13.11.12

Al Cinema: recensione "Argo"

Immagine correlata

piccoli spoiler

Cogito Argo sum, sarà passato per la testa dell'agente Cia Tony Mendez, esperto a "far uscire la gente" in situazioni critiche.
Sì perchè dopo tanto pensare la miglior cattiva idea (sempre meglio delle biciclette del governo) trovata da Mendez per far uscire dall'Iran i 6 americani nascosti a casa dell'ambasciatore canadese è stata proprio questa: Argo.
Cos'è Argo? Un filmetto, anzi una sola sceneggiatura di serie b rimasta dentro qualche cassetto di Hollywood. Quanto basta a Mendez per entrare in Iran e fingersi insieme ai 6 rifugiati una troupe canadese in cerca di location mediorientali per girare il film. Tutto vero eh.
Un passo indietro.Rivoluzione Iraniana, gli studenti assaltano l'ambasciata americana perchè (tra le altre cose) il Grande Satana statunitense aveva accolto tra le sue braccia per curargli il cancro l'ultimo Scià dell'Iran Mohammed Reza Pahlavi , monarca che credette di portare l'occidente e il benessere in Iran ma in realtà regalò povertà e terrore.
52 americani furono presi in ostaggio dentro l'ambasciata, i 6 di cui sopra scapparono.
Apro una parentesi. Se fossi uno dei 52 rimasto più di 400 giorni in terribile prigionia e vedessi dopo 30 anni fare un film sui 6 che per nemmeno tre mesi se ne sono stati in condizioni di moderata agiatezza a casa dell'ambasciatore canadese un pò il sangue mi ribollirebbe eh, echecazzo. Ma questo è cinema e la parte cinematografica, in tutti i sensi, era la loro.Chiusa parentesi.

Risultati immagini per argo movie

Affleck, uomo dotato sicuramente di cervella, gran fico tra l'altro, si conferma regista di valore assoluto.
Non ho visto The Town (ho paura troppo action per i miei gusti) ma basterebbero questo e l'esordio di Gone baby gone per confermare quanto scritto.
Coraggiosa (e forse un pò vanesia) la scelta di mettere sè stesso come protagonista in un ruolo in realtà da ispano-americano. Ho il sospetto che Affleck tenesse talmente a questo personaggio e l'abbia così fatto suo da non voler rischiare di affidarlo a nessun'altro.
Film solido come il granito, sceneggiatura perfetta (anche se, come detto prima, troppo poco spazio ai 52), dialoghi riusciti come pochi sia per brillantezza che per incisività, regia classica capace di tirar fuori alcune sequenze da urlo, tensione sempre altissima e un cast da far impazzire con almeno 3 fenomeni, il brechinbeddiano Cranston, Alan Arkin e John Goodman, sempre strepitosi. Anche Affleck, ritenuto in passato troppo scarso per recitare fa un figurone. Ottima, davvero ottima la scelta di far interpretare i 6 ospiti a volti poco conosciuti, un big avrebbe distolto l'attenzione, quei 6 erano un corpo unico.
Alcuni passaggi a mio avviso risultano poco chiari (ad esempio, ma questa operazione non era un rischio tremendo sia per gli americani che i canadesi? una volta scoperti, mettiamo caso anche solo in tv dopo la riuscita dell'operazione, il rischio di vendetta sugli altri ostaggi non era troppo alto? E il Canada che si prese quasi tutto il merito,non aveva paura per i suoi connazionali?) ma per avere una visione completa d'insieme sarebbero servite 4 ore. Affleck più di una volta si affida a trucchetti cinematografici, specie quello dei salvataggi all'ultimo istante ma era impensabile non mettere un pò di cinema in una vicenda storica ricostruita comunque nel modo migliore possibile.
Già, il Cinema. Più che mai in Argo viene fuori il potere salvifico di questa meravigliosa arte...

Risultati immagini per argo movie

A questo proposito forse scontata ma straordinaria la scelta di intitolare il film così.
Alla fine quel film non venne mai girato, fu solo fumo sugli occhi degli iraniani.
In realtà però eccolo che arriva 30 anni dopo.
Argo era e Argo resta.
E se al posto di alieni e starlette scollacciate ci sono intrighi politici, impiccagioni e rivoluzioni poco importa (a questo proposito il montaggio alternato tra la lettura del copione e le immagini degli iraniani è geniale).
Chè poi a me gli b movies di fantascienza nemmeno piacciono, meglio questo.
Ma poi, caro Arkin, Argo sta per?
Argovaffanculo.

( voto 8 )

20 commenti:

  1. Argovaffaculooo! NO NO, Argo, sei stato una bellissima scoperta! E bravo Ben Affleck!

    RispondiElimina
  2. grandissimo film!
    ma recuperati the town, che è pure un filino superiore. e te lo dice uno che l'action lo odia..

    RispondiElimina
  3. The Town è bellissimo... ma Gone Baby Gone è ancor più bello... ma Argo... davvero... bellissimo!!!

    Recensione Argo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io che Argo e Gone baby gone siano più sulle mie corse ma chissà.

      Elimina
  4. Dopo Gone Baby Gone e The Town, Ben Affleck regista fa nuovamente centro con Argo. Dopo un buon film di genere che si svincola dal genere stesso e un action movie come Dio comanda, Argo è un’opera matura, solida, granitica, di cuore e nervi saldi. Dal mio blog: http://goo.gl/8EV7z a presto!

    RispondiElimina
  5. Molto meglio Argo di Django!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, con Django ho esagerato col voto credo. Ma oggettivamente raggiunge l'eccellenza in più di una componente.

      Elimina
  6. ecco. ho finito ora di vedere argo e, giuro, prima di leggere questa recensione avevo le tue stesse perplessità. ma quei disgraziati di prigionieri con gli occhi bendati e i fucili alla testa??? non li considera nessuno?
    cmq bel film. me lo son goduta. affleck con la barba è figo. fine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono sempre vittime di serie A e B purtroppo.

      Molto figo Ben!

      Elimina
    2. The Town è da vedere! Non rimarrai deluso. anche Gone baby Gone mi ha tenuto ben incollato allo schermo direi che son da riverere tutti e tre questi film

      Elimina
    3. Gone baby gone visto e recensito.
      The Town ce l'ho già in programma con un amico :)

      Elimina
  7. in inglese, "argofuckyourself" suona un sacco meglio, lasciatevelo dire.
    bel film, ti intrattiene, bravo affleck come attore, ma più' dietro la cinepresa.
    bei baffi tra gli ostaggi.
    poi vai a informarti sulla vera vicenda e praticamente scopri che si esagera su tutto, solo per farci, appunto, un film. i 6 potevano uscire un po' dall'ambasciata, una ha addirittura comprato tre biglietti aerei da tre compagnie diverse senza problemi. non hanno avuto tutto quel disagio prima di decollare, e nel film peraltro il popolo iraniano e' completamente stereotipato, tutti a guardare male gli stranieri, tutti cattivoni mediorientali. e l'ambasciata canadese ha fatto di più' di quanto visto nel film. poi certo, grande mendez, l'idea del film argo e' geniale, e intanto salva sei persone, mica male.
    comunque sia, mi aspettavo un po' meglio, ma si sa che questi film americani sugli eroi americani vincono sempre l'oscar.

    -ma7

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre interessanti, calibrati e "secchi" i tuoi commenti.
      In effetti strano che non mi sia informato poi sulla vicenda reale, di solito sti film mi portano ore a leggere poi di quello che era successo veramente.
      Che poi si sia romanzato e si sia creato uno di quei thriller "all'ultimo secondo" l'avevo intuito.
      Sì, era un film che puzzava d'Oscar dapertutto ma era una storia troppo bella e troppo "cinematografica" per non essere raccontata.
      Poi io ammetto che sui popoli mediorentali sono il primo che vive di stereotipi :)

      bei baffi tra gli ostaggi commento geniale

      Elimina
    2. quando meritano, meritano. se c'e' il tizio con i baffi il film prende sempre un punto in piu' per me, tipo project x, o wristcutters, o gangs of new york, o bronson, o anchorman, o borat, o il grande lebowsky, o non finisco più' di citare film.

      Elimina
    3. Sto feticismo mustaccioso è spettacolare

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao