8.10.11

Recensione: "Vanishing on 7th street"

Risultati immagini per vanishing on 7th street poster

Dopo due mezzi passi falsi con "Lady in the Water" ed "E venne il giorno", Mr Night Shyamalan stavolta toppa proprio alla grande con "Vanis... Come? Non è di Shyamalan? E' di Anderson? Quello di Session 9 e L'Uomo senza sonno? Ohsantamaria...
Prima di ridarmi il compito in classe uno dei miei prof di matematica era solito dirmi: "qua non va mica tanto bene". Grazie a lui di certo non imparai la matematica ma la definizione di eufemismo sì. Il "qua non va mica tanto bene"  infatti, accampagnava di solito un sonoro 3. Quindi è questo l'insegnamento che voglio seguire e dire ad Anderson: Brad, qua non va mica tanto bene.
Eppure la storia - che, ripeto, sembra proprio venire da Mr Night, anche se mio fratello mi dice essere un plagio nientepopodimeno che dei Simpson- non era affatto male. D'improvviso c'è un blackout. Tornata la luce tutte le persone sono scomparse, rimangono in terra soltanto i loro vestiti. Il classico gruppo di "sopravvissuti" si riunisce in un bar per resistere all'oscurità.
Il film è perfetta impersonificazione della materia che tratta, passano 5 minuti e scompare. Non lascia a terra vestiti ed effetti personali ma un dvd vergine.
Vanishing on 7th street è la classica pellicola in cui funziona quasi nulla. Se si avesse la voglia di stroncarlo o di ditruggerlo, bisognerebbe soltanto scegliere il fronte dove attaccare. Nord, Sud, occidentale ed orientale, le linee nemiche sono quasi dapertutto inesistenti .

Risultati immagini per vanishing on 7th street

Partiamo dalla recitazione (fronte Nord). Pessima. Christensen si conferma attore che riesce a raggiungere la sufficienza soltanto nei suoi picchi più alti. Leguizamo (trait d'union con E venne il giorno di Mr Night), forse vittima di un personaggio al limite della sopportabilità, affonda inesorabilmente con tutta la barca.
Fronte Sud, l'atmosfera. Dovrebbe essere un horror? Non fa paura nemmeno a un 6enne. Dovrebbe essere un thriller? C'è la stessa tensione che di solito provo nel cercar di aprire un uovo senza romperlo. E'vero, qualche location è buona ed i primi 5 minuti non sono affatto male ma è il solito discorso, un prologo possono azzeccarlo tutti, ma una casa con le sole fondamenta è rifugio per topi.
Fronte orientale, la regia. Nessuna trovata, nessuna capacità di compensare con l'abilità tecnica una sceneggiatura banale e contorta allo stesso tempo. Qualche buona inquadratura dall'alto, per il resto una quasi assoluta staticità che fa pendant con la storia che deve raccontare.
Fronte occidentale, la sceneggiatura. Potrei far la battutaccia e dire che su questo fronte non c'è niente di nuovo. Eppure Anderson tenta il colpaccio, altrochè se lo tenta. Prima di andar nel dettaglio rispetto al penoso tentativo di autorialità del tutto, è impossibile non evidenziare uno degli script più "fermi" e noiosi del cinema moderno. Una volta che i protagonisti si sono rinchiusi nel bar c'è un'ora di nulla, un'ora della stessa vicenda ripetuta una decina di volte. La luce sta per spegnersi, le ombre stanno per arrivare, torna la luce e si salvano.  La luce sta per spegnersi, le ombre stanno per arrivare, torna la luce e si salvano. La luce sta per spegnersi, le ombre stanno per arrivare, torna la luce e si salvano. Un aspetto positivo in tutta questa vicenda c'è, i gioielli di famiglia diventano enormemente più grandi e quindi di maggior valore.
Tra l'altro il film -infarcito di una miriade di errori che stavolta non ho la voglia di raccontare, basti uno per tutti, Christensen che chiede al ragazzo di prendere il suo posto e tenere la macchina accesa mentre lui chiude il cofano. Non poteva chiedere direttamente al ragazzo di chiudere il cofano?????- dicevo, tra l'altro il film non ha una minima coerenza, il comportamento delle ombre cambia di scena in scena tanto che gli stessi personaggi, probabilmente fuor di copione, si chiedono più volte il perchè.

Risultati immagini per vanishing on 7th street film

Ma Anderson alza il tiro. Se è vero che lo spettatore è effettivamente incuriosito dal capire cosa stia succedendo e chi siano quelle creature ( Alieni? Demoni? un'illusione? anime dei nostri cari? ) nel finale si arriva a un pastrocchio che non ho voglia di decifrare. Una specie di nuova Genesi, un Adamo ed Eva? Boh, in questo caso l'unica cosa sicura sarebbe soltanto una progenie meticcia. E quel "io esisto" reiterato cosa vuol dire? Secondo me è lo stesso Anderson a pronunciarlo. Si è reso conto di quello che ha combinato e cerca disperatamente di non essere dimenticato per questo.
Excusatio non petita Brad, excusatio non petita.

( voto 3,5 )

9 commenti:

  1. Il finale è scopiazzato da quell'altro filmone di Knowing, altri bambini destinati a trombare come conigli.

    RispondiElimina
  2. Intendi Segnali dal futuro vero?
    No, non l'ho visto ma me l'hanno presntato come film perlomeno guardabile.
    Vanishing nemmeno quello.

    RispondiElimina
  3. se girerò mai un film, ricordami di non fartelo vedere.

    :-)

    (vado a leggermi il finale di questo che tanto so già che non lo guarderò)

    RispondiElimina
  4. Dai Ciku, non esagerare.
    Al contrario, sono "famoso" per essere quello che salva quasi tutto e regala votoni a destra e manca!
    A meno che non mi trovo davanti boiate assolute.
    E tu una boiata assoluta non la gireresti mai.

    In caso contrario, avrò il buonsenso, come già fatto precedentemente, di mettere una ricetta al posto della recensione. :)

    Drive l'hai visto?

    RispondiElimina
  5. ancora no. domani, credo

    RispondiElimina
  6. Vanishing on 7th street sembra esserre stato fatto da un cineasta alle prime armi che ha molto da imparare, non da nome di tutto rispetto come Brad Anderson. Non me lo sarei mai aspettato! L’uomo senza sonno è uno dei miei film preferiti e anche Session 9 non è da meno. In giro ho letto che parte delle colpe sono da attribuire al sceneggiatore, io resto comunque dell'idea che se un regista è in gamba riesce a coprire i difetti della sceneggiatura. Dai, lo prendiamo come un suo lavoro sperimentale. Si, l'atmosfera post-apocalittica presente nei primi minuti e qualche scena qua e la riescono a trasmettere qualcosa, dopo ho provato la sensazione simile a quella del pianeta, sempre più vuoto.

    RispondiElimina
  7. Senz'altro con quella sceneggiatura fare un film riuscito era quasi impossibile. Coprire i difetti si poteva senz'alro fare ma in questo caso i difetti erano così macroscopici che l'unica possibilità era rifare da capo lo script, non ci sono santi che tengano.

    RispondiElimina
  8. E anche tu sei caduto nel trappolone di Anderson!
    Ah, le matte risate che mi sono fatta vedendo il film...ma proprio a cappottarsi dal ridere.
    Indescrivibile.

    RispondiElimina
  9. Beh Lucia, almeno io sapevo già a cosa andavo incontro, la media di FS parlava chiaro...

    RispondiElimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao