3.6.15

Tutti i documentari de Il Buio in Sala


Già ormai da più di un anno ho cominciato a mettere un pò "a posto" il blog, cercando piano piano di dividerlo in categorie che ne facilitassero la consulatazione.
Categorie, rubriche e contenitori che ho messo a casaccio un pò qua sopra (le pagine sotto il titolo del blog), e un pò a destra con le etichette che in gran parte contengono tutte le rubriche esterne e qualche mio divertissement, oltre a tutto quello che non è recensione (articoli, racconti etc...).
Ma tutte queste divisioni le ho cominciare con 4,5 anni di ritardo e questo ha portato, ad esempio negli Abomini, che uno trovi soltanto una decina di titoli della 40ina che avrò recensito.
Siccome immaginavo che i documentari non fossero molti ho voluto allora partire da loro e dare una sistemata definitiva e completa alla pagina BuioDoc, pagina che c'è già da un anno a dire il vero, ma che, come dicevo, era ovviamente incompleta.
Ed eccoli tutti i documentari, quasi tutti molto interessanti.
Ho messo dentro anche roba "ibrida" come i due film di Minervini (l'ultimo, "Louisiana", recensito appena ieri), come "Diaz" (fiction o.k, ma documentario in tutto e per tutto nei fatti narrati) o come  "Cesare deve morire", film a suo modo unico.

C'è veramente di tutto, pochi ma buonissimi.
L'assurda esperienza di "The Second Game", il Boyhood italiano "Le Cose Belle", documentari solo di montaggio come "Room 237", biografici come "Sugar Man", "Pussy Riot" o  "The Internet's Own Boy", strani esperimenti come "Revolution Zanj" (rece scritta al 70% non da me) e qualche mezzo capolavoro come i due gemelli "The Act of Killing" e "The Look of Silence", o come "L'Impostore" e "L'Immagine Mancante".
Sperando di poter fare questo anche con altre categorie vi lascio ai titoli che, ricordo, potete sempre comunque trovare nella pagina dedicata qua sopra.


N°1: Sicko



N°4: Diaz







N°11: Room 237




N°15: Sacro Gra



N°18: Sugar Man




N°22: Louisiana

6 commenti:

  1. certi film stanno davvero stretti nei documentari, penso a Oppenheimer e Diaz e Taviani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo dici a me??

      Ahah, ho messo 9 ai Taviani e ho considerato i due di Oppheimer come i più bei film dell'intero anno scorso, ma proprio primi eh...

      No, è da intendersi proprio al'opposto, non è una restrizione, ma un allargamento, film tout court bellissimi che possono entrare anche qui

      Elimina
  2. devo prendere un po' di titoli da qui, mi piace molto il genere, ne hai uno particolare da consigliarmi? (diaz, taviani, act of killing e room 237 già visti)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, intanto il seguito di The Act of Killing, per forza.

      Poi direi L'impostore.
      Poi L'immagine mancante.
      Poi Sugar Man.
      E se ti interessa l'argomento anche Internet....

      E i due Minervini sono molto interessanti.
      E anche tanti degli altri.
      Boh, ti ho solo messo, a pelle, una gerarchia che mi ispiri te ;)

      Elimina
  3. Pierluigi Tronchetti11 giugno 2015 00:34

    Carissimo Giuseppe, qui manca il capolavoro!!! Mi riferisco a " Il sale della terra" , documentario per il quale avrei voluto buttare giù qualcosa, tanto e' stato potente l'impatto emotivo che mi ha dilaniato il petto. Poi, però, ho desistito, consapevole che le uniche parole che vorrei spendere servissero a promuovere la visione della suddetta "poesia" a quante più persone possibile. Io credo che quest'opera sia indispensabile , in quanto, anche se sovente in modo brutale e doloroso, ci ricorda la nostra connessione con la terra..." terra da cui nasciamo e a cui un giorno torneremo"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pierluigi!
      Ma no, aspetta, questa non è nè una classifica, nè una rassegna dei migliori doc nè altro, semplicemente l'elenco dei documentari che ho recensito nel blog....

      Però il caso è comunque buffo perchè io Il Sale della terra l'ho visto...

      Ma non recensito, sto che mi aveva chiesto di farci la recensione una ragazza. E alla fine non ho nè scritto la mia nè messo la sua.
      Film straordinario, a tratti quasi insostenibile in quello che mostra. C'è dentro tutto, dalla miserie alla grandezza umana

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao