4.2.13

Al cinema: recensione "The Impossible"

Risultati immagini per the impossible movie poster

Era da 4 anni e 2 mesi che aspettavo l'opera seconda di Bayona.
Sì, perchè la sua prima, The Orphanage, senza girarci tanto intorno è con distacco il più bel horror che abbia visto negli ultimi 5 anni. Un film così completo e complesso, capace di vestire da film del terrore una tremenda e delicatissima vicenda famigliare, un'emozione continua dall'inizio alla fine, uno script fantastico e almeno un'interpretazione, quella della Rueda, che resta impressa. Come tutti i talentuosi registi di genere europei, vedi Aja, Laugier, Amenabar, anche Bayona ci ha messo un attimo a ricevere la chiamata da Hollywood. Impossibile dir di no, non va biasimato per questo, quella collina rappresenta comunque la Serie A del cinema per uno che ci lavora, inutile negarlo.
Aspettavo Bayona da 4 anni e Bayona nel frattempo è arrivato ad Hollywood.
Ma, ahimè, ne ha preso tutti i difetti.
Buffo constatare come i due film del regista spagnolo, apparentemente diversissimi uno dall'altro, in realtà per alcuni aspetti sono quasi un copia-incolla. Ancora una volta quello che interessa al cineasta spagnolo è il dramma famigliare, là inserito in una cornice horror, qui in quella di un disaster movie (di basi tremendamente reali e storiche però). 

Immagine correlata

Tutti e due i film raccontano una ricerca piena di disperazione, forza e speranza; in The Orphanage quella di una madre del proprio figlio, in The Impossible di un'intera famiglia spazzata via dal famoso tsunami del 2004. In entrambi i casi l'evidenza porterebbe a non aver speranze ma, a volte, the impossible, appunto, succede.
E forse sta proprio lì il problema del film, lo scontato lieto fine. Tutto lo script è proiettato al momento in cui i due nuclei familiari si uniranno di nuovo, lo spettatore è portato lentamente per mano a un'emozione talmente prevedibile, telefonata e caricata da arrivarci parecchio infreddolito a mio avviso. E'vero, il film non fa altro che raccontare un fatto realmente accaduto ma ci sarebbero stati modi molto migliori per farlo, ad esempio usando un taglio più europeo senza la classica colonna sonora emotiva americana ad accompagnare troppe scene madri o non costellando la pellicola di decine di momenti troppo marcati nel tentativo di facile commozione.

Immagine correlata

In realtà il film vale, lo tsunami è riportato in modo meraviglioso specie nel momento appena prima dell'arrivo dell'acqua (quel vento, quell'aria così ferma) o in quello in cui il primogenito si tuffa sotto per evitarlo. La devastazione è mostrata in tutto il suo terribile splendore, per almeno un quarto d'ora si rimane davvero a bocca aperta. Non mi rendo conto quanti milioni d'euro possano essere finiti in riprese di tale bellezza. E altrettanto bello è il momento in cui gli abitanti del luogo curano lei, quella vecchia che l'accarezza mi ha dato un brivido. Tra gli innumerevoli "incontri" il più toccante è quello tra i fratelli, quelle urla, quella gioia così primitiva e genuina (non la stessa che può provare un genitore) devo dire che ha fatto alla grande il suo effetto. Ottima, come sempre, la Watts, bravissimo il ragazzino nelle vesti, forse troppo esagerate, di eroe dall'inizio alla fine. Inutile e quasi inconcepibile, a differenza che in El Orfanato, il cameo della Chaplin.
Una pellicola di pregevole fattura, non me la sento di bocciare il mio (ex) idolo Bayona. Ma a me un film per emozionare deve sorprendermi, deve arrivarmi al cuore in maniera inaspettata e genuina, Molte volte rimango fregato, non riesco a vedere i film con la giusta obbiettività. Ci sono riuscito proprio con questo che aspettavo così tanto.
Alla prossima Juan Antonio.

( voto 6,5 )

16 commenti:

  1. Io l'ho bottigliato come si conviene, ma del resto a me non aveva fatto impazzire neppure The orphanage.
    Questo, che pure parte discretamente, si arena nella zuccherosità in una seconda parte terribile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo già letto le tue bottiglie...
      Cazzo, in parte mi tocca darti ragione stavolta, vecchio cowboy apparentemente senza cuore...

      Elimina
  2. A me,au contraire, è piaciuto molto. Non condivido per nulla l'accusa di ruffianeria ed eccesso di glucosio fatta da più parti, l'ho trovato ben fatto e delicato, in fondo la storia è quella, il finale è quello, Bayona ha raccontato il tutto ed a mio avviso il risultato è notevole.
    Ma la cosa bella dei film è che ognuno la vede in un modo diverso no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che sta piacendo da matti al gentil sesso, lascia perplessi i maschietti.
      Guarda Beatrix, io durante la visione mi convincevo si star vedendo un mezzo capolavoro ma poi a freddo la costruzione troppo marcata è venuta fuori.
      Perchè non mi metti i tuoi link cavolo.

      Elimina
    2. Particolare che ho notato anche io, lo ammetto...
      ecco il link http://cinquecentofilmisieme.blogspot.it/2013/02/the-impossible.html

      Elimina
  3. the orphanage è stupendo.
    questo è inspiegabilmente mediocre.
    ci sei andato giù leggero solo per l'affetto da (ex) fan del bayona, vero? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. the orphanage uber alles

      no dai, per i miei standard ci sono andato giù anche parecchio pesante,mi sento già in colpa...

      Elimina
  4. The orphanage mi piacque molto, questo lo devo vedere e mi sto approcciando con un certo timore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jenny! Nuova?

      No vai vai, ti piacerà, son sicuro.

      Elimina
  5. Non ho visto The orphanage, ma questo mi è piaciuto molto! Il livello scende un po' nella seconda parte ma è un racconto così reale per quanto impossibile, così toccante e forte che ci si emoziona senza ruffianeria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'hai recensito metti qua Lisa.
      Per il resto ti rimando alla risposta che ho dato a Beatrix.
      Ciao!

      Elimina
  6. mi schiero col gentil sesso allora.. prevedibile ma emozionante, almeno per me.. verissimo il fatto delle musiche, la retorica c'è, qualche volta stanca, la scena dello tsunami e dell'incontro (seppur scontatissimo) sono toccanti e bellissime. ma per chi possiede,come me, pochi strumenti tecnici per giudicare conta molto la pancia, gli umori, come ti sei svegliato, con che voglia vai a vedere il film, cos'hai mangiato ecc... cmq non mi sembra paraculo come muccino, a me è piaciuto tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fede, sai benissimo come anche io veda i film con la pancia e con il cuore. E anche qua mi sono emozionato. Ma dopo 10 minuti di film immaginavo per filo e per segno le sequenze finali, è questo che mi ha infastidito un pò...
      Ti aspetto su Looper :)

      Elimina
  7. io a differenza tua non sono legato a Bayona da motivi particolari, The Orphanage mi piacque ma non mi fece urlare al miracolo...comunque se vuoi leggere le mie contumelie http://bradipofilms.blogspot.it/2013/02/the-impossible-2012.html

    RispondiElimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao