15.5.13

Recensione: "Affliction"

Risultati immagini per affliction movie poster

Rubrica non ufficiale: Scuse a Ciku (N°1)

Se vi piacciono quelle atmosfere nere, cupe e dense di certe pellicole americane come Mystic River e Gone Baby Gone senz'altro questo bellissimo film di Paul Schrader fa al caso vostro.
Strana la carriera di questo regista. Un inizio folgorante con American Gigolo e poi piano piano la cresta dell'onda che si fa sempre più bassa. Proprio Affliction (anno 98) fu probabilmente a livello di critica e consensi l'opera che poteva farlo tornar fuori. Niente da fare invece. Di Schrader mi piace ricordare però il particolarissimo Adam Resurrected, molto apprezzato in questo blog.
Affliction  è il classico film americano che racconta la propria provincia, in questo caso una piccola cittadina del New Hampshire. Mascherato da crime story il film è in realtà il lento ma inesorabile sprofondamento nella depressione del suo protagonista, lo sceriffo Wade Whiteouse (un ottimo Nick Nolte), un uomo che in pochi giorni vede sgretolarsi tutto quello che ha attorno, la famiglia, il lavoro, gli amici, sè stesso.

Risultati immagini per affliction movie

 Opera di rara forza psicologica Affliction racconta di come il nostro passato, la nostra infanzia, specie quando viene innaturalmente deturpata e violata, ci cambia poi per tutta la vita, ci indirizza, ci porta piano piano, senza che ne accorgiamo, a un punto che pare prestabilito da sempre. La progressiva solitudine di Wade (convinto che un suo collega abbia ucciso un uomo in una battuta di caccia) è l'inesorabile declino di un uomo i cui demoni passati urlano nelle orecchie. La sua incapacità di gestire il rapporto con la figlia, i suoi scatti di violenza, l'accorgersi lentamente che la sua "natura" sta venendo fuori portano Wade ad una sorta di lucida pazzia, mai completamente folle, ma quel forte senso di disagio che in vita ci mostra le cose per quello che in realtà non sono. 

Risultati immagini per affliction movie

A tutti noi sarà capitato di stare così male e aver così tanta paura da non riuscire freddamente a capire la realtà che ci sta intorno, a cercare risposte e verità per permetterci di mantenere un nostro personalissimo equilibrio interiore. Wade cerca di formulare una sua verità riguardo quella battuta di caccia ma nel frattempo si allontana sempre più dalla vita, dalla realtà dei suoi rapporti. E il trauma avuto da bambino è uno tsunami che in questi casi si fa sempre più fatica a contenere. Magnifica la scena in cui suo padre (grandissimo Coburn) è finalmente orgoglioso del figlio quando riconosce in lui quella violenza che gli faceva da piccolino.
E' la storia del figlio che diventa sempre di più come suo padre e il fatto che le vicende riguardino un 50enne e un 80enne rende le cose forse ancora più tragiche e dà a questo film un'aura così triste, deprimente e nera che colpisce lo spettatore.
Attori magnifici, location sotto la neve molto suggestive e una sensazione di lenta discesa all'inferno davvero potente.
Un recupero doveroso credo.

( voto 8 )

14 commenti:

  1. Dovrebbe piacermi questo film, visto che ho particolarmente apprezzato "Mystic river" e che adoro Nick Nolte e Willem Dafoe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma allora che cavolo aspetti?

      tra l'altro i due qua son fratelli :)

      vengo domani per lo cascio, ciao!

      Elimina
  2. :(

    vabè, leggo cosa hai scritto, va'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciku, ti prego, credimi, è una questione morale ormai.
      Scherzo sempre ma davvero, lo vedrò al 100%, mi sembra di prendersi in giro sennò

      sono quei maledettissimi costumi, ma non c'è un modo per toglierli durante la visione e vedere gli attori nudi?

      Elimina
    2. (ahahah. esco un attimo dal personaggio per dire: maffigurati, stai tranquillo. lascialo pure perdere, mica è grave! secondo me è plendido ma non ti preoccupare, non ti odio mica se non lo guardi. se tu mi chiedessi di ascoltare un cd - o anche solo una canzone - di rossi, credo che starei malissimo quindi posso capirti. dai, ritiro la mia candidatura al film e lascio il posto a qualcun altro. detto ciò rientro nel personaggio e dico:)

      e io che m'ero immaginata un venerdì in gloria. vado a calciare sassi in strada a testa bassa...

      Elimina
    3. Tempo che mi riprendo ne scrivo.
      Accidenti a te e a tutte le Olenska del pianeta.

      Elimina
    4. è andata così male?

      Elimina
    5. Comincio a scrivere adesso, se non ho intoppi entro tre quarti d'ora pubblico.

      Elimina
  3. Grande film, grande Nolte, grandissimo Coburn.
    Ottimo ripescaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ne hai parlato linka, mi piace particolarmente leggerti sui classiconi

      Elimina
    2. Grazie a te Giocher.

      Ascolta, stasera comincio una nuova rubrica, ti dico solo che per rifarmi di quell'altra cosa se vuoi ti metto primo della lista. Solo se ti interessa, è una cazzata.

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao