25.7.16

I Corti de Il Buio in Sala (16): Astutillo Smeriglia ("Preti" e molto altro)


Un paio di annetti fa mi capitò quasi per caso di imbattermi in un delizioso corto(issimo) animato italiano.
"Preti" si chiamava.
Ne vidi uno, ne vidi due, ne vidi tre, non riuscii più a smettere, li vidi tutti.
L'autore era tale Astutillo Smeriglia e quella miniserie animata online, scoprii, era diventata un cult.
E lo era diventata con pieno merito.
Preti è divertente, colto, tagliente, coraggioso, originale.
E' la storia di un giovane sacerdote che deve fare uno stage presso un prete più anziano ed esperto.
Il giovane prete pone a quello anziano domande apparentemente semplicissime ma alla maggioranza delle quali l'altro non sa come rispondere.
Preti ha una struttura semplicissima, dialoghi essiccati, ma al tempo stesso raggiunge vette altissime riuscendo a parlare veramente di tutto, dei dogmi, delle incoerenze, delle assurdità più grandi presenti nella Bibbia.
Il giovane prete ha veramente sete di sapere, le sue domande sono semplici ma mai offensive.
Smeriglia è tagliente sì, ma mai esagerato o esplicitamente blasfemo.
Disegni semplici, dal tratto cartoonesco e dolce, voci dei due protagonisti perfette, naturali, l'uso dei rumori magistrale.
Preti è un piccolo gioiello che riesce a dire il massimo con il minimo dello sforzo.
E raggiunge, a mio parere, vette di comicità come raramente se ne vedono nella migliore satira.
Eppure, a quanto ne so, Smeriglia è rimasto un "fenomeno" prettamente internettiano.
Qui di seguito vi metto l'intera serie Preti, tutta insieme in un unico video (appena 20 minuti).
Ma forse è più bello seguirla episodio per episodio, così da cogliere meglio i "cliffhanger" finali (la versione qui sotto è più fluida sì, ma fa perdere un pò il senso dei singoli episodi e dei titoli degli stessi)




Smeriglia ha anche un blog che in realtà non ho mai seguito (ma spero di farlo d'ora in avanti) ed ha girato anche altra roba notevolissima, come ad esempio:

lo straordinario
  POLCHINSKI 
(che ricorda molto Una Pura Formalità)




IL GIORNO DEL JUJITSU 
( che solo il titolo è già strepitoso)


IL PIANETA PERFETTO



e l'apparentemente non sense (ma un senso ce l'ha, eccome)
  HOMO HOMINI BISONTE

20 commenti:

  1. Stupendi anche gli altri. Il suono mentre parlano sul pianeta perfetto è clamoroso. Poi avevo riconosciuto Parachutes solo vedendo "CO" e un pezzo di giallo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i suoni sono superiori, sempre

      cosìccome le voci

      a me davano fastidio quegli scarafaggi ma del resto il richiamo a Kafka era forte, la stessa via si chiamava Gregor Samsa

      Elimina
  2. Che perle, vidi in anteprima tutta la serie di Polchinski ai Corti Sonici (festival di corti di Varese) lo scorso inverno e scoprii questo autore.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te e mio fratello l'ho visto e aggiunto, bellissimo

      ma io l'ho visto tutto di fila, non mi immagino dove e quanti potessero essere gli "scatti". In preti uno se li immagina comunque, qui non lo capisco

      Elimina
    2. Sì anche io lo vidi tutto di fila, ma infatti credo che così sia stato concepito, poi da qui avranno deciso di spezzettarlo in episodi per una maggiore fruibilità degli utenti di youtube, vista però l'unità di tempo e luogo (se non erro) non si presta moltissimo al gioco.

      Elimina
    3. eh già

      cioè, non capisco proprio in che modo hanno potuto "tagliare" gli episodi

      Elimina
  3. Il migliore rimane, per me, "jomo homini bisonte": geniale e mai banale, forte ma leggero; un po' come tutta la produzione del buon Smeriglia. Il blog seguito perché merita troppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche questo appena visto e subito aggiunto

      uno meglio dell'altro, sì

      sì sì, l'ho salvato tra i preferiti ;)

      Elimina
    2. è di un altro pianeta lui: comicità fortissima e mai esagerata, disegni meravigliosamente semplici...un dio, peccato lo conoscano così in pochi

      Elimina
    3. e certo, lui è del pianeta perfetto

      Elimina
    4. "Una leggenda indiana dice che un uomo può pronunciare la parola bisonte solo un numero limitato di volte.
      Dopodichè, deve ricominciare da capo"

      Elimina
  4. non hai citato training autogeno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho visto esattamente 6 minuti fa...

      mettiamo anche questo?

      però ancora mi chiedo come è possibile che accadessero quelle cose con i pantaloni

      al pezzo in chiesa so morto

      Elimina
  5. Semplicemente lo adoro!
    Geniale e mai banale. In alcuni casi da lacrime agli occhi!

    ... non per niente da blogger di vecchia data quale sono è da tempo tra i miei link! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo tutti quindi vecchi o nuovi smerigliatori

      colto, intelligente, originale, divertente e sempre molto "dolce", delicato

      ma tanto in Italia i disegnatori fanno una fatica tremenda, e la vicenda Bozzetto lo testimonia

      Elimina
  6. C'e ne un altro di Smeriglia si chiama: Qualcosa di mai visto (carino anche quello) lo trovate su youtube.
    Ciao
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me sa che è l'unico che non ho visto...

      massi, poi te verrò a risponde anche su Pistione e su Eel girl eh, lo sai, non dimentico nulla ;)

      Elimina
    2. Ciao Tranquillo , so che sei super impegnato!
      Comunque cè una cosa che mi piacerebbe sapere su Smeriglia.
      Lo sai che è un nome d'arte il suo e che si chiama Antonio Zucconi?
      Poi per me è anche veneto.
      Ti dico questo perchè guardando il corto che diceva ciuki "Trainig autogeno" ho notato in una immagine un cartello con scritto TRE**se**ghe.
      E' un riferimento secondo me a TREBASELEGHE un paesino ai confini tra il veneziano e il padovano.
      Poi se tu digiti su google il nome di Zucconi
      ti viene un anagrafico con telefono di un tizio che abita a Noale nel veneziano che è un paese vicino a Trebaseleghe .
      Comunque se fosse lui Smeriglia io sarei quasi suo compaesano!
      E' che su internet come biografia di Smeriglia non trovi quasi niente.
      Comunque tra tutti il corto che preferisco è Il giorno del Jujitsu perchè le animazioni ricordano molto quelle di Go nagai e mitici robot degli primi anni 80 e giustamente ,alla fine del corto Smeriglia lo ringrazia.
      Discorso a parte per Bisonti ,il migliore come animazioni che però non è stato disegnato da lui.
      Peccato che resti un fenomeno del web perchè le sue serie a cartoni non sfigurerebbero in tv anche se io preferisco mille volte i SIMPSON...non c'e confronto (satira o non satira).
      A presto ciao

      Elimina
    3. ahah, ma sei un detective straordinario!
      No, non ho cercato nulla ma non avrei mai pensato che si "nascondesse" così, almeno nella biografia

      sì, il giorno del Jujitsu è fantastico ed ho notato anche io il ringraziamento a Go Nagai ;)

      ah, infatti mi sembrava che i disegni di Bisonte fossero di un'altra mano ma, ecco, ho immaginato una sua grande poliedricità e basta ;)


      beh, in tv no perchè alla fine l'unica serie è Preti e dura solo 20 minuti

      ma certo che rimane un artista abbastanza dimenticato e che se fosse aiutato potrebbe, ad esempio, produrre un gran lungo...

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao