora avanti e le scene sempre più assurde si ripetono: perchè le ragazze corrono a quella velocità in macchina su strade come quelle? che percentuale c'era di prendere un omicidio "in diretta"? perchè gli abitanti danno la caccia ai due ragazzi in maniera così indolente e svogliata? perchè per quanto si corre avanti e indietro (compreso in auto) alla fine stiamo sempre sugli stessi luoghi?

Risultati immagini per the locals movie

Poi succede qualcosa di strano. E' come se quella ragazza bruttina con la quale stai parlando via via ti sembri sempre un pochino più intelligente e magari arrivi anche a conquistarti. O farti addirittura innamorare.
The Locals inizia a darci parecchie risposte, magari banali, magari confuse ma assolutamente verosimili.
Tutto d'un tratto ci parla della morte e di quello che poi accade in maniera inaspettatamente profonda, intima, quasi matura. La ripetitività, una delle tante facce che può avere l'Inferno - perdipiù ripetitività consapevole- ci sembra d'improvviso una cosa terribile e bene fanno gli abitanti di quella terra a volersene privare. I personaggi, specie le due ragazze, assumono un'aura tragica che fa davvero tenerezza.
Ma è l'Amicizia - e davvero la A maiuscola non fu mai usata meglio- ad essere la vera protagonista del film. Una volta che i due ragazzi scoprono la tremenda verità il film ha un'impennata. Raramente in questi ultimi anni avevo visto raccontare un'amicizia così intensa, genuina, viscerale. Il "voglio andare a casa", lo sguardo di quel ragazzo prima frivolo e ora d'improvviso conscio di quello che è diventato, la barzelletta detta in macchina in quella situazione così assurda ed emotivamente straordinaria, mi hanno fatto letteralmente commuovere perchè tutto è mostrato con una sobrietà, una semplicità, un rispetto davvero  inusuali, un basso profilo encomiabile.
E mi hanno fatto capire che i film si possono fare in maniera anche sbagliata ma quando riescono ad avere una propria anima, quando a prescindere da sceneggiatura, attori e regia, ci mostrano il loro cuore in maniera così evidente e allo stesso tempo così schiva, per me valgono più di qualsiasi capolavoro.

( voto 7 )

4 commenti:

  1. ti capisco, a forza di vedere film spesso ci concentriamo troppo sul loro aspetto tecnico. Questo aiuta, ma non basta. Dovremmo lasciarci trasportare dai sentimenti, aprire un po' più il cuore, proprio come hai fatto tu.
    Spero che piacerà anche a me, ciao

    RispondiElimina
  2. Il film l'ho visto e l'ho anche recensito, ma mi sono commosso più nel leggere la tua recensione che guardando effettivamente il film, perchè hai saputo analizzare tutti i suoi pregi, soprattutto il sentimento dell'amicizia contenuto alla fine. Io mi ero concentrato più sui difetti, sbagliando (ma ormai quel che è fatto è fatto) ma c'erano delle cose che non ho digerito, come la scelta degli antagonisti, un po' ridicoli a dirla tutta! Molto bravi invece i ragazzi attori che per una volta tanto sembravano naturali e veri nel loro ruolo! E sei stato bravo a non accostarlo a nessun altro film, perchè il finale è scontatissimo e non riserva nessuna sorpresa! Però il suo lato sentimentale è molto tangibile ma solo pochi sono stati in grado di capirlo ;) Bravo come al solito oh-dae!
    @Wayne certo che ti piacerà, non ho dubbi! ;)

    RispondiElimina
  3. mi fa venire in mente "Respiro", di Tim Winton, australiano, una storia di due ragazzini e il surf e l'amore e la morte e l'amicizia.
    magari non c'entra col film, ma è un libro davvero bello.

    scusate il pensiero laterale:)

    RispondiElimina
  4. *Wayne: è proprio così amico.

    *antonio: ti pareva che non l'avevi visto...
    Grazie moltissimo dei complimenti.
    Oggi vengo da te e rispondo direttamente là.

    *Ismaele: Non ho letto Respiro ma direi che nelle parole chiave che dici te c'è tutto The Locals.

    RispondiElimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao