29.3.13

Horror Underground (n°3): recensione "Cold Fish"

Risultati immagini per cold fish movie poster

Ritorna a grande richiesta (perchè 2 persone in questo blog equivalgono a una grande richiesta) la rubrica
che cerca di far conoscere quelle pellicole "disturbanti" poco note al pubblico. Unici due requisiti sono per l'appunto il genere e la qualità, niente boiate o affini.

Per la seconda volta in 3 puntate della rubrica mi trovo a commentare un film di quel grande regista che è Sion Sono. Peccato che scrivi di Cold Fish a 2 mesi dalla visione, il film meritava senz'altro una rece migliore.
Il bello di Sono è che anche se questo per me è soltanto il suo secondo film mi è risultato già facilissimo individuarne lo stile, il marchio, le tematiche. Vi giuro che anche se non l'avessi saputo, dopo Strange Circus avrei giurato che questo Cold Fish fosse opera dello stesso regista. Impressionante come ritornino certe tematiche.
Il proprietario di un grandissimo negozio di pesci aiuta una giovane ragazza a non essere denunciata per aver rubato in un supermercato. In cambio la vuole assumere nel suo negozio. La famiglia- composta dal padre e dalla seconda moglie odiata dalla ragazza- accetta per gratitudine. Pure il padre poi, proprietario anch'esso di un piccolo negozio di pesci, è costretto a entrare in affari con questo strano individuo. Scoprirà che il successo di questo negoziante nasconde un orrore che si fa fatica soltanto a pensare.

Risultati immagini per cold fish movie

Sion Sono ancora una volta realizza un film talmente malato da rasentare il grottesco. Ritornano tutte le tematiche già viste in Strange Circus, la depravazione sessuale, il cinismo, il successo sociale (qui il negozio, in Circus il libro), la violenza nuda e cruda, i ricordi e gli abusi nel passato che creano mostri nel presente, le mutilazioni, la pazzia, l'assenza totale di speranza e di sentimenti positivi, l'eccesso che sfiora il cattivo gusto per il gore (e forse, pur essendo una manna per gli appassionati questo suo eccesso potrebbe essere un limite, facile colpire con il mostrare, più difficile con il nascondere).
Questo è un cinema estremo e pericoloso perchè pur presentando una violenza quasi irreale riesce comunque a non varcare mai i confini del verosimile, del possibile. Non è un caso che il film, si dice, sia ispirato a un fatto vero.
Il personaggio del negoziante è uno dei più disgustosi della storia recente del cinema, una cosa poche volte vista prima. Inizialmente colpisce la teatralità dei suoi gesti e delle sue parole, il modo in cui senza possibilità nemmeno di controbattere riesce a portare nelle sue spire chiunque voglia.Fa paura il suo eccesso in ogni cosa,e se all'inizio l'effetto può anche apparire comico più si va avanti più diventa inquietante, fastidioso. Finchè, quando scopriamo l'orrore che nasconde, quasi non riusciamo più nemmeno a considerarlo un uomo, la sua totale assenza di sentimenti, di remore, di qualsivoglia sanità mentale spaventa, ve lo giuro.

Immagine correlata

E straordinario è anche il personaggio del padre, una persona mite e buona che in pochi giorni (ottimo l'uso del tempo del film, in pochissimi giorni ogni vita sarà letteralmente sconvolta) diventa un uomo che, dopo quel che ha visto, non ha più niente che lo possa ancorare alla vita o alla realtà, una specie di Cane di Paglia, un uomo che ha la morte dentro. Sempre torbidi, come in Circus, i rapporti tra uomo e donna (a proposito, le due protagoniste sono di una bellezza unica), Sono racconta sempre psicologie malate, vite sconvolte da chissà quali traumi, sia tra i buoni che tra i cattivi. Il film ad un certo punto diventa un pò ripetitivo, la durata è eccessiva, ma l'orrore è così intenso che la voglia di arrivare alla fine per capire, per vedere che può succedere non è mai sopita. E il finale è ancora una volta cattivo come pochi, perchè cattivo è sto regista o cattiva la realtà che racconta.
Alla fine tutti soccombono, gli uomini che a costo di avere il potere sono pronti a tutti e quelli che miti e pavidi non riescono ad affrontare la vita.
Terrificante.

( voto 8 )

47 commenti:

  1. questo devo cercare di recuperarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che, sei matta? Hai appena parlato della tua debolezza di stomaco e ora ti vuoi cimentare in questo sbudellamento?
      Fai bene.

      Elimina
    2. Ma Sion Sono mi piace, forse ne avevamo già parlato... (non ricordo, ho la memoria di un pesce rosso)
      E poi non ho mai detto di essere normale! :)

      Elimina
    3. E' vero! Ma sai che mi sa che ci siamo proprio conosciuti attraverso Sono? Fammi sapere eh...

      Elimina
    4. Adesso faccio un po' la sborona, ma credo di aver iniziato ad infestarti il blog a partire da "polisse"... :)

      Elimina
    5. No, ho controllato, sei apparsa su Il Sospetto, Polisse è stato il secondo. Curioso come siano i due film sui quali in questi 2 giorni ho avuto interessanti discussioni con un nuovo e bravo lettore, Doinel. A tempo perso se vuoi valle a leggere.
      Ci sei andata vicino dai.

      Elimina
  2. UUUUHHHHHH! Capolavorissimo di Sion Sono , io forse lo preferisco anche a Love Exposure...per me da 10 in scioltezza...qui ti allego le mie due parole ( ma proprio due!) sul film in questione( http://bradipofilms.blogspot.it/2012/05/cold-fish-2010.html)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perchè dispongo di uno scaricatore incompetente che non riesce a soddisfarmi???? Uffa.

      Elimina
    2. Ah ah, 10 in scioltezza addirittura? Vengo a vedere.

      Elimina
  3. film enorme.
    il suo unico difetto è come dici quello di essere persino troppo lungo e ripetitivo.
    però sion sono è così. se riesce a trovare qualcuno che lo contenga, questo è capace di fare il capolavoro del decennio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi Miike...
      Sti Jap non hanno il senso della misura, anche Park alla fine con Old Boy pur facendo un capolavoro assoluto ha dovuto inserire più di una scena kitsch, come il piano sequenza delle botte (meraviglioso ma falso come una banconota da 600 euro) o la traiettoria del martello.
      Sobrietà asiatici, un pochino, e sarete i migliori!

      Elimina
    2. un bel film, mi piace il pessimismo in tutto e per tutto. e mi piace l'assenza di sentimenti positivi. la vita è dura, già. gran film devo dire, dopo suicide club, che mi era piaciuto sì e no, questo fa guadagnare punti a sion sono.
      comunque preferisco miike, sarà che ho visto molti più film suoi che di sono, sarà che mi piace l'onirico, l'assurdo, l'irreale. ma i giapponesi la sanno lunga proprio!
      vi consiglio di guardare anche un po' di tsukamoto!

      -ma7

      Elimina
    3. tsukamoto è da anni che lo voglio vedere (ovviamente mi riferisco a tetsuo) ma mi fa un pò paura...

      Miike, che dire, ho amato moltissimo Visitor Q ma non ho gridato al miracolo, come quasi tutti, per Ichi o Audition.

      Per ora sto con Sono...

      ma, fai il login!

      un lettore bravo come te deve essere loggato.
      Ti basta la mail...
      Almeno vai anche nelle statistiche :)

      Elimina
    4. io ho visto tetsuo, tokyo fist e a snake of june. il terzo è sicuramente il mio preferito, una storia che ho gradito di più, mi ha preso di più rispetto gli altri. ma tetsuo fa paura, vedilo perchè è comunque un'esperienza. potrai dire di essere sopravvisuto a tetsuo, pensa tu!

      di miike visitor q sarà il prossimo che vedrò, ma ne ho visti un po' e tutti mi sono piaciuti. magari non al miracolo, ma ho gridato di gioia in tutti quelli che ho visto sinceramente, io amo miike e il suo stile, e mi riferisco a ichi, a audition, a gozu (film che è più onirico di un sogno, vedilo assolutamente) e ai 13 assassini. poi certo, ha fatto duecento film, potremmo vedere miike una volta al giorno e non basterebbe una vita..

      -ma7

      Elimina
    5. tutte quelle che hai elencato sono visioni che arriveranno senz'altro prima o poi.
      Magari tutte insieme.
      E' che con certi registi aspetto sempre il momento giusto.
      Non parliamo poi di Tetsuo...

      Elimina
  4. Visto anni fa e, da quel che ricordo, mi piacque tantissimo. Sono è un regista particolare, sempre molto diretto e durissimo con quello che vuole raccontare/mostrare. Recentemente ho visto uno dei suoi ultimi film, Riaru Onigokko ed è un tripudio di follia, sangue e violenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di aver visto solo due Sono (o 3?) ma mi hanno colpito da morire. Regista estremo, ne parlavamo pochi giorni fa sulla rece di Strange Circus. Ma anche quando esagera riesce a mantenere una credibilità e uno stile che non lo fanno mai scadere nel puro trash.
      Anche se è ridicolo che io dica questo con così poche visioni, mi rendo conto.
      Credo che quello che dici tu sia quel film che ha quella scena assurda del bus, la multidecapitazione. Vado a memoria perchè la postò su fb qualcuno.
      Ah, lo saprai già ma se non lo sai spunta qua sotto "inviami notifiche".
      Non dovrai mai venire a controllare se ti ho risposto o se qualcuno ha scritto in questo post (o in qualsiasi altro dove lo spunti), ti arriva tutto in mail

      ma lo sai di certo

      Elimina
    2. Sì sì, Riaru Onigokko è famoso per quella scena e pensa che nel film c'è altra roba più assurda (ma meno violenta di quella). Comunque sì, so della spunta delle notifiche, grazie lo stesso!

      P.S. Di Sono c'è anche Keiko Desu Kedo che merita, ma è un film unico in tutto e per tutto, è particolarissimo e davvero strano (che a me è piaciuto molto).

      Elimina
    3. Più assurda di quella??

      aahha, va visto. Ma in compagnia, questo è un film da amici e fratello me sa

      ah, se hai we transfer o modi semplici (sono una capra) per inviarmeli fai pure. Ovviamente se hanno sub ita.

      ciao!

      Elimina
    4. Sai come usare Torrent? Altrimenti ti faccio una piccola guida e ti spiego tutto (però te lo scrivo su Facebook in chat, che è meglio). Dimmi tu. ;)

      Elimina
    5. No no, mai imparato e nemmeno voglio scervellarmi ad imparare che tanto i film scaricati saranno sì e no il 10% della mia fruizione totale.
      Passerò i titoli semmai alle mie pushers

      Elimina
  5. E niente, volevo rilassarmi stanotte ed ho scelto Sono.
    Sono a quota 4 e sai qual'è la cosa assurda? Più ne vedo e meno mi piace.
    Il primo ( che dicono sia il peggiore,forse è stato Claudio a dirmelo, non mi ricordo) per me è stato super affascinate! Il secondo, strangr circus, manteneva ancora alto il livello, questo, invece, è iniziato a calare con love exposure ed èn crollato definitivamente con cold fish.
    Trovo Sono molto ripetitivo. Stesse tematiche, la solita mattanza finale che deve impressionare ( magari è il suo segno distintivo, boh?), però alla lunga stancano.

    Comunque voglio rifletterci un po'. Vediamo se riesco a trovare qualcosa di buono.
    Ovviamente continuerò la visione dei suoi film ( ne ho almeno altri 3 salvati sul pc, tra cui tag, quello dell'autobus ).
    Sopra si parlava del paragone Miike-Sono.
    Miike tutta la vita ( anche se ho visto solo Ichi :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps: me sa che sto Tetsuo ci tocca. Praticamente sono giorni che seguo la discussione tra Claudio e Marco su Tsukamotu e adesso lo ritrovo scritto anche qua.
      Questi sono segnali.

      Elimina
    2. Per apprezzare i film di Sono, è necessaria un po' di sintonia col suo stile, se non c' è questo "feeling" diventa pesante. Forse proprio per questo siamo agli antipodi in certi film, io apprezzo meno quelli, non proprio mainstream, ma più caciaroni, diciamo.
      Non che ci sia nulla di male, è capitato così :) Forse in quest' ottica ti potrebbe piacere Tag, poi è anche un film femminista, che vuoi di più? :D
      Dato che siamo in chiusura di torneo ti sparo la mia classifica sononiana, poi magari parti dal fondo ahhaah
      I voti non pigliarli proprio come tali, ma, per utilizzare un termine usato altrove con Marco, come "livelli". Comunque ordinati in ordine di preferenza.
      GRUPPO 10
      - Love Exposure : sì, questo è il mio top tra i film del torneo. Per distacco, non essendo stato incluso l' unico film che potesse insidiarlo.
      GRUPPO 9
      - Noriko's dinner Table
      - Himizu
      - Guilty of romance (altro film femminista :P )
      - Strange Circus
      GRUPPO 8
      Suicide circle : questo stava nel gruppo sotto, rivedendolo pochi giorni fa ho notato una cosa che l' ha rivalutato (che poi è la stesso motivo per cui può non piacere)
      Why don't you play in hell?
      Cold fish
      Love & Peace : questo pure in teoria starebbe sotto, ma avendolo visto 4 volte in una settimana per sottotitolarlo, soffro di Tartarughina exposure :)
      Gruppo 7
      Tag
      Keiko desu kedo
      The room (questi ultimi due sono lavori giovanili, molto teorici, in quest' ottica fanno la loro porca figura)
      Gruppo 6
      - Tokyo tribe :P

      Mi pare di non essermi scordato nulla, se vuoi ti faccio pure il classificone per Tsukamoto e Miike :)

      Elimina
    3. Mi sa proprio che continuerò con tag e guilty of romance. La violenza "mi piace", ma sempre e solo sulle donne mi ha stufata.
      e più della violenza fisica mi dà molto fastidio come vengono dipinte, soprattutto in questi film asiatici.

      Certo che voglio la classifica di MIIKE.
      Su Tsukamoto,invece, toglimi una curiosità: Ha fatto solo film in b/n?

      ps: ma sei un subber(termine giusto?) di film giapponesi?

      Elimina
    4. Oh in Cold fish hai uno stupro su uomo :P
      In realtà Sono le fa così proprio per sottolineare la mentalità arcaica che le vuole così, in questo senso è femminista. Che poi è la chiave di lettura di Guilty of romance, e potrebbe sfuggire, mentre in Tag già è più palese. In questi due film le donne vengono massacrate fisicamente e psicologicamente.
      Anche Miike in qualche modo lo fa: hai visto Ichi che è quello che volevo portare come esempio, dato che è stato accusato di misoginia. Ecco, lì se ci fai caso la violenza su uomini è fumettistica, quella sulle donne è realistica. Per me è una distinzione non indifferente (a favore delle donne).
      Sì facevo sottotitoli (in realtà molto di più ;) ), ma più per la logica del chi fa da sè fa per tre, anziché aspettare che qualcuno li buttasse fuori.
      Di Tsukamoto, quelli in b/n sono Tetsuo: the ironman, Bullet Ballet e Snake of June (quest' ultimo virato in blu).
      Fra un attimo arriva la classifica di Miike ;)

      Elimina
    5. viene stuprato un uomo in cold fish??? In quale scena???
      nuuuu,parli giapponese quindi, ma dai!!! e in Giappone ci sei stato?
      scusa per le domande, ma io sono supermega curiosa^^
      Claudio, mi dà proprio fastidio quando le donne vengono rappresentate deboli e stupide, poi quella voce "gnignigni" non aiuta per niente!!!

      Elimina
    6. Sono abbastanza allibito :) , non è che ti sei sbagliata film? ahahah
      Alt, i sub li traduco dall' inglese eh :) , qualcosina di giappo ho imparato per induzione, lo utilizzo per i dubbi. In Giappone ci potrei pure andare, ma nun c' ho i soldi per il viaggio, altrimenti ho mio cugino che vive lì da anni.

      Elimina
    7. Ma qual'è la scena?
      forse ho visto qualche versione tagliata, può essere?

      Elimina
    8. Mi sa di no. So che esiste un altro film con lo stesso nome, però ecco il fatto è che è la scena in cui Shamoto sbrocca definitivamente, mi pare strano ti sia sfuggito. E a dirla tutta pure quello morto "felice" (il legale) non è che fosse proprio lucidissimo eh :D

      Elimina
    9. Ma quella in macchina? Dove prende a "pennate" Murata?

      Elimina
    10. Sì, prima di prendere la penna ovvio, lì ha già sbroccato :D

      Elimina
    11. Murata stupra Shamoto?
      Ma no, lo costringe a stuprare( che poi non si può parlare di stupro visto che lei è consenziente) La tipa. Murata lo spinge solamente da dietro per fargli prendere il ritmo XD

      Elimina
    12. Lei certo che è consenziente, ma lui no. Non insisto oltre perché mi sa che sei un po' di parte :P

      Elimina
    13. aaah ora ho capito.
      ok, definiamo stupro anche quello (che in effetti da un punto di vista legale lo è).
      Ma uno stupro su una donna o di un uomo su un altro uomo mi farà sempre un effetto maggiore rispetto a quello di una donna su un uomo

      Elimina
    14. Aggiungo solo che facendo questi distinguo poi si entra in un campo dove gli stupratori (quelli veri) ci sguazzano a livello legale, vedi stronzate sui jeans ad esempio, quindi meglio non farli.
      Parto con Miike (ovvio solo alcuni, ne ho visti molti di più)
      GRUPPO 9
      - Izo
      - Visitor Q
      - Gozu
      GRUPPO 8
      - Big Bang Love
      - Dead or Alive
      - Audition
      - Happiness of the Katakuris
      - Dead or Alive 2
      - Ichi the Killer
      - Lesson of the evil
      - The bird people in China
      - 13 assassini (questi ultimi due proprio in bilico)
      GRUPPO 7
      - Fudoh
      - Detective Story
      - Trilogia Black Society
      - Zebraman
      GRUPPO 6
      - As the gods will (a molti è piaciuto, a me non ha detto nulla)

