14.8.12

Recensione: "Signs"

Risultati immagini per signs movie poster

E' forse venuto il momento che io dica la mia su Mr Night.
No,anche perchè pur avendo finalmente visto tutti i suoi film si dà il caso che su questo blog non ne abbia recensito alcuno.
A me mette in crisi in una maniera allucinante sto regista.
Forse più di tutti.
Perchè è talmente pieno di pregi e difetti che non sono mai riuscito a giudicarlo compiutamente.
Dopo Signs ho deciso di prendere una posizione.
A me piace.
Quello che spesso tanti dimenticano e che di per sè rende il regista indiano un esempio, un uomo di cinema da rispettare a prescindere, è che questo i film se li scrive.
Non solo, li inventa spesso di sana pianta.
E in un cinema pieno di grandissimi mestieranti che fanno tutto alla perfezione ma di testa ne usano davvero poca uno come Shyamalan è da portare in palmo di mano.
Anche perchè quasi tutte le sue idee,le sue sceneggiature partono da intuizioni fantastiche.
Io credo che massacrarlo come spesso tanti fanno non sia solo ingiusto ma quasi dannoso.
Ce ne fossero di registi che osano, che scrivono, che inventano.
Ci vuole sempre un rispetto immenso per chi affronta in prima persona tutto l'iter cinematografico,dalla scrittura alla produzione. Senza dimenticare in mezzo la grandissima qualità tecnica dei film del nostro.

Risultati immagini per signs movie

Il problema di Mr Night è che fa sempre il passo un tantino troppo lungo, non si accontenta, riesce ad aggiungere a film che sarebbero grandi quelle riflessioni in più, quelle sequenze in più,quei significati in più che molto spesso rischiano di farli crollare.
E' la sua autorialità a farlo spesso soccombere.
Ecco, in Signs, e senz'altro questa è un'opinione non condivisa, io credo non abbia mai esagerato.
E forse per questo è il suo film migliore (con il Sesto Senso), personalmente il meno attaccabile.
Attenzione, anche in questo film, forse soprattutto in questo film il regista ci parla di massimi sistemi, di Fede e Caso, di Speranza e Rassegnazione.
Ma lo fa in un modo dolcissimo,sobrio, famigliare, contenuto.
E illude tutti facendo finta di aver davanti un film di genere, quello della fantascienza aliena, quando in realtà a lui delle immagini in Signs frega poco o nulla.
Quello che contano sono le parole, i concetti.
O i segni per riprendere il titolo.
Segni che non sono i cerchi nel grano ma quelle piccole cose che ci accadono nella vita a cui non riusciamo a dare un significato.
O ci riusciamo solo dopo.
L'atmosfera alla Melancholia mi è piaciuta da matti,un'apocalisse mondiale vissuta nel microcosmo casalingo.

Risultati immagini per signs movie

Anche perchè sulle atmosfere Shyamalan è un maestro.
Che la componente aliena non sia l'istanza principale è palese.
Vediamo gli invasori sin dalla prima scena, non c'è un senso di mistero o attesa.
L'invasione è manifesta, un dato di fatto.
Quello su cui il film lavora non è se questa invasione sia pacifica o belligerante, non è su come va a finire.
Tutto è semplice contorno, notizie in tv o via radio.
Quel flash back che ritorna 4 volte è la prova provata che l'anima del film e sua architrave stanno in quello che vive dentro di sè il protagonista e, di conseguenza, la sua famiglia.
Il dialogo tra Gibson e Phoenix sul caso,sulla fede e sulle coincidenze,dialogo scritto con intelligenza e tatto davvero notevoli, sono Signs, è tutto lì.
E arrivando in fondo, dopo aver visto Gibson che racconta ai figli della loro nascita, l'inizio della vita, vicini alla morte,dopo che la stessa vita del figlio è preservata dalla morte grazie a una malattia, dopo che le frasi in punto di morte della moglie si rivelano profetiche frasi di vita,dopo tutto sto ping pong tra la vita e la morte, tra le coincidenze che possono salvarti e quelle che possono distruggerti,dopo tutto questo si finisce il film con una sensazione strana.

Risultati immagini per signs movie

La vita è un trabocchetto pieno di trappole quasi invisibili che dovremmo individuare per salvarsi?
O al contrario è una meravigliosa esperienza che ci regala magia e salvezza anche dietro cose apparentemente banali?
Dobbiamo amare la vita o averne paura?
Dove sono sti segni,dove?
Io non riesco a individuarli o decifrarli.
Non ce la farei nemmeno se fossero grandi come cerchi nel grano.

( voto 8 )

20 commenti:

  1. Sono d'accordo con te.
    Gli riconosco tanti difetti, ma a me piace questo regista. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così pieno di difetti che piace per quello :)

      Ciao Bianca, come va?

      Elimina
  2. Nessuno mi tocchi Shyamalayyiahhan. Ha fatto e sta facendo la nuova storia del cinema. E il mio preferito in assoluto è il bisfrattatissimo "Lady in the water". Night, I<3U.
    Da "E venne il giorno" in poi credo che sia impazzito. Ma non importa. Io aspetto After hearth.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspettiamo insieme Eddy.

      Sul miglior film però non la penso come te...

      Elimina
  3. Oh, splendida riflessione sul film e sull'arte di costruire (e non soltando dirigere) una pellicola.
    Mi associo all'amore per Shyamalan, fatta eccezione per l'ultimo, The Last Airbender. Quello è proprio indifendibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ester!

      No, quello proprio non l'ho voluto vedere, faccio finta che non è il suo...

      Elimina
  4. non so come sono arrivato sul tuo blog, ma ne sono contento. Bellissime recensioni le tue.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo dopo un mese e mezzo ma son contento che sei capitato.
      Se mai leggerai sta risposta benvenuto!

      Elimina
  5. grandissimo shyamalan!
    i suoi film che preferisco però sono the village e unbreakable, due film straordinari.
    signs invece l'ho trovato un po' più ordinario, ma comunque buono.
    e probabilmente è il miglior film di sempre con mel gibson! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, Gibson non è che anch'io lo ami tanto eh...

      Sono contento ti piaccia Mr Night, davvero!

      Elimina
  6. Ciao Giuseppe, ho letto molte delle tue recensioni e devo farti i complimenti..sei un vero artista della parola:-) Continua cosi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, grazie Max, ormai sono anni che c'è il blog però.
      A proposito, devo aggiornare "tutti i film recensiti", saranno la metà...

      Grazie del meraviglioso complimento :)

      Elimina
  7. Alcune parti del film mi sono piaciute molto: il dramma interiore del protagonista, i flashback sull'incidente, il tema della Fede, il colpo di scena finale, la tragedia globale vista dalla casa di un uomo qualunque.
    Ma il contesto in cui sono state inserite fa acqua da tutte le parti: inutile la parte sui crop-circles, ridicoli gli alieni, assurde le loro debolezze (quella della porta poi...): con poca fatica in più il regista poteva creare un contesto più credibile a supporto dei temi trattati.
    Occasione mancata di realizzare un grande film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma è proprio così Jacopo.
      Se si prende Signs come un film sugli alieni, sulla fantascienza, sulla verosimiglianza, il film fallisce.
      I crop circles servono solo a creare quell'ambiguità, in cui molti sono caduti, sul titolo, sui segni.
      Ma è un film intimo, che parla di tutto quello che dice te.
      Il resto è cornice.

      Elimina
  8. Carino e inelligente, filosofico e religioso, pieno di riflessioni e misteri, strano, con molta suspance nella scena finale è molto interessante a livello contenutistico

    Appena visto per la prima volta e devo dire che è il mio secondo film dopo il sesto senso (che anche quello è carino ,ma meno di questo (voto 6 e mazzo al sesto senso mente a signs un 7 pieno e abbondante ci sta))

    Che altri film di questo regista indiano mi consigli ? Perché i suoi due film mi hanno fatto molto riflettere e pensare .......

    A presto, Giacomo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, pochissimi preferiscono Signs a Il Sesto Senso.
      Anzi, di solito dapertutto troverai quasi due punti di differenza di media tra i due.
      Io credo che Signs sia il più sottovalutato dei suoi. E' mkolto profondo, molto, ma si traveste da altro

      difficile consigliarti su questo regista, divide come pochi. E a te comunque non ha entusiasmato

      direi che forse i più belli tra quelli che non hai visto sono The Village (da alcuni considerato il suo capolavoro, io l'ho messo nei film del millennio ad esempio, da un verso ci può stare) e Unbreakable
      "rischiosi" Lady in the Water e E venne il giorno
      da evitare come la peste After Earth e L'ultimo dominatore dell'aria

      non ho visto solo l'ultimo, The visit

      Elimina
  9. Grazie!!!!!

    Su ews non ho risposto perché il tuo commento dice tutto

    Allora devo vedermi quei 2 3 film del regista indiano e poi ti dirò

    Grazie ancora dei consigli e delle risposte....

    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risposte e consigli (quando posso) doverosi

      del resto questo (con la videoteca) era il mio lavoro, e mi è sempre piaciuto farlo

      però, come hai visto, consiglio solo quando so di che parlo

      alla prossima ;)

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao