15.8.17

Recensione "Monolith"

Risultati immagini per monolith locandina

Interrompo a metà, ma per un solo giorno, la pausa che mi sono imposto di fare.
Perchè non avrebbe senso parlare di Monolith, adesso nei cinema, a fine mese.
E andateci a vederlo.
Andate a vedere questo film "italiano d'America" che è una metafora straordinaria sull'esser/diventare madri.

presenti spoiler dopo ultima immagine

Ma che bello.
E pure bello ieri notte cercare qualche informazione sul regista, Ivan Silvestrini, e scoprire che c'eravamo già incrociati in passato quando vidi e recensii (mi piacque tantissimo) la sua web series Stuck.
Insomma, piccole affinità elettive forse.
Che poi, a pensarci, Stuck, Bloccato, ha come titolo tantissimo a che fare anche con questo suo bellissimo lungometraggio.
In realtà se proprio vogliamo trovare un film fratello di Monolith è impossibile non pensare a Mine.
Impressionati i punti in comune.
Regista(i) italiano ma produzione americana (e cast interamente americano), unico(a) protagonista bloccato in una situazione impossibile, il deserto e, soprattutto, una metafora potentissima che si cela dietro a tutto.

Risultati immagini per monolith film

Da un soggetto di Roberto Recchioni (che ha portato anche ad una graphic novel) e da una sceneggiatura invece femminile (Elena Bucaccio -impossibile che dietro tutto questo poteva non esserci almeno una donna-) Monolith è un film, nel suo, quasi perfetto.
Sarebbe stato quasi perfetto anche solo come regia, fotografia e messinscena. Ma è la metafora che porta avanti ad innalzarlo. E se in Mine tale metafora veniva svelata solo nel finale, qua, uno spettatore accorto lo capisce subito, è manifesta sin dall'inizio.
Sandra è una giovane madre, molto bella.
Ha un figlio, piccolissimo, David.

3.8.17

Facciamo una pausa

Risultati immagini per see you soon

Per vari motivi Il Buio in Sala chiude almeno fino al raduno del 1,2 Settembre

C'è la piccola possibilità che faccia qualche post informativo proprio riguardo al raduno ma, per il resto, preferisco fermarmi

Passate tutti un bel Agosto di vita e di film ;)


1.8.17

Recensione: "The Village"

Risultati immagini per the village poster

L'epocale film di M.Night sulla paura.

Quando 3 mesi fa mi è crollato un pò il mondo addosso (quando mi sono fatto crollare il mondo addosso) e quando pochissimi giorni dopo scoprii quanto il motivo per cui me l'ero fatto crollare addosso fosse tremendamente superabile (e vergognosamente banale rispetto all'enormità che avevo perso) scrissi due righe su fb, queste


Circa un mese e mezzo dopo rivedo lo splendido Re della terra selvaggia dove l'ancor più splendida sua protagonista, Hushpuppy, ha nel finale un incontro, un incontro che porta alla scena, e conseguente immagine, più bella del film

Risultati immagini per re della terra selvaggia


E se non fosse che questa immagine e questo film sono venuti prima della mia presa di coscienza, avrei forse chiesto i diritti al regista visto che, sia per significato che per dinamiche, c'è un'identità pazzesca tra le due cose.
In realtà ben prima di me e ben prima anche di Re della terra selvaggia ci aveva pensato qualcun altro ad affrontare l'argomento.
In maniera geniale, plateale, epocale, straordinaria.
Questo qualcuno è M.Night Shyamalan, uno dei più grandi autori dei nostri tempi ma anche uno dei più dileggiati e odiati.
Lui questi mostri li chiamò le Creature Innominabili.
Ma che siano demoni, bestie ancestrali o creature innominabili sempre quello sono.
The Village è uno di quei film che "hanno fatto la storia" dei nostri tempi, che piaccia o no.
Un film allegoria, un film etico e politico, una gigantesca messinscena che si rivela poi, solo alla fine, per quello che è, ovvero un dannatissimo film sulla paura.
E, attenzione, non è solo un film, tornando a sopra, sulle paure immaginate e non affrontate ma anche, e soprattutto, sulle paure che ci vengono inculcate.
Il villaggio del film non è altro che la nostra società, le nostre convenzioni, i nostri genitori, i nostri amici, le nostre coscienze, tutti quegli agenti "esterni" (che anche la coscienza in qualche modo può esserlo) che ci infondono paure il più delle volte insensate.
Paure che alla società fanno comodo, convenzioni che alla società e al bigottismo fanno comodo.
Ma ci possono essere paure infuse anche per protezione, per affetto, come quelle di alcuni genitori o come quelle -che alla fine del film stiamo parlando- degli Anziani del Villaggio.
La paura del mondo data in eredità ai figli. In modo così radicale e potente da non permettere loro, ai figli, manco di conoscerlo quel mondo.
Shyamalan si inventa, scrive e gira un gran film, uno di quelli diventati paradigma di un certo tipo di cinema.
La messinscena è favolosa (ma del resto il padre dice alla figlia cieca ad un certo punto "è tutta una messinscena", tanto da creare un cortocircuito cinematografico), abbiamo Brody, Phoenix, Hurt, Gleeson, Pitt, la Weaver, la regia di Shyamalan è al tempo stesso impeccabile ma anche molto sobria.
Ma quello che conta di questo film è il messaggio che il regista vuole darci. E che nell'indimenticabile finale, però, lascia un pò storcere il naso per il manicheismo eccessivo (il giornale per cui pare che il nostro mondo sia soltanto un inferno e tutto l'elenco di omicidi del passato).
Eppure mezz'ora prima Gleeson l'aveva detto che il dolore alla fine ci troverà sempre, che il dolore c'è nel vero mondo come in quello ricreato dagli anziani, forse sarebbe stato questo il discorso finale perfetto per il film.
Una presa di coscienza che porterà alla decisione di mandare Ivy via, oltre il bosco.
E anche qui Shyamalan lavora di allegoria mandando all'avventura proprio la protagonista cieca. 
Ad un cieco sarà affidato il compito di vedere la luce, scoprire la verità.
Ma del resto la sensibilità di Ivy è superiore, è lei l'essere perfetto per compiere questo viaggio, un viaggio metafora.
Straordinario l'uso dei colori, specie quello dei cappottoni gialli degli abitanti e del rosso delle Creature Innominabili, perfetto questo equilibrio tra realtà e fiaba, fatti e superstizioni.
Un film anche sui losers incapaci di amare (Phoenix, Brody), pieno di personaggi lievi e delicati.
Personaggi amati dal regista, si sente, come sempre nei suoi film.
Forse rivederlo adesso lo depotenzia un pò, ma non più di tanto.
Ma c'è poco da fare, quando Ivy arriva a quella siepe, quasi il fondale di Truman Show, quando la scavalca e arriva la jeep, ecco, siamo nella nostra piccola storia del cinema.


Ognuno di noi ha la sua cosa migliore da raggiungere.
Quella di Ivy è stata scoprire il mondo per salvare la persona amata.
Ognuno di noi ha la sua cosa migliore da raggiungere.
E, quasi sempre, un bosco di paure da superare

30.7.17

Recensione: "Anguish" (Angoscia - 2015, Italia in sala 2017)

Risultati immagini per anguish film

Un altro bel thriller.
Una ragazza morta in un incidente.
Un'altra che arriva nella stessa cittadina poco dopo.
Abulica, ai limiti della depressione, malata.
In qualche modo le due ragazze verranno in contatto.
Ed è questo che nell'ultima parte fa diventare un film discreto come Anguish davvero un bel film.
Qualcosa di molto profondo e doloroso

spoiler dopo ultima immagine

Cavolo, son passati 3,4 giorni dalla visione del film, arrivo solo adesso a scriverne.
Vorrà dire che al limite andrò corto, pace.
E niente, siamo a tre thriller/horror consecutivi, non so da quanto tempo non mi capitasse.
Ma questo è il genere di certi periodi, sempre così con me.
Quello che però è più interessante è come questo trittico che ho visto - A Dark Song/Starry Eyes/Anguish- abbia al suo interno tre pellicole per almeno 3 aspetti assolutamente comparabili.
Il primo è che in tutti e 3 ci sia una protagonista assoluta femminile.
Il secondo è che tutti parlino, in maniera molto diversa, della sofferenza.
La sofferenza morale e fisica della madre di A Dark Song.
La sofferenza morale e fisica (tremenda nella seconda parte) dell'aspirante attrice di Starry Eyes.
La sofferenza morale e fisica della giovanissima Tess, un'adolescente alla presa con una malattia difficilmente definibile che la porta ad una depressione molto evidente.

Risultati immagini per anguish film


Ma l'aspetto più affascinante, e solo chi hai visto tutti e 3 i film in qualche modo potrà darmi ragione o no, è che in tutti e 3 i film, in qualche modo ci sia il tema della morte e della successiva "rinascita"o, in senso più lato, del ritorno.
Anguish, tra i tre, è quello che ha il passo più del drammatico. Se uno non vedesse la locandina o non sapesse niente della trama per almeno un tempo potrebbe scambiarlo per un "semplice" dramma.
Una 16enne muore nel prologo, in maniera terribile e molto ben realizzata.
Un'altra 16ene arriva, credo poco tempo dopo, nella stessa cittadina.
Ha grandi problemi, se psicologici o fisici è difficile da capire (e, al solito, rimando a Magic magic...).

26.7.17

I'm going back to the start



A tutti quelli che hanno sbagliato e vorrebbero tornare indietro per non commettere gli stessi errori.

A tutti quelli che hanno perduto qualcuno e vorrebbero tornare indietro per far sì che ciò non accada

Ma anche a tutti quelli che hanno perduto qualcuno per sempre, qualcuno che non c'è più su questa terra, e vorrebbero comunque tornare indietro ad uno start che non potrà più essere

E a tutte le persone che sanno chiedere scusa, malgrado tutto

E a tutti quelli che non avrebbero mai dovuto far slacciare all'altro le cinture di sicurezza, le cinture delle sicurezze

("E' la mia natura" 
rispose lo scorpione alla rana.
Vieri, è la mia natura)

Come up to meet you, tell you I'm sorry
You don't know how lovely you are
I had to find you, tell you I need you
Tell you I set you apart
Tell me your secrets, and ask me your questions
Oh, let's go back to the start
Running in circles, coming up tails
Heads on a science apart

Nobody said it was easy
It's such a shame for us to part
Nobody said it was easy
No one ever said it would be this hard
Oh take me back to the start

I was just guessing at numbers and figures
Pulling your puzzles apart
Questions of science, science and progress
Do not speak as loud as my heart
Tell me you love me, come back and haunt me
Oh and I rush to the start
Running in circles, chasing our tails
Coming back as we are

Nobody said it was easy
Oh it's such a shame for us to part
Nobody said it was easy
No one ever said it would be so hard
I'm going back to the start

Sono venuto per incontrarti
Per dirti che mi dispiace
Non sai quanto sei bella
Dovevo trovarti
Dirti che ho bisogno di te
Dirti che ti ho trascurata
Raccontami i tuoi segreti
E fammi le tue domande
Oh, ritorniamo all’inizio
Correndo in cerchio, avvicinandoci alle estremità
Le teste su una scienza a parte

Nessuno ha detto che era facile
E' un peccato dividerci
Nessuno ha detto che era facile
Nessuno aveva mai detto che sarebbe stato così difficile
Oh riportami all’inizio

Stavo solo calcolando numeri e cifre
Mettendo da parte i tuoi problemi
Questioni di scienza, scienza e progresso
Non parlano forte come il mio cuore
Dimmi che mi ami, torna indietro e ossessionami
Oh e io corro all’inizio
Correndo in cerchio, sempre occupati
Ritornando a quello che eravamo

Nessuno ha detto che era facile
E' un peccato dividerci
Nessuno ha detto che era facile
Nessuno aveva mai detto che sarebbe stato così difficile

Sto tornando all'inizio

25.7.17

Raduno 2017, il post definitivo e ufficiale

Risultati immagini per norton moonrise

DOVE

Al Circolo Vernazzano sul Trasimeno, Tuoro, Perugia

QUANDO

Venerdì 1 Settembre e Sabato 2 Settembre

COSA

Il Venerdì ci sarà una giornata completamente dedicata ai film.
Saranno proiettati 2 o 3 film con la presenza dei registi.
Mi riferisco a:

VERSO ORIONE di Alessio Nencioni

RE AD PO di Klaverna

LE FORMICHE DELLA CITTA' MORTA di Simone Bartolini

Previsti sia un ricco aperitivo e/o la cena. Prezzi modici

--------------------------------------------------

Il Sabato ci sarà il raduno vero e proprio, come l'anno scorso.
Ovvero una festa lunga 10 ore e più di cinema, quiz, tantissimo cibo e soprattutto voi.

La cena ha il costo di 20 euro ma qualità e quantità (illimitate) da almeno 40

DOVE ALLOGGIARE

Come l'anno scorso avremo a disposizione l'Agriturismo Borgo Elenetta a Paciano (pg), bellissimo e con piscina a circa mezz'ora dal luogo del raduno e l'Hotel Signa a Perugia, in centro, a circa 20 minuti dal luogo del raduno.
Per i prezzi e il tipo di camere mi contatterete ma sono tutti tra i 18 e i 25 euro. E siamo in alta stagione...

CHI

1 Tommaso e Romina
3 Filippo e Agnese
5 Giuseppe
6 Rocco
7 Federico e Valentina
9 Marco Ravoni
10 Leonardo Morichetti ROMA  AGRITURISMO
11 Vincenzo Ruscio ROMA  ALBERGO QUADRUPLA
12 Vieri Ciullini FIRENZE  ALBERGO SINGOLA
13-15 Rachele e due cugine COSENZA - ALBERGO TRIPLA
16 Claudio Capannari  MARCHE ALBERGO QUADRUPLA
17 - 18 Carmen e Giancarlo  SALERNO AGRITURISMO DOPPIA
19 Mirek AUTOCTONO
20 Simon FIRENZE  AGRITURISMO
21 Federico Cinti AUTOCTONO
22 - 23 Fulvio x2 AUTOCTONI
24 Marco Peveri  MILANO ALBERGO QUADRUPLA
25 Christian Miccio AUTOCTONO
26 Carmine De Vivo AUTOCTONO
27 - 28 Gianluca e Salvatore CASERTA - ALBERGO DOPPIA
29 Claudia Toni ROMA
30 - 31 Elena X2 TORINO AGRITURISMO DOPPIA
32 Roberto Palloncini TORINO - IN TERRA DA QUALCHE PARTE
33 - 35 Raffaele Papa x 3  SALERNO ALBERGO TRIPLA
36 Il Nencioni FIRENZE
37 Simone Bartolini ROMA AGRITURISMO
38 Nico TREVISO
39 - 40 Giordano e Giulia AUTOCTONI
41 Giovanni Iengo - ROMA - ALBERGO SINGOLA
42 Max Marcarelli - AUTOCTONO
43 Krios - AUTOCTONO
44 - 45 Pietro Sidoti x 2 ALBERGO DOPPIA
46 Gregorio Verona ALBERGO QUADRUPLA
47 Bianca Forlì

e poi tanti probabili, Giovani Ossetti, Bianca, Patrizia, Pierluigi, Vittorio, Mg, Jack Gold, Enrico, Pietro...

Prego chiunque di confermare e, se non se non l'ho scritto, di dirmelo. In questo post cercherò anche di piazzare le varie persone negli alloggi

CONTATTI

Io....
Qui nei commenti, per mail, telefono o fb



24.7.17

Recensione: "Starry Eyes"

Risultati immagini per starryeyes poster

Bellissimo.
Un horror che avrebbe potuto girare Wheatley.
Una ragazza ossessionata dal diventare una grande attrice.
Una casa di produzione maledetta.
Tra qualche sfumatura di It Follows e tanti richiami a Possession un gran horror sull'ossessione, sul compromesso e sulla natura malvagia dell'uomo

Nemmeno a farlo apposta (o ho fatto apposta?) ancora un grande thriller/horror opera prima o seconda, a conferma del discorso che facevo due giorni fa con A Dark Song.
Se possibile sto Starry Eyes è ancora superiore al film irlandese. Senz'altro trattasi di visione più "facile", mossa, eterogenea, dinamica.
Però c'è tutto ragazzi. C'è regia, tecnica, recitazione, stile, storia, messaggio.
Un film che avrebbe potuto girare (o comunque un film a cui sarebbe garbato molto) il mio idolo Wheatley.
Stessa attenzione estetica, stesso uso della violenza, stessa commistione tra dramma e trascendenza.
Ma ci sono tanti altri grandi richiami in questo Starry Eyes, primi tra tutti It Follows e, soprattutto, Possession.

Risultati immagini per starry eyes


Una giovane ragazza è ossessionata dal diventare una grande attrice.
Lavora in un laido e ridicolo fast food. Ma il suo sogno, appunto, è sfondare nel cinema.
Finisce a fare un provino con una casa produttrice "maledetta", una casa produttrice che cerca ben più di una brava a recitare...
Io parecchie volte parlo di ibridi, è vero, ma vi assicuro che come vengono qui mescolati il dramma, il thriller psicologico, lo slasher e l'horror è davvero mirabile.
Per prima cosa impossibile non menzionare la straordinaria prova di Alex Essoe, la Sarah del film.
Una prova al limite, piena di sofferenza, pazzia, dolore.
La sua crisi al primo provino non ha potuto non ricordarmi la più grande scena di possessione di sempre, quella della Adjani in Possession.
Ma del resto la Essoe somiglia anche all'attrice francese e secondo me sono più di uno i richiami a quel grande film.

21.7.17

Recensione: "A Dark Song"

Risultati immagini per a dark song poster

Arriva dall'Irlanda quest'horror, opera prima, che si presenta come un elegante, raffinato e benissimo scritto thriller psicologico.
Un rito lungo mesi per rivedere il proprio figlio scomparso.
Un film sulla sofferenza e sul senso di colpa.
Con un finale di grande umanità

grandi spoiler dopo ultima immagine

"Stiamo parlando della tizia che si rinchiude con un tizio rosso e fanno tutto il rituale per riavere dietro il figlio, vero? Voto bassino, ma non insufficiente"
Mi scrive una ragazza quando le dico che avrei visto questo film.
A parte che forse dovrei scritturarla per scrivermi le trame, ma per il resto no, non ci siamo.
Perchè questo horror irlandese è un signor horror. Raffinato, elegante, quasi colto, intelligente.
Opera prima cavolo, pure scritta dall'esordiente Liam Gavin.
E allora sì, allora abbiamo la conferma che i nuovi autori di horror quasi sempre sanno distaccarsi dai trucchi facili del mestiere, che hanno coraggio, che sanno scrivere, che sanno lavorare con gli ibridi.
La fregatura, semmai, è che poi quelli che vengon fuori, quelli che vanno ai piani di sopra molto spesso poi sono snaturati dalla terribile catena di montaggio dell'horror di sala anni 2000.
Quindi, se potete, cercate sempre queste opere prime e seconde. E' tutto qui il miglior horror recente, tutto qui.

Risultati immagini per a dark song

Gavin prende il sottogenere più abusato di tutti, quello che ha portato a risultati più scadenti negli ultimi anni, quello che molto spesso diventa macchietta di sè stesso, ovvero quello degli esorcismi/riti/evocazioni.
Roba che a citar 4,5 titoli recenti ci trovi dentro le peggio cose.
Ma lo prende comunque in un modo non troppo battuto, per quanto mi riguarda pure originale.
Una madre vuole rivedere suo figlio.
Si affida ad una specie di "sacerdote laico", un irlandese ubriaco che conosce dei potentissimi riti.
E questo rito non è il classico rito del cazzo latinizzante che finisce in una notte, no, ma un percorso assurdo lungo mesi. Rinchiusi in una casa, senza poter uscire mai più, lui e lei.
Ne nasce così un film a unica location e a soli due attori.
Un film metafora di tante cose, della sofferenza, dell'elaborazione del lutto, del percorso che una madre è tenuta a fare per superare un trauma così grande.
Son pochissime le somiglianze eh, ma per certe cose potremmo avvicinare A Dark Song a Babadook. Sempre di perdita da superare parliamo, sempre di demoni da sconfiggere dentro la propria testa. Anche se curiosamente dove in uno, Babadook, il figlio rappresentava l'oggetto della colpa qui diventa quello del senso di colpa.
Buona la regia (solo la prima inquadratura è tanta roba), bravissimi gli attori tra i quali spicca il fantastico protagonista di Sightseers.

Risultati immagini per a dark song

Ed è interessante come la prima parte, un pò alla Magic Magic (di cui però non raggiunge minimamente la stessa densità) possa esser letta come un insieme di cause e concause. Il paranormale, la privazione del sonno, i medicinali, il fungo velenoso, sono tanti gli elementi che, in qualche modo, possono distorcere la mente della nostra protagonista e provocarle, ad esempio, allucinazioni.
Il film soffre un pò si un'eccessiva lunghezza (non è lungo ma un soggetto così doveva portare a qualcosa di ancora più breve) e, diciamocelo, se cercate paura o tensione non è che ne troverete molta.
Però c'è il desiderio di andare avanti, di vedere dove si andrà a finire. E c'è la sensazione di trovarsi davanti ad un horror molto genuino, molto fair, un horror che ha qualcosa da dire e che non cerca minimamente di usare chissà quali effetti speciali.
C'è tanta sofferenza, il percorso da seguire è veramente duro, scene come quelle del sangue bevuto o dell'annegamento ti rimangono dentro.
 Anche se, lo ammetto, un film così dovrebbe trasmettere più empatia con lei.

Risultati immagini per a dark song

Si arriva così all'ultima parte, quella più squisitamente horror.
Un pò confusa, un pò anarchica, ma in ogni caso sempre abbastanza elegante.
Lo scantinato "infernale" mi ha ricordato moltissimo il gran bel horror turco Baskin.
Mi è piaciuta molto la scelta, abbastanza inaspettata, di far morire lui.
Perchè anche concettualmente eleva il film. Lei ha bisogno di superare quel trauma da sola, ha bisogno di finire il rito solo con le proprie forze. Del resto la vita è così, per quanto gli altri possano aiutarti alla fine devi sempre metterci del tuo.
E la fine a qualcuno sembrerà buonista ma dimostra solo che questo film aveva un messaggio dentro.
Prima il rito doveva servire "per amore", poi "per rivedere il figlio", poi "per vendetta".
Alla fine questa via crucis servirà a qualcos'altro.
Ad una delle cose più grandi che possano esistere.
La capacità di perdonare.


15.7.17

Accecarsi dal sole, accecarsi di vita

Risultati immagini per mare mosso

Vedo le persone sulla spiaggia.
Bimbi che fanno castelli, bimbi ancora più piccoli che glieli distruggono, madri che pensano solo a prendere il sole, padri che leggono giornali che svolazzano.
Sono lì, a nemmeno 20 metri da me.
A 20 metri da me tutto è sereno, la noiosissima vita della spiaggia procede tranquillamente.
Nessuno in acqua, solo io.
Perchè il mare è mosso, tremendamente mosso.
Non ricordo perchè ero rimasto là, lontano, solo. 
Probabilmente stavo nuotando sott'acqua, come piace fare a me, io che ai bei tempi facevo una piscina intera con il corpo attaccato al fondo.
Sta di fatto che sono solo, il mare è mosso e incredibilmente a 20 metri da me tutto è normale.
Sono in panico, l'acqua mi sommerge ogni 2 secondi.
C'è mio fratello Marco Aurelio sulla riva, lo vedo, forse mi sta cercando con lo sguardo.
Marco Aurelio per noi è Ieio, sin da piccoli.
Due sole sillabe, il nome più veloce del west.
Eppure quando urlo questo nome ricordo ancora che faccio solo in tempo a dire "Ie.." prima che lo "...io" lo finisca sott'acqua, travolto dall'ennesima onda.
Provo ad urlarlo almeno 10 volte ma inizio a perdere conoscenza.
L'acqua mi entra in bocca, mi ritrovo sempre giù.
Quando la testa torna su vede sempre la stessa cosa, decine di persone che continuano la loro vita senza accorgersi che un bimbo di 12 anni sta morendo davanti loro.
Ricordo una disperazione infinita, ricordo le lacrime miste all'acqua.
Ricordo anche il momento della rassegnazione, quello in cui decido di non urlare più e smettere di muovermi.

Sono a riva.
Ieio mi ha sentito.
Ha solo un anno più di me ma è riuscito a salvare un bambino in quel mare.
Mi spingono sulla pancia per farmi sputare acqua, tutte quelle persone fino ad un attimo prima tranquille adesso sono su di me, in cerchio.
Alla fine mi risveglio.
Ho il sole accecante sopra di me.
Mi accarezzano, mi spiegano, mi dicono tutto.
Ma io ricordavo ogni singolo istante, ogni singola cosa fino a quando decisi che potevo morire, che potevo smettere di lottare.
E lo ricordo ancora, 28 anni dopo.
Fu la prima delle 3 volte che ho rischiato di non esserci più.
Ma quello che ricordo adesso è solo il sole accecante, perpendicolare a me.
E' la sensazione incredibile di essere ancora vivo.

Sono vivo.
E sono forte.
Che il sole mi accechi ancora.

14.7.17

Recensione: "Contratiempo" (The Invisible Guest)

Risultati immagini per contratiempo poster

Dopo El Cuerpo il regista spagnolo Oriol Paulo riesce un'altra volta a stupire.
Un altro thriller dal meccanismo perfetto, un altro colpo di scena impressionante.
Un cadavere, anzi, due cadaveri e la lenta scoperta della verità.

piccole anticipazioni. Ma dopo ultima immagine grossi spoiler, non leggete!!

Abbiamo un nome che può lottarsela con il grandioso Na Hong-Jin come giovane autore della miglior coppia di thriller di questi ultimi anni.
Questo nome risponde a quello di Oriol Paulo, Espana.
Ecco, devo dir la verità, se dovessi sceglierne uno credo che andrei su Na, senza dubbio.
I suoi The Chaser e The Wailing non sono solo due thriller di impressionante livello, ma anche due esperimenti sul genere straordinari.
Con The Wailing poi si raggiungono vette che alla fine, col genere, anzi, coi generi -che The Wailing ne ha dentro 3,4- poco c'entrano.
Il "nostro" Paulo invece è molto più classico, i suoi thriller sembrano hollywoodiani.
Sono benissimo girati, abbastanza patinati, dei meccanismi perfetti.
Sta di fatto che una coppia come El Cuerpo e Contratiempo difficilmente la troverete in altri giovani registi.
Contratiempo, se possibile, è ancora più classico de El Cuerpo, film dal soggetto molto più insidioso, quasi al confine del paranormale.
Qui siamo invece dalle parti del cinema investigativo anche se la polizia, alla fine, è figura lateralissima.

Risultati immagini per contratiempo

Ancora una volta Oriol Paulo parte da un cadavere per dipanare una sceneggiatura praticamente perfetta che porti poi a quelli che, a questo punto, possiamo quasi definire colpi di scena pauliani, tanto son clamorosi, tanto son belli, tanto son imprevedibili.
Adrian Doria è un giovanissimo imprenditore. Ricco, bello, dal successo travolgente.
Lo va a trovare l'avvocatessa Virginia Goodman, donna tutto d'un pezzo, avvocato di altissimo rango, qui al suo ultimo lavoro.
Perchè va a trovarlo?
Perchè Adrian è stato accusato dell'omicidio della sua amante, la bella fotografa Laura.
In un albergo in montagna che pare l'Overlook Hotel, infatti, tempo prima il cadavere di Laura era stato ritrovato in una stanza. Anche Adrian era a terra, tramortito.
Nessun segno di qualcuno che potesse essere entrato, nessun segno di qualcuno che potesse essere uscito.
Il classico omicidio con la porta chiusa dall'interno insomma, anzi, non solo, anche la finestra.
Adrian è messo veramente male.
Parte così un film che sarà tutto in flash back, quello del racconto, anzi, dei racconti che Adrian fa alla sua avvocatessa, in vista di un'udienza lampo che si terrà di lì a 3 ore.
E se all'inizio il ragazzo tende a mentire, per salvaguardare il suo status e la sua famiglia, ben presto si troverà costretto a dire tutta la verità, visto che è l'unico modo che ha per tirarsi fuori da tutto.
Viene fuori che in questa storia non c'è un solo cadavere, ma due.
Ed è quello iniziale, quello di un giovane ragazzo morto in un incidente, il corpo che comincia a diventare più importante.

Risultati immagini per contratiempo

A questo punto devo aprire una parentesi su quella che sembra diventata una vera e propria mania.
L'attraversamento di un cervo per strada.
In pochi mesi l'ho trovato ovunque.

In The Invitation attraversa un cervo ma fanno in tempo a fermarsi.
In Get Out attraversa un cervo e c'è un mezzo incidente.
In La Cura del Benessere attraversa un cervo e c'è un incidente.
In Elle attraversa un cervo e c'è un incidente.
In Contratiempo attraversa un cervo e c'è un incidente.
Mi fermo qua ma mi sembra che in almeno in un altro paio di film che ho visto negli ultimi mesi succeda la stessa cosa.

Insomma, attraversa un cervo e c'è un incidente.
I due amanti, per coprire la loro relazione, inizieranno a comportarsi come veri e propri criminali. E comincerà così una spirale che li porterà a quella stanza d'albergo dove lei, tipo The Loft (di cui riprende anche il mondo della upper class), abbiamo vista morta all'inizio.
Che dire.
Meccanismo perfetto, cura di ogni dettaglio. Certo, un paio di comportamenti inspiegabili ci sono (su tutti lei che non aveva spento il cel del ragazzo) ma, voglio dire, di errori nelle proprie vite, anche banali, li facciamo tutti no?
Comincia così un film che è quasi una "sfida" tra l'avvocatessa e il giovane ragazzo, una lenta ricostruzione dei fatti che cambia prospettive più volte. Molto interessante che venga usato ancora una volta il canovaccio bergmaniano de La Fontana della Vergine, quello che poi, in film del tutto diversi, porterà anche a L'ultima casa a sinistra di Craven e allo splendido L'ultimo treno della notte di Lado.
Qui in realtà il canovaccio è leggermente diverso, è vero che l'assassina va per sbaglio a casa dei genitori della vittima ma, occorre dirlo, il ragazzo è morto in circostanze fortuite.
Anche se il comportamento della coppia tanto distante da un assassinio non è.
Coff coff coff
Chi ha tossito?
I pezzi del puzzle iniziano a combaciare, anche lo spettatore è sicuro che un colpo di scena tanto grande non potrà esserci.
Io col mio amico palloncinaro Roberto ho provato a immaginarmene diversi ma tutti in qualche modo "plausibili".
Però ogni tanto dicevo lui "vedrai che uno che ha fatto il finale de El Cuerpo per forza ti fa un altro colpo di scena grandioso, tutte quelli che stiamo ipotizzando son cazzate, fidati"

Risultati immagini per contratiempo

E sì, eran cazzate.
Perchè Paulo ancora una volta ti tira fuori qualcosa di imprevedibile.
Sì, un pelo forzato, è vero, e un pò improbabile.
Ma con quel loro passato da attori, con quel desiderio fortissimo di risalire al colpevole per alleviare un dolore (ricorda un pò la vicenda del compagno de la ragazza assassinata in Il Segreto dei suoi occhi), ecco, Paulo comunque rende tutto in qualche maniera credibile.
Ma la perla di sceneggiatura è un'altra, è una frase.

"Non c'è verità senza sofferenza"

disse l'avvocatessa al giovane imprenditore.
Noi credevamo la dicesse a lui "per lui".
E invece, meraviglioso, era un frase per sè stessa.
E niente, quando inizia a togliersi tutto, quando rimane lì, alla finestra con suo marito, ho avvertito un brivido forte.
Non solo cinematografico ma umano.
E ripensare alla rabbia e alla disperazione quando ha saputo che il figlio era ancora vivo, ecco, altri brividi.
La coppia di genitori guarda dalla finestra di fronte l'assassino del figlio.
Senza un sorriso, senza nulla.
Due persone distrutte che, in qualche modo, sono risalite alla verità.
Che bello


11.7.17

Recensione: "Elle"

Risultati immagini per elle poster

al cinema (19)

Devo esser franco? una delusione.
Una sceneggiatura che magari raggiunge vette psicanalitiche elevatissime ma che, per il resto, fa acqua da tutte le parti.
Un thriller all'acqua di rose, quasi parodico a volte.
Eppure c'era tanto squallore dentro, tanta sporcizia, tanta roba.
E la Huppert

Ah, no, boh, bah, beh, mica forse c'ho capito niente io, sarà freudiano come pochi, sarà un trattato psicanalitico coi controfiocchi, sarà un film con delle dinamiche interessantissime e codificate, sarà quel capolavoro di cui tanti parlano, sarà profondo, sarà insidioso, sarà interessante, colto, fastidioso, sarà un filmone ma boh, bah, beh.
E' che a me sto film è sembrato a tratti quasi una parodia di sè stesso, un drammatico con punte farsesche, un thriller all'acqua di rose, un'opera dalla sceneggiatura svolazzante che porta ad un finale, anzi, a tanti finali di cui non ce n'è mezzo che mi convince.
Eppure eravamo cominciati tanto bene con quello sguardo gattesco, con quelle urla e con quella donna riversa a terra, seminuda, vittima di uno stupro.

Risultati immagini per elle film

E come si alza, e come con tranquillità fa le cose di casa, e come esce da quello stupro sembra sì senza alcun senso, ma che bello per questo, che bella sta reazione banale, quotidiana, inaspettata.
Eh, poi ne sapremo qualcosa in più.
Ne nasce un film che ha mille pregi ma che riesce in modo incredibile e quasi clamoroso a farli naufragare tutti.
Un film dai personaggi squallidi, squallidissimi.
Lei, una magnifica Huppert, è roba talmente lunga da parlarne dopo.
E la madre 80enne che se la fa con i toyboy.
E la ragazza del figlio, roba da schiaffoni giornalieri.
E il marito della migliore amica insopportabile, vanesio, sedicente scopatore seriale e "inabbandonabile".
E il vicino, vabbeh, stamo zitti.
E l'ex marito che sta con una di 25 anni più giovani.
E il padre? cazzo, il padre era un fottuto mostro, roba che forse nella storia dei serial killer non credo sia mai successa (27 omicidi in una notte, e non con un bomba, uno ad uno...).
Porca puttana, c'era dentro più squallore su questo film che in pochi altri.
Eppure non arriva nessuna sporcizia, tutto mi è piombato addosso tremendamente patinato, annacquato, liso.
E mi fa incazzare perchè di spunti notevoli ce n'eran tanti.
La storia dello stupratore seriale che diventa una particolarissima vicenda da Sindrome di Stoccolma.
La storia del padre nel passato che io, ero sicuro, si sarebbe legata al presente in modo perfetto, a chiudere un cerchio.
E invece tutto è buttato là e chiuso in maniera non soddisfacente, no no.
In pratica un intreccio talmente deludente da restarne sbalorditi.

Risultati immagini per elle film

E talmente debole da regalarci tutti finali o innocui o senza senso.
La vicenda dell'ex marito finisce con "ti faccio conoscere un mio sviluppatore", quella del figlio finisce con un macchinone e una ragazza con figlia ritornata e che lo ama (ma perchè????), quella dello stupratore come un thriller di terz'ordine, quella del padre con un insulto, quella dell'amica con un "era un maiale, abbracciamoci".
E allora in mezzo a tutto sto disastro perchè Elle può essere comunque un gran film?
Perchè ce ne possiamo fregare di tutto e vedere ogni cosa come riferito solo e soltanto a lei.
Del resto il titolo è Elle no?
E allora la vicenda del padre così non sviluppata va vista solo come genesi di una personalità disturbata, masochista (lei da bambina è la miglior immagine del film).
E la vicenda dello stupratore lo stesso, come una perversione incredibile.
E allora sì, allora se leggiamo il film solo in modo psicanalitico magari che ne so, è bellissimo.
Del resto il personaggio della Huppert è notevole.
Egocentrica, cattiva (vedi lo stuzzicadenti), manipolatrice, accentratrice, praticamente tutto il mondo deve girare intorno a lei.
E l'ex marito alla fine non deve avere nessuno, e l'amante pelato vorrebbe perderlo ma alla fine ci scopa e lo tiene con sè, e lo stupratore non solo ad un certo punto non le fa più paura ma diventa un altro uomo da usare, tanto da chiamarlo al telefono dopo l'incidente.
Li vuole tutti per lei.
Bellissima la scena in cui lei di masturba alla finestra, dice tutto.

Risultati immagini per elle film

Però non mi puoi fare un thriller che non inquieta, che ha delle derive quasi da cinepanettone (oddio, la scena all'ospedale del bambino nero di cui nessuno si accorge, con in più l'amico nero dell'amico presente là dietro è fantozziana), che ha dinamiche quasi da soap.
Ma Polanski con un soggetto del genere che avrebbe tirato fuori?
Ecco, è la convinzione che si poteva fare mille volte meglio a darmi fastidio.
Ma forse son io ad essere troppo banale e non riconoscere la profondità di un'opera del genere, l'eccellenza psicologica (che, ammetto, viene sfiorata anche per me).
Forse son io ad aver problemi

8.7.17

Recensione: "Realitè"

Risultati immagini per realitè dupieux

L'ennesimo, per me, gioiello di Dupieux.
L'ennesimo film strampalato, grottesco, surreale, geniale.
La realtà, la finzione, il sogno, l'incubo, il film dentro al film.
La versione rilassante e divertita di Mulholland Drive.

Io adoro Dupieux.
E stare a ripetere perchè e percome è inutile, trovate tutto nelle rece di Wrong e Wrong Cops.
Avete presente quando trovate un autore con la "vostra" testa? con il vostro modo di pensare, di ridere, di ragionare?
Ecco, Dupieux è la mia parte cazzona quanto Trier è quella mia malinconica e mezza devastata.
Quello che però mi piacerebbe riuscire a dire e far capire è che sto autore va ben oltre il cazzeggio. 
Se già il suo cult massimo, Rubber (che a me è piaciuto molto meno degli altri) aveva delle possibili letture niente affatto banali, con Wrong il nostro si era spinto a mio parere in un surreale e comico esistenzialismo di livello altissimo.
Film strampalato quello, pieno di situazioni irreali e surreali. Un gioiellino tragicomico.
E se possibile Dupieux, con Realitè, è riuscito ad andare anche oltre e a mettere una parola definitiva della sua (non) visione del mondo.

Risultati immagini per realitè dupieux

Realitè è il film cortocircuito per eccellenza.
Un'incredibile gioco di scatole cinesi o, se preferite, di matrioske per cui ogni cosa è dentro l'altra. E avviene anche il paradosso che la scatola più piccola, che la matrioska più bassa, contenga poi quelle più grandi e alte.
Ricordo che con Wrong ebbi il "coraggio" di paragonarlo al mio film più grande, Synecdoche New York.
Ebbene, credo invece che il punto di riferimento più adatto per Realitè sia addirittura Mulholland Drive.
Non parliamo di livelli eh.
Ma vi giuro, più la visione andava avanti più questo cortocircuito tra realtà, finzione, sogno, sogno dentro al sogno e inconscio mi faceva ricordare il capolavoro di Lynch.
Anche perchè, come soggetto, Reaitè racconta una cosa molto simile.
Uno studio cinematografico, un film da fare.
Un film dentro al film.
Ovviamente tutti gli elementi che nell'enorme film lynchiano risultavano insidiosi e perturbanti nel film di Dupieux acquistano valenza comica e straniante.
Ma di che parla questo Realitè?
Di mille cose.
Innanzitutto dell'impossibilità di comprendere la realtà, ciò che è vero da quello che non lo è.
Troverete di tutto.
Sogni.
Incubi.
Immagini di film dentro al film.
La vita di una famiglia che diventa un reality alla Truman Show.
E tutte queste vicende apparentemente staccate tra loro si intersecano.
E il sogno di uno può diventare il film dell'altro, e la realtà di uno può diventare il sogno dell'altro.
Tutto è cortocircuito.

Risultati immagini per realitè dupieux

Tant'è che alla fine è come se ci trovassimo in una specie di sogno collettivo.
O nel sogno di un solo personaggio che, in qualche modo, comprende tutti gli altri.
Sì, o.k, ma qual'è il personaggio principale, il sogno principale?

Abbiamo un ragazzo che fa una trasmissione di cucina vestito da topo gigante. Si gratta continuamente perchè è convinto di avere tutti eczemi sulla pelle. Sta benissimo.
Abbiamo un cameraman che vuole fare il regista. E presenta il soggetto ad un produttore. Il quale accetta a condizione che il neo regista trovi il Gemito Perfetto per far morire i protagonisti.
Abbiamo la famiglia di una bambina. Il padre è cacciatore. Aprendo un cinghiale ucciso tra le interiora c'è una vhs. Come se non bastasse questa bambina, che si chiama Reality, è proprio oggetto di un reality. un documentario in tempo reale (anche le 8 ore di sonno riprendono) girato da un regista. Al soldo di chi? del produttore di cui sopra.
Abbiamo un preside che ha avuto un incubo di una comicità straordinaria.
E se non fosse stato un incubo?

Dupieux si diverte. Si diverte a divertire, a non dare punti di riferimento, a mischiar tutto, a destrutturare. E nel mentre le sue riflessioni sono, come sempre, molto importanti.
Se in Wrong Cops metteva alla berlina il mondo della musica in questo film distrugge tutto l'apparato cinematografico.
Il produttore che accetta un soggetto quasi insulso, che in cambio chiede una cosa senza senso, che nel tempo libero uccide surfisti con fucili di precisione.
E il documentarista del reale che usa inquadrature di 8 ore.
E la vhs (vedrete cosa contiene, geniale) che stava dentro un cinghiale.
E le tv che generano stupidità e uccidono le persone.
E lui che riceve quell'insulso Oscar in mezzo ai manichini.
E lui che si ritrova al cinema a vedere il suo stesso film già girato da qualcun altro.
Tutto è vita e tutto è cinema allo stesso momento.
Non a caso un altro titolo che mi ha ricordato è il magnifico Holy Motors.
Se possibile nel finale il film diventerà ancora più complicato con tutti quei cloni che appaiono ovunque, con la sensazione che tutti stiano nel sogno di tutti (molto sineddochiana come cosa).

Risultati immagini per realitè dupieux

E il gemito perfetto che, anche qui molto sarcasmo, viene fuori da una supposta in culo.
Ma è solo con lo scoprire cosa c'è dentro la vhs che il delirio metacinematografico di Realitè raggiunge il suo apice.
Lo spettatore ne esce divertito e tramortito, intontito e affascinato.
Non ci sono pezzi da rimettere insieme, c'è solo questa constatazione per la quale la realtà è impossibile da conoscere.
Il dottore malato che visitò il malato-sano prende il post del malato-sano nella trasmissione di cucina.
E, infine, dice a noi le stesse cose.
I nostri eczemi non sono sulla nostra pelle, ma sulla nostra testa.
Come se il film fosse una specie di malattia mentale, come se fosse un malfunzionamento del nostro cervello.
Come se tutte le realtà che abbiamo appena visto siano una nostra malattia.
C'è qualcosa di sbagliato in tutto questo.
Wrong.


5.7.17

Recensione: "L'infanzia di un capo" (The Childhood of a Leader)

Risultati immagini per the childhood of a leader

Se ami il cinema scoprire e vedere che un regista 27enne è stato capace si scrivere e girare un film così è come conoscere una ragazza bellissima e passarci una notte meravigliosa insieme.
Pazzesco.
Il film complementare al Nastro Bianco di Haneke è sì un'opera profondamente politica ma, al tempo stesso, e forse sopra ogni altra cosa, uno di quei film che raccontano il Male come pochi altri.
Imprescindibile.

Un'ouverture con filmati d'archivio della prima guerra mondiale.
Una colonna sonora, io che di colonne sonore parlo mai, grandiosa.
Una colonna mastodontica che accompagna il prologo mastodontico di un film mastodontico dal soggetto mastodontico.
Del resto cosa c'è più mastodontico, di più enorme, di più svettante che della figura di un leader, di un capo di stato?
Il prologo termina in un'inquadratura che se uno ama il cinema potrebbe sentirsi male da quanto è bella.
Quella piccola finestra, lenta carrellata avanti, bambini che scendono le scale.
L'ultimo ha folti capelli biondi, si ferma, la carrellata finisce.
Mi aspetto un culmine con un'interpellazione alla macchina da presa ma no, il bambino va avanti e segue gli altri.

Risultati immagini per the childhood of a leader

Osmosi.
A me han bocciato due volte al liceo, e son stati buoni chè dovevano essere pure di più.
Vorrei dire che son stato bocciato per le materie scientifiche ma in realtà son stato bocciato per tante cose.
Però, ecco, a quelle scientifiche i mie 3 me li prendevo a grappoli.
Quindi io che parlo di osmosi è come Adinolfi che parla di punto vita.
Ma tranquilli, la mia accezione non è scientifica.
L'osmosi umana è quella di saper influenzare e farsi influenzare a vicenda.
Scambiarsi cose, idee, informazioni, saperi, esperienze, sentimenti, virtù e vizi.
Ieri L'infanzia di un capo non era iniziato nemmeno da 20 minuti che io nel mio taccuino mi ero scritto:

"Haneke" (per il soggetto, ma non solo)
"Trier" (per le atmosfere e una cosa di cui parleremo)

Poi stamani vado a prendere informazioni sul regista de sto film, Brady Corbet (e io, lo sapete, anche le informazioni le rifuggo sempre) e scopro tante cose.
Intanto scopro che questo ha scritto e girato L'infanzia di un capo tra i 26 e i 27 anni.
E questo NON va bene.
O.k, uno può avere il talento, lo stile e la sensibilità di Dolan ed esser fenomeno ventenne.
Ma a 26 anni fare sto film non è questione di avere stile o il cinema dentro, è questione di avere tutto.
Scopro che è l'opera prima. E questo va ancora meno bene.
Poi vedo che è attore.
Scorro.