      Credo di averne visti una trentina in tutto, questi son quelli che mi ricordo di rilevanti, qualcuno m' è sfuggito sicuro :)

      Elimina
    15. Mai sentito in vita mia di una donna che ha stuprato un uomo, ma proprio mai.
      è chiaro che anche quello va considerato stupro. Assolutissimamente.
      se ne conosci uno postalo, sarebbe interessante per me seguirne le dinamiche legali.

      seguirò le tue direttive su Miike.
      Visitor q è gia primo nella mia lista

      感謝

      Elimina
    16. Le notizie non te le danno, un po' perché chiaramente son rari, un po' perché poi scattano i commenti balordi del tipo "magari capitasse a me" o "che fortunato". Mi ricordo una notizia di uno che aveva dato un passaggio a 3 donne ed è poi stato stuprato, ora devo andar via, stasera magari te la cerco.

      Elimina
    17. Ah dato che la storia di Murata è tratta da un serial killer vero e quasi fedele all' originale, non escluderei che la mogliettina tutta 'sta santa non fosse, però gli articoli di lei non vanno nei dettagli, dicono solo che anche lei ha ricevuto la condanna a morte.

      Elimina
    18. Ho letto la notizia del tassista russo stuprato da 3 donne (era questa?) ovviamente è inconcepibile che nel c.p. russo non sia contemplato il reato di violenza sessuale ai danni di un uomo da parte di una donna.
      Comunque è la prima volta che leggo una notizia del genere e, chiaramente, il livello di gravità è lo stesso di una violenza sessuale "standard". Null'altro da aggiungere.

      Elimina
    19. Guarda avevo solo un accenno di ricordo, ma probabilmente sì, è quella, se l' hai cercata e l' hai trovata, allora risparmio lo sforzo io :D

      Elimina
    20. Altra discussione molto interessante ma sulla quale, ahimè, non ho tempo di scrivere tante cose

      al volo

      dai pochi film che ho visto (direi 3 Sono 5 Miike) credo di trovarmi più col primo

      la vicenda di Cold Fish è super vera, non mi ricordo se proprio Claudio mi girò l'articolo

      riguardo lo stupro è stata una discussione molto buffa

      invece che fare ste liste qua, Claudio, perchè non fai un bel post, o una serie di post, sul cinema giapponese?
      o generale, o monografie o come te pare

      pensace che te li pubblico

      Elimina
    21. Io ancora devo capì qual è sto terzo di Sono che hai visto oltre a quelli recensiti ahaha
      Il problema di Miike è che su 100 film, 90 sono di genere, molti fatti bene per carità, ma fermate lì. Un peccato considerati i restanti 10, ma se non gli piacesse cazzeggiare non sarebbe Miike :) .
      Per il post boh, è che non so fà a scrivere, però magari se mi ci impegno, qualcosa sulla new wave visto che di Tsukamoto, Miike, Sono e Kitano ho visto gran parte della loro filmografia (vabè di Miike impossibile, ma tanti di quei film spazzatura secondari l' ho recuperati *cough* Silver *cough*).
      Per lo stupro, fortuna che mi son ricordato di quell' articolo sennò non se ne usciva :D

      Elimina
    22. Sta cosa è buffa.
      Uno molto spesso legge la lista dei film recensiti e me fa "come hai fatto a non vedè Pinco Pallino?" "perchè non hai recensito Tizio e Caio?"

      come se quella lista fosse la lista dei film che ho visto in vita mia

      guarda, io direi che non arriva nemmeno al 5%

      cioè, prima dell'apertura del blog io ho vissuto 32 anni senza. E qui troverete solo le cose che ho visto (o rivisto) dal luglio 2009

      insomma, io potrei anche avè visto 25 Sono e qui ne trovi solo due ;)

      detto questo ho controllato, in effetti sono solo quei due, ahaha

      di Miike invece anteblog ho visto sicuro almeno Ichi, dovrei controllare se anche altri

      beh, appunto, un bell'articolo sul cinema giapponese degli ultimi 20 anni, mica male eh

      Elimina
    23. Eh io per quello chiedevo, il fatto che quei due li hai recensiti mi dice che li hai visti, il terzo che ne so, e infatti questo "terzo" non esiste hahah

      Elimina
  6. "riguardo lo stupro è stata una discussione molto buffa"

    "Per lo stupro, fortuna che mi son ricordato di quell' articolo sennò non se ne usciva :D"

    Che antipatici che siete
    Prrrrr
    :-p

    RispondiElimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao