19.5.14

Recensione: "Non aprite quella porta (2013)"

Immagine correlata

Leatherface è Leatherface.
Ossia il numero uno.
Quello con più cuore.
Il numero uno.
L'ho già detto.
Quindi in questi casi parto prevenuto.
Non mi interessa la qualità del film, non mi interessa se è uno di quelli 2.0 o regala atmosfere retrò, non mi interessano tante cose.
Mi interessa lui, come ce lo presentano, quello che fa, quello che è.
Facciamo un pò d'ordine prima...
Questo qua, all'apparenza mera operazione commerciale, è il VERO sequel del film originale, quello che lo omaggia di più, quello che crea con esso un legame più forte.
Ci sono stati altri 3 sequel "ufficiali" all'epoca (insomma,all'epoca, diciamo in quasi 20 anni) ma questo è quello più legato al capostipite.
Poi c'è l'ottimo remake (con personaggi completamente diversi all'orignale) di Nispel e poi il prequel.
Insomma, 4 sequel più o meno legati, un remake e un prequel.
O.k? (lo sto dicendo a me stesso)
Altra cosa.
Un pò di nomi.

Dennis Hopper
Renèe Zellweger
Mattehew McConaughey
Jessica Biel
Ronald Lee Ermey
Viggo Mortensen
Hai Detto Cazzi

no, non è un altro nome, ma proprio hai detto cazzi visto nei film della serie sul massacro del Texas son passati attori paurosi.
Qui c'è Alexandra Daddario, una che è talmente oltre che accorgersi se recita bene o no non è facile.

Risultati immagini per non aprite quella porta 2013 gif

Ma sulla ragazza semmai ci pensa Myers a dire due cose in più.
Poi c'è la Alex di Lost e qui potrei dire qualcosa in più io di Myers.
Ma qui non c'è più la tenera Alex, bensì una ninfomane che merita quasi la fine che fa.
Quindi la lascio perdere.

Ora, perchè distruggere sto film?

Ha un inizio portentoso, con quel raccordo con il film originale che è quasi commovente oltre che montato da Dio. La ragazza che si tuffa alla fine fuori dalla finestra per cadere negli anni 2000 è straordinaria.
Ma ci sono tante altre cose che funzionano.

La storia della bimba trovata nel massacro, poi cresciuta altrove e poi richiamata in Texas è un'ottima idea, un modo intelligentissimo per unirsi cronologicamente e sentimentalmente al primo film.
E non è da meno la storia di Faccia di Cuoio che ha continuato a vivere con la nonna, solo, isolato.
Insomma, il soggetto è ottimo, persino migliore di tanti dei sequel di allora.
Funziona praticamente tutto, il cimitero privato con tutte le date di morte identiche, la nonna morta, Leatherface che dopo il primo omicidio viene trovato tranquillamente in cucina a farsi un frullato all'uomo, gli omicidi efferati con quella motosega che è e rimarrà per sempre l'arma di massacro simbolo nella storia del cinema horror slasher.
Purtroppo mancano gli incredibili personaggi di Nispel, superiori persino all'originale, ma qua non si poteva far nulla, sia perchè semmai dovevano essere quelli del 1974, sia perchè... sono morti tutti :)

Immagine correlata

Poi il film diventa altro. Dall'incidente con il furgoncino (ottimo) in poi diventa altro.
Lei è salva dalla polizia e lui continua a stare in casa.
Insomma, un Non aprite quella porta in cui non c'è più nessuno intrappolato da lui e in cui tutta la città sa dove lui sta. Molto strano, e scelta coraggiosa.
Ma poi avviene il tracollo, il non sense esplode.
In verità già la scena della giostra mi aveva fatto arricciare il naso,con una ragazza che ha un'intera città per fuggire o chiedere aiuto ed invece si aggrappa alla ruota panoramica.
Ma no, il problema è nell'evoluzione dei personaggi.
Capisco l'odio verso quella famiglia ma che quasi un'intera città ora voglia uccidere una bella e dolce ragazza solo perchè ne è discendente è assolutamente fuori da ogni logica.
Una ragazza che poi è sfuggita per un pelo lei stessa dal non essere uccisa.
Ma avviene anche il contrario, anche lei da dolce e impaurita ragazza diventa una Sawyer, un'assassina, una con quel dna lì.
Tutto sembra assurdo, negli anni 2000 non ci sono più istituzioni, non c'è più dialogo, non c'è più niente.
Tutti diventano senza alcun motivo assassini.
Senza alcun motivo, ripeto.
Ho capito, si voleva arrivare lì al macello. Perchè alla fine il macello è il luogo storico ed è giusto così.
Ho capito, si voleva creare il legame tra lei e lui.
E ci si riesce pure.
Ma in un modo quasi improponibile.

Immagine correlata

E così si respira un pò di aria da Firefly, da famiglia di pazzi che in qualche modo ti prende il cuore perchè nella sua pazzia e nella sua inumanità hanno un legame così forte e un senso di riconoscimento unici.
Lo sceriffo cattivo farà la fine che merita in una scena che dir truculenta è poco.
Ora siamo solo noi, avrà pensato Leatherface, che si chiama Jed Sawyer in realtà e che sarà anche Thomas Hewitt in un mondo parallelo.
Ora siamo solo noi e tu sei la mia famiglia adesso.
Ma non toccarmi quel viso, nemmeno te puoi farlo, non toccarmi quel viso, non puoi vedermi, nessuno può.
Se solo sapeste quanto dolore ho dentro, se solo sapeste quanto sto male per quello che sono, se solo sapeste quanto, anche io, vorrei abbracciarvi, farmi vedere, vivere una vita normale.
Ma io sono Leatherface, e non ci sto tanto con la testa.
Sono uno stupido.
Ma non sono cattivo, mi hanno insegnato a far questo, non so fare altro.
Io sono Leatherface e sono uno stupido.
Ma anche io, per quanto stupido sono, riesco a capire di aver bisogno d'amore e d'affetto.

E il mio ce l'hai tutto meraviglioso mostro.

( voto 6,5)

17 commenti:

  1. Per farsi un pò di vera cultura

    Vittima n° Nome Nel film Arma
    1 Proprietario del mattatoio Non aprite quella porta: L'inizio (2006) Martello
    2 Sceriffo Winston Hoyt Non aprite quella porta: L'inizio (2006) Fucile
    3 Alex Non aprite quella porta: L'inizio (2006) Fucile
    4 Holden Non aprite quella porta: L'inizio (2006) Motosega
    5 Eric Hill Non aprite quella porta: L'inizio (2006) Motosega
    6 Bailey Non aprite quella porta: L'inizio (2006) Forbici
    7 Dean Hill Non aprite quella porta: L'inizio (2006) Motosega
    8 Chrissie Non aprite quella porta: L'inizio (2006) Motosega
    9 Kirk Non aprite quella porta (1974) Martello
    10 Pam Non aprite quella porta (1974) Gancio
    11 Jerry Non aprite quella porta (1974) Martello
    12 Franklin Hardesty Non aprite quella porta (1974) Motosega
    13 Kemper Non aprite quella porta (2003) Martello
    14 Pepper Non aprite quella porta (2003) Motosega
    15 Andy Non aprite quella porta (2003) Motosega e gancio
    16 Morgan Non aprite quella porta (2003) Motosega
    17 Buzz Non aprite quella porta - Parte 2 (1986) Motosega
    18 Rick Non aprite quella porta - Parte 2 (1986) Incidente
    19 Peters Non aprite quella porta - Parte 2 (1986) Martello
    20 Gina Non aprite quella porta - Parte 3 (1990) Mazza
    21 Sara Non aprite quella porta - Parte 3 (1990) Motosega
    22 Benny Non aprite quella porta - Parte 3 (1990) Motosega
    23 Autista Non aprite quella porta IV (1994) Spezzato l'osso del collo
    24 Sean Non aprite quella porta IV (1994) Pick-up
    25 Barry Non aprite quella porta IV (1994) Mazza
    26 Heather Non aprite quella porta IV (1994) Gancio
    27 Darryl Non aprite quella porta 3D (2013) Martello
    28 Kenny Non aprite quella porta 3D (2013) Motosega
    29 Ryan Non aprite quella porta 3D (2013) Incidente stradale
    30 Nikki Non aprite quella porta 3D (2013) Motosega e pistola
    31 Ufficiale Marvin Cassel Non aprite quella porta 3D (2013) Accetta
    32 Sindaco Burt Hartman Non aprite quella porta 3D (2013) Trituratrice



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando arriverà a 50 mi ha chiamato a festeggiare in Texas con un pò di frullato d'uomo.

      L'unica cosa che ho paura è che dopo che avremo festeggiato leggerete:

      51 Giuseppe Non aprite quella porta X (2021) Motosega, Martello e Gancio

      Elimina
    2. 32 in 7 film non sono tantissimi, 4,5 a film.

      il ,5 ci sta bene visto che qualcuno lo fa a metà

      comunque Michal Myers in uno dei due film di Zombie, non ricordo quale, ne fa fuori più di 32 in un unico film

      Il mio Leatherface è buono, ve l'ho detto

      Elimina
  2. Questo film stranamente non l'ho ancora visto.
    Probabilmente perché ho letto tantissime critiche e m'è passata la voglia.
    Però forse a questo punto gli darò un'occhiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma le critiche son giuste eh.
      Solo che se sei appassionata del personaggio questo film lo omaggia.
      E omaggia il capostipite.
      E' sì un'operazione commerciale ma non buttato là completamente a cazzo :)

      Elimina
  3. Io adoro il primo Non aprite quella porta, ma questo film è davvero pessimo.
    Non fosse per le due protagoniste. ;)

    RispondiElimina
  4. Guarda, forse parlo da profano perché non sono mai stato legato ai film di questa saga - magari è per via della giovane età che non ho mai apprezzato manco il capostipite - ma non mi ha detto nulla. Però sia questo che il remake di Nispel avevano una cosa in comune: le ragazze e il vestiario. Qui la Daddario legata e con la camicetta mezza strappata, nell'altro la Biel con quella canotta...
    Ecco, l'unica cosa che ricordo di entrambi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jean, se non sei legato alla serie, al personaggio e nemmeno al capostipite questo film è monnezza pura, ti capisco.

      Vedo che te la ricordi bene quella scena eh...

      Elimina
    2. Impossibile.
      Non sono gay, vorrei esserlo ma non sono gay

      Elimina
  5. Prima della visione avevo pochissima fiducia e mi preparavo a vedere il classico sequel inutile e noioso.
    La prima parte mi ha stupito positivamente: piacevole, veloce ed ho apprezzato la scelta di continuare da dove il primo (magnifico) film ci aveva lasciati. Molte idee sono state copiate dal bellissimo "La Casa Del Diavolo" di Zombie, ma chissenefrega, di questi tempi un inizio così' e' tutto grasso che cola.

    Ma poi... e' arrivata la noia e troppe, troppe cose non hanno funzionato: gli addominali delle protagoniste (ma le ette della Biel erano altra cosa) hanno funzionato per troppo poco come distrazione dai soliti personaggi inutili e dalla pessima recitazione; e troppe idee semplicemente non andavano o sono state sviluppate male; ne hai citate diverse nella tua bella recensione e non le ripeto qui... voglio solo ricordarne una veramente incredibile: l'assurda scena della cellulare usato come telecamera dal poliziotto! Scena lunga, noiosa ed inverosimile (perché non mandare rinforzi? cosa dovevano vedere?) che poi risulta anche inutile visto che il cellulare non viene sfruttato affatto per creare qualcosa di speciale.

    Il valore del film e' tutto nei primi 20 minuti, poi basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo bene o male sulla stessa lunghezza d'onda...

      Sì, anche io ho citato i Firefly (La Casa del Diavolo) anche se in realtà potremmo dire che è La Casa del Diavolo a citare i Sawyers :)

      Hai perfettamente ragione, mi sono dimenticato le scena col cellulare, assolutamente pacchiana e disastrosa nelle motivazioni (anche perchè prima il poliziotto fa tanto lo sborone ed entra malgrado il divieto - e sa che dentro c'è lui- e dopo 2 minuti si piscia addosso)

      Disastrosa.

      Io salvo almeno 40 minuti e comunque, anche se ci si arriva in maniera insensata, anche una delle scene finali in cui restano solo loro due e lei prova a toccargli il viso.

      Il problema poi è che quel finale dove ci fanno pensare che d'ora in poi lei accudirà lui è assolutamente privo di senso visto che ora la città e le istituzioni sanno benissimo che lui è vivo, che è un assassino e che sta in quella casa, come possiamo credere che li lasceranno tranquilli? senza considerare che hanno ucciso sindaco e quell'altro :)

      Elimina
  6. Io non ce l'ho proprio fatta con questo remake. Mi sembra tutto sbagliato, ma proprio tutto. Tutto tranne il lato b della Biel, ok :D ma manca ciò che caratterizzava il primo Non aprite quella volta: la critica sociale, l'horrore mai veramente mostrato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la Biel non è su questo :)

      Ma cambia poco, c'è quell'altra.

      No, ma forse non mi sono spiegato.
      Questo è un filmetto, ho fatto una lunga premessa, ma omaggia il primo alla grande nella sceneggiatura e nel legame ed esalta Leatherface.
      Poi dentro c'ha mille disastri.
      E' solo per appassionati incalliti, altrimenti non supera il 5 di sicuro.

      Elimina
  7. Poco da fare, film passa in secondo piano, quella pancia distrae troppo. Era come vedere con i sottotitoli un film troppo verboso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo commento ormonale di Edo?
      Ti capisco.
      Troppo magra magari ma ti capisco.


      (però un'occhiata al mio Leather l'hai data vero? si offende sennò)

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao