20.1.14

BuioDoc (N°6): Recensione I'm still here (Io sono qui)


(seconda puntata della nuova rubrica dei documentari, o presunti tali, de Il Buio in Sala)
-------------------------------------------------------------------

Immagine correlata

Joaquin Phoenix si ritira dal cinema per darsi all' hip hop.
Uno dei più grandi della nuova generazione di attori ha una profonda crisi esistenziale che lo porta a fuggire da quel mondo dove tutto è finto, dove si è burattini, dove ti dicono dove stare, cosa dire e cosa fare.
"Fare l'attore è un imbroglio" dice Joaquin, fanculo la creatività, non c'è nulla, sei solo mosso da dei fili.
Nella musica puoi essere te stesso.
Ma Joaquin va oltre, non solo prende questa decisione ma vuole raccontarla in un autodocumentario, una sorta di autoritratto cinematografico.
Alla telecamera, pronto a seguirlo ovunque, suo cognato Casey Affleck.
Ora, andare ad informarsi se tutto questo sia una bufala della bufala (la prima la decisione di smettere, la seconda il documentario) può esser decisivo, importante, quello che volete.
Ma forse è più bello star là, credere e non credere, toccare con mano e vedere con occhi l'autodistruzione di uno dei più grandi talenti recitativi della nostra epoca.
Perchè, se fosse tutto vero, e non  lo è, il documentario è di un impatto tremendo.
E se fosse tutto falso, come è in realtà, la genialità dell'opera è incredibile.
Il fatto è che qua non si parla di genio, non si parla di vero o finto, perchè i confini, come in tutte le cose più grandi, sono labili.

Risultati immagini per im still here film

Qui si parla di coraggio.
Perchè Joaquin si fa di coca.
Perchè Joaquin scopa con delle puttane.
Perchè Joaquin se ne va in giro un anno ridotto come un barbone rischiando di buttare nel cesso tutta la sua carriera.
Perchè Joaquin si prende della merda in faccia, metaforicamente e letteralmente.
Tutto falso?
C'è differenza tra falso e preparato, perchè anche in qualcosa che pianifichiamo per fregare la gente ci può essere tanto di vero.
E questo documentario racconta di come ci si può distruggere, di come è facile passare dalla stelle di Hollywood alle stalle di un motel a farsi, di come il successo può non esser niente, niente, o se è qualcosa è qualcosa di terribile.
Non è un documentario perfetto, tutto è molto ripetitivo, statico, non c'è evoluzione (se non nel finale), non c'è quasi nulla.
La storica ospitata da Letterman e quel celeberrimo "Peccato che tu stasera non sia potuto venire" detto da un incredulo David a Phoenix è senz'altro uno dei momenti top ma solo perchè il più sovraesposto, il più folgorante.
Ma è in altri momenti che va ricercata la grandezza dell'operazione, in quelli di degrado personale e privato, nelle liti con gli amici, nei rari momenti di lucidità in cui Joaquin analizza la propria vita.
E non importa, lo ripeto, che tutto sia montato, perchè anche il cinema, quello vero, è tutta finzione ma le emozioni che ti dà sono vere e vero, almeno in quel momento, quello che racconta.

Risultati immagini per im still here film

Phoenix è andato oltre, ha fatto forse del cinema mettendo dentro però tutto il suo degrado, e quel degrado era fottutamente vero.
E quel finale, quel finale è pura poesia, quel tuffo di 20 anni prima si completa adesso e Joaquin va sott'acqua a riscoprire sè stesso.
E comincia a camminare nel fiume, una lunga camminata di una bellezza autentica come poche, altro che finta.
Cammina nel fiume del Poi, nel fiume del ritorno, in quel fiume che anni prima ci aveva portato a interpretazioni magnifiche come ne Il Gladiatore, Signs, Reservation Road, Walk the line e Two Lovers.
Quel fiume del poi che poi ci porterà a toccare l'immensità recitativa  in The Master.
E, ora, in Her.
Provateci voi ad esser finti essendo così veri.
Non ci riuscirete.
Perchè bisogna avere l'anima sporca dentro, sporca di qualcosa che non tutti hanno.
Il genio, lo schifo e la complessità di Joaquin.
Provateci voi.

( voto 7,5 )


9 commenti:

  1. Fu presentato alla mostra del cinema di Venezia e, ovviamente, nessuno sapeva che si trattava di un falso documentario. Ebbene... inutile dire che ci cascammo tutti come polli! Tanto di cappello al regista (Casey Affleck) e, ovviamente, al protagonista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà se uno non si informa (e bene) questo documentario può sembrar vero anche tra trent'anni.
      Che poi, come ho scritto, c'è tanto di vero dentro lo stesso.

      Elimina
  2. film pseudo docu dallo spunto geniale.
    purtroppo però secondo me non molto riuscito. peccato, perché sarebbe potuto diventare un cult...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non si capisce dalla rece, ma sono d'accordo con te :)

      Elimina
  3. Merda. Mi tocca essere ancora una volta d'accordo con Cannibale.

    RispondiElimina
  4. "Provateci voi ad esser finti essendo così veri.
    Non ci riuscirete.
    Perchè bisogna avere l'anima sporca dentro, sporca di qualcosa che non tutti hanno.
    Il genio, lo schifo e la complessità di Joaquin.
    Provateci voi." Come fai chiudere sempre in grande stile così? Recensione letta comunque molto velocemente perchè questo film è un bel po' che dico di vederlo...
    E visto che ci sono ti dico che Her è il film che attendo con maggior trepidazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, aspetta... non ho resistito, me la sono letta tutta e bene. wow.

      Elimina
    2. Ah ah, sempre troppo caro...

      Non è un capolavoro eh, ma credo vada visto, è unico nel suo genere

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao