13.6.13

Al Cinema:recensione "The Bay"


Certo che vedere un regista 70enne che fa le scarpe a quasi a tutti i colleghi giovani proprio nel "loro"
campo, quello modernissimo del mockumentary, è davvero sorprendente...
Se poi si pensa che questo regista in carriera non solo se ne è sempre fregato di camere a spalla e found footage ma non ha nemmeno mai affrontato il genere horror davvero vien da pensare che questo The Bay sia un piccolo miracolo.
Barry Levinson stupisce alla grande realizzando un eco-horror tra i migliori di sempre.
A proposito, la tematica ecologista secondo me doveva stare un pò più sullo sfondo, al contrario più si va avanti più ci sembra di trovarsi in un film di denuncia più che di genere; a mio parere questa è una delle pochissime pecche del film.
Ma è un altro l'errore talmente pacchiano in sceneggiatura da dover far finta che non esista per non rovinarsi la piacevolissima, e disgustosa insieme, visione del film. Ne parlerò poi.
In 2 parole il film narra della baia di una piccola cittadina del Maryland che viene infettata da vari scarti industriali, in primis gli escrementi di pollo del grandissimo allevamento che dà lustro e soldi alla stessa cittadina. L'acqua infetta gli abitanti. In un solo giorno la città sarà decimata.

Immagine correlata

Funziona tutto.
L'atmosfera è così densa che lo spettatore prova disagio, fastidio, quasi paura ogni volta che una persona viene a contatto con l'acqua. Ci sono due/tre tuffi in mare che solo in quanto tali creano una tensione assurda, a riprova di quanto il film funzioni. Saper creare paura col niente (un tuffo) vuol dire aver saputo raccontare alla grande fino a lì.  E' proprio la verosimiglianza del tutto (certo, in una base di sospensione di incredulità preesistente) che rende The Bay speciale. Qui si parla di virus o più che di virus di organismi che attraverso l'acqua entrano nel corpo dell'uomo, crescono e lo divorano. Nessuno zombie, nessuna pazzia inumana, solo persone che soffrono come cani mentre il loro corpo viene letteralmente mangiato.
Credo che molte persone abbiano provato un disagio che va oltre la finzione filmica, la pellicola in questo senso è abbastanza pericolosa, il suo terrorismo lo esplica in pieno. Complimenti.
Merito anche di decine e decine di effetti speciali di una qualità raramente vista prima. Le ferite, le mutilazioni, le escrescenze, i corpi mangiati,le stesse larve, tutto è così dannatamente vario e verosimile da godere come un riccio se si è amanti del genere o fuggire terrorizzati se tali cose danno un pò fastidio.

Risultati immagini per the bay movie

La regia, o meglio il modo in cui le varie riprese sono state montate è davvero perfetto.
Nessuna scena di ripresa forzata (filmiamo tutto!) alla REC o altri mockumentary, soltanto un collage di riprese da camere fisse o da persone che usano in maniera verosimile la propria telecamera. C'è un uso dello zoom (credo extradiegetico),specie sui volti, che crea disagio e tensione. E anche la colonna sonora in 2,3 punti è talmente incalzante e ben accordata con le immagini da far sfigurare per atmosfera molti horror recenti (vedi la straordinaria sequenza della comparsa della prima infetta, montaggio serratissimo di più telecamere e colonna portentosa).
E geniale, oltre l'unità di tempo, è la scelta della coppia che arriva in città solo la notte dopo una giornata trascorsa in mare, geniale.
C'è solo un gigantesco e incomprensibile errore però, un errore che non si può giustificare in nessun modo.
Perchè tutti vengono contagiati il 4 luglio?? Perchè avviene tutto quel giorno? Sappiamo dalla vicenda dei sub che l'acqua era contaminata da giorni, quasi un mese, come è possibile che non ci siano stati casi ogni dannato giorno o che comunque siano esplosi tutti solo quel giorno?
Una sola possibile motivazione.
Quelle schifose larve, quegli esserini ripugnanti ce l'avevano con il giorno dell'indipendenza americana.
E' proprio vero che alla fine la politica entra dapertutto, non solo nei vermi vertebrati, anche in quelli che la colonna vertebrale non ce l'hanno.

( voto 7,5 )


16 commenti:

  1. Anche io mi sono chiesta perché proprio il 4 luglio, visto che le mordaci bestiole erano già da un po' in giro per la baia.
    A parte questo dubbio, film grandissimo che piscia in testa in primis ad uno dei produttori (Oren Peli) e al suo Paranormal Activity. L'unico problema è che ho rischiato di morire più di una volta durante la visione, gli insetti mi repellono proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli piscia in testa proprio.

      La cosa del 4 luglio è assurda, vabbeh.

      Recensito?

      Semmai linka Erika.

      Elimina
  2. Film non perfetto, eppure molto più interessante di tanti figli dello stesso genere.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Zitto che stavolta ha ragione il tuo rivale Marco.

      Elimina
  4. Concordo con la tua bella rece dae, anche a me questo film è piaciuto parecchio, grande Levinson, hai proprio ragione quando dici che fa le scarpe ai suoi colleghi più giovani che hanno provato a cimentarsi nel found footage, è vero The Bay piscia in testa a immondizia come i vari Paranormal activity, Blair witch project ..... Levinson dimostra di essere perfettamente a suo agio sia coi tempi dell'horror, che del found footage appunto, che del filone catastrofico, dato che cmq parliamo di una devastante epidemia.
    Buon ritmo, tensione al massimo e diverse scene piuttosto macabre.
    Una gran bella sorpresa questo film :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto contento Myers, perfettamente d'accordo con le tue parole.

      Elimina
  5. bello,nonostante Oren Peli...Levinson ha tanto da insegnare a tanti giovinastri mandati allo sbaraglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranne il cannibale mi sembra siamo tutti d'accordo :)

      Elimina
  6. bello davvero. e lo dice una che detesta il genere. mi ha messo un'ansia pazzesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, mette un'ansia che poi va al di là della finzione filmica. Bastardo...

      Elimina
    2. esattamente :-) il grande pregio di questo film è proprio quello di riuscire a far credere al pubblico, anche solo per un istante, che quello che vediamo sullo schermo è realtà e non finzione, il pathos è ai massimi livelli a differenza di quella cagata di Blair Bitch Project con questi ebeti che piangono davanti alla telecamera o di quell'altra IPER cagata di Paranormal Activity, dove i protagonisti ancora più ebeti urlano e piangono perchè le porte sbattono e perchè si muovon le lenzuola
      ahhaahahahah che film penosi mamma mia
      Levinson l'ha messa in quel posto a tutti ;-)

      Elimina
  7. Ho finalmente visto questo film sull'On Demand di Sky.
    Effettivamente uno dei migliori di questo genere: molte le scene horror ben riuscite, coerente nella trama e nell'uso delle telecamere (merce rara per questo tipo di film), apprezzabile la tematica ambientalista.
    Ho trovato un po' stucchevoli i monologhi della protagonista e l'insistenza di alcune spiegazioni sulla causa della tragedia (corredate di veloci riassuntini di scene già viste)... inutili visto che dopo dieci minuti tutto era già chiarissimo.
    Pero' bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quale è la sua più grande qualità?
      Che è un mock aderentissimo alla realtà.
      La fa deflagrare, certo, ma sulla "carta" tutto è possibile, quindi ti mette quell'inquietudine pazzesca.
      Anche se far succedere tutto in un giorno è (quasi) ridicolo

      Bello sì, son contento siamo d'accordo

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao