28.5.14

Peliculas Para no Dormir (5/6): recensione "La stanza del bambino"

Risultati immagini per películas para no dormir la habitación del nino

Dopo 2 anni e mezzo mi ritrovo davanti per caso in tv un episodio delle Peliculas para no dormir, quella
rassegna di medio o lungometraggi horror al profumo di paella, una specie di Masters of Horror spagnolo cioè che ha visto la partecipazione anche di nomi importanti come quelli del duo recchiano Balaguero e Plaza (un film a testa) o del "vecchio" regista Serrador con quello che francamente è l'episodio più imbarazzante, La Colpa, episodio che, se non altro, ha generato un post per me storico perchè l'unico dove finalmente e giustamente sono stato insultato, e nemmeno pochissimo.
Se volete leggere i precedenti episodi li trovate qua.

In questo mi ritrovo davanti un altro nome abbastanza importante, quel De La Iglesia, regista di culto di tanta critica underground, che a me però aveva recentemente abbastanza deluso con quello strano film, oggettivamente per molti versi mal riuscito, che è Ballata dell'Odio e dell'Amore.
Beh, qua si riscatta, girando un  episodio forse inferiore soltanto a quello di Balaguero.
Intendiamoci, i primi 20 minuti mi stavano cadendo le braccia perchè anche ne La stanza del bambino c'erano tutti i disastri già riscontrati nella Ballata, ovvero l'assoluta incapacità di saper scrivere una sceneggiatura, con dialoghi, scene, raccordi davvero assurdi, frettolosi, mancanti di passaggi fondamentali.
De la Iglesia sembra aver fretta, sempre.
C'è un rumore strano in camera da letto? La mattina dopo il protagonista racconta di un fantasma in casa agli amici.
Il marito si arrabbia? nella stessa inquadratura fa pace, così, senza motivo.
Chiede un articolo in un negozio? la ragazza ce l'ha lì sotto, pronto, ed è un articolo pure strano eh, un Babycall, ossia quelle specie di Walkie Talkie per controllare se il tuo poppante dorme bene o no.

Risultati immagini per películas para no dormir la habitación del nino

Per non parlare di un prologo assolutamente disastroso in cui un bambino fa tutte cose senza senso, prologo che poi si lega al film in un modo misterioso o quantomeno imbarazzante.
Così come è imbarazzante la figura della vecchia, la figura che, appunto, dovrebbe essere (forse) tramite con il prologo.
Del resto i personaggi macchietta a De la Iglesia (come al nostro Argento) piacciono. e manco poco.
Ma che è quella sveglia che c'ha in mano la vecchia e c'aveva il bambino? ma a che serve? ma sticazzi no?
Insomma, c'è tanto di disastroso.
Ma il film ha dentro tante cose così maledettamente buone che alla fine la bilancia pende per queste, senza dubbio.
Ad esempio tutti i video dei BabyCall (sì perchè dopo un pò il protagonista prende la versione più moderna, quella coi monitor), davvero stupendi. E non parlo solo di quelli nella camera del bimbo ma anche di quelli itineranti che fa il protagonista camminando per casa.
E l'idea che quello che il padre vede in video non sia la realtà di adesso ma quella che accadde in passato sarà anche già vista ma è davvero girata divinamente.
Più va avanti più il film funziona.

Risultati immagini per películas para no dormir la habitación del nino

Le due dimensioni, il dubbio di trovarci davanti ad una specie di Shining in cui i fantasmi del passato condizionano e fanno impazzire il protagonista, la scoperta della possibile schizofrenia, il non rendersi mai conto se tutto quello che vediamo sia vero o finto, beh, c'è tanta roba, il film è tutt'altro che banale.
Certo di troiate ce ne sono altre come ad esempio il personaggio macchietta dell'ex collega che in mezzo ad altre minchiate varie usa il paradosso del gatto di Schrodinger (già visto in Lost e in almeno due altri film che non ricordo) in un modo francamente senza senso.
Poi c'è uno uguale a Pirlo, poi c'è lei che si comporta sempre al rovescio di come avrei fatto e pensato io, poi ci sono tante piccole cose che non vanno ma il film ti cattura, ti inquieta anche un pò ed ha il merito di essere ambizioso, tentare il colpaccio.
E quasi ci riesce.

(voto 7)

6 commenti:

  1. Io penso che sia il migliore della rassegna, forse insieme ad un altro che devo aver rimosso.
    (Certo che comunque gli spagnoli ce l'hanno su con i fantasmi...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma più che fantasmi sai che ti dico Mind?
      Che ce l'hanno coi bambini.
      Sempre eh.
      Tranne Para entrar a vivir in tutti gli altri 4 mi sembra ci siano bambini o protagonisti o comunque importanti per le storie.
      E ripensiamo a Il Labirinto del Fauno, La Spina del Diavolo ma anche in Rec eh e chissà in quanti altri.
      Sono fissati coi bambini e coi regazzini

      Elimina
    2. La Madre, The Orphanage...mi sa che hai proprio ragione!

      Elimina
    3. Oh maria, mi ero dimenticato il mio horror preferito e uno degli ultimi discreti che ho visto al cinema.

      E chissà quanti altri...

      Elimina
  2. Vergognosamente non ho mai visto nessuna di queste Peliculas ma magari questa e quella di Balaguero le recupero.
    De La Iglesia è una bestia strana, El dia de la bestia (per l'appunto) mi è piaciuto un casino ma per il resto lo conosco poco e un po' mi intimorisce XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono niente di eccezionale Erica.
      Ma i due che hai citato una visione la meritano.
      A me è piaciuto moltissimo anche Regreso a Moira (Spettro) che aveva un'aura nostalgica davvero bellissima.
      De la Iglesia credo che tendenzialmente non mi piaccia ma finora siamo a 1 sì e 1 no :)

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao