9.9.14

I 20 film (non conosciutissimi) più disturbanti degli ultimi anni - parte 1 -

Qui ne Il Buio in Sala di film disturba(n)ti se ne sono visti tanti.
Ho pensato di metter su una lista con 20 titoli meritevoli.
Ci sono tantissime limitazioni.
1 Ovviamente c'è dentro solo roba che ho visto, so benissimo che ci sono film anche molto più disturbanti che purtroppo devo ancora vedere.
Penso a Gummo, La Moglie del Poliziotto, Nella mia pelle, Feed e chissà quanti altri.
2 Poi, seconda limitazione, ho voluto inserire solo roba non famosissima.
Magari in 2,3 casi non mantengo questa linea ma la lista è mia e faccio come voglio :)
3 Terza limitazione quella cronologica.
Ogni volta che faccio una classifica o una lista mi limito essenzialmente agli ultimi 10 anni di cinema.
E a tutti film passati questi 5 anni nel blog.
Quindi niente Salò, Eraserhead et similia.
4 C'è anche una quarta limitazione, ossia quella della qualità.
Ho cercato di inserire film per me validi, altrimenti nell'underground c'è roba molto più forte, vedi gli August Underground o altre boiate simili.
Col cinema, per me, non c'entrano niente.

Andiamo.
Cliccando il titolo c'è la rece.

1 ANTICHRIST
Antichrist

O.k, avevo detto niente roba straconosciuta.
Ma ci sono due buoni motivi.
Uno che questo film mi ha così disturbato che non sono riuscito a scriverne la recensione.
Due perchè Von Trier lo voglio sempre dentro.

2 COLD FISH
Cold Fish

Una specie di Cane di Paglia (e infatti la locandina lo richiama) esasperato all'ennesima potenza. Oltre al sangue quello che disturba di più è un personaggio davvero indimenticabile per la sua assoluta pazzia

3 EX DRUMMER
Ex Drummer

Film belga (attenzione, i belgi e il disturbo sono una cosa sola) stranissimo, pazzo, malato ma anche divertente.
Qui il disturbo gioca col grottesco.
Comunque, almeno per me, è un film molto meno stupido di quello che sembra.

4 MISS VIOLENCE
Miss Violence

La ragazzina si butta disotto.
Quel sangue sul selciato.
Piano piano capiremo perchè.
Con la fastidiosissima sensazione che forse era la migliore cosa da fare

5 UNA STORIA AMERICANA
Una storia americana

Documentario sulla vera storia di questa strana famiglia americana in cui il padre, e forse anche i figli, furono accusati di pedofilia.
In realtà quello che disturba non è tanto il tema (anche perchè non c'è una mezza immagine forte in tal senso) ma la famiglia stessa.
E parecchio

6 CALVAIRE
Risultati immagini per calvaire

Secondo film belga messo dentro.
Già la scena del ballo basterebbe di suo.
Ma poi, a metà film, quel lui preso per lei ti spiazza, tutto pare assurdo.
Ma, ed è quello che disturba, verosimile.

7 MARTYRS
Martyrs

Beh, possiamo raccontarcela come ci pare ma almeno l'ultima mezz'ora di Martyrs non è come vedere Peppa la Maiela doppiata dai 7 cervelli eh

8 TARNATION
Risultati immagini per TARNATION
Piccolo film al quale sono legatissimo sul disperato tentativo di un figlio di salvare la madre.
In mezzo a tanta sofferenza, tanto degrado, tante speranze e tanto dolore.

9 AUDITION
Audition

Di Miike ho preferito altro (sarà nella seconda puntata).
Ma anche qua è innegabile che dal sacco che si muove in poi lo spettatore difficilmente riesce a rilassarsi...

10 E ORA PARLIAMO DI KEVIN
...E ora parliamo di Kevin

Il rapporto raggelante tra una madre e il proprio figlio.
Non c'è amore, non c'è affetto, non c'è niente.
Solo, apparentemente, due persone che vorrebbero che l'altra non esistesse.
Poi la tragedia e poi un abbraccio che è come un pugno.
Splendido.

42 commenti:

  1. E ora parliamo di Kevin è un pugno nello stomaco tale che il 90% degli horror esistenti dovrebbe inchinarsi al suo cospetto. Calvaire purtroppo mi ha fatto solo fare delle grasse risate, salvo giusto la scena del ballo che hai citato tu :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura fatto ridere?
      Ma sì, in certi film il confine tra il disturbo e il comico è labilissimo, succede anche a me.
      Sì, forse a livello psicologico Kevin qui è il numero 1

      Elimina
  2. 1-3-6-7-9-10 li ho visti... gli altri li recupero! Grazie delle dritte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dò una bella notizia.
      Ti mancano alcuni dei più belli :)

      Grazie a te, figurati

      Elimina
  3. ecco, di questa classifica li ho visti quasi tutti. Forse fa bene mia mamma a dirmi di guardare cose più 'sane' XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è restar sani noi :)

      Ma tua mamma è come tuo babbo, dice cose giuste

      Elimina
    2. Ma io credo che, come sempre, farò di teta mia ;)

      Elimina
  4. Ti dirò sinceramente che nessuno dei film qui elencati mi ha realmente disturbato (Antichrist, comunque vale senza dubbio il primo posto, e Martyrs lo segue a ruota), indietreggiando nel tempo invece il discorso cambia. Ma credo che ad oggi, la ripetuta visione negli anni di mazzate del genere abbiano finito per creare in me una sorta d'impassibilità fittizia, che poi non riesco nemmeno a spiegarmi visto che comunque, mi commuovo di fronte ad altri film (fammi vedere anche per cento volte "Dancer in the Dark" o "Au Hasard Balthazar" di Bresson, e ogni volta dovrò prepararmi i fazzoletti) per farti un esempio...Boh, forse sono già morto durante una di queste visioni e non me ne sono accorto? :p
    A ogni modo, restando attinenti all'ultimo decennio, tra questi film folli te ne manca uno che mi ha veramente ridestato dal torpore, ed è proprio "Nella mia Pelle" (Penso tu ti riferisca a "Dans ma Peau" di Marina de Van). Se è quello, recupera al più presto, tra l'altro l'ho rivisto proprio qualche giorno fa (per la terza volta) e posso garantirti che fa sempre il suo porco effetto...
    Buona serata Giuseppe :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Giustissima la regola di escludere quei prodotti più underground (termine fin troppo elegante a dire il vero) prevalentemente splatter che inondavano il mercato video soprattutto nei '90. Tra le cose più disgustose (e splatter, considerando la povertà di mezzi, perchè in fatto di qualità credo che la summa di tale genere resti l'ononimo il film di Peter Jackson) viste, c'è sicuramente la trilogia di Andreas Schnaas, "Violent Shit",,, e già il titolo la dice lunga ;)

      Elimina
    2. Ti ringrazio dell'interessantissimo commento Frank perchè mi permette di specificare due cose...

      Primo.
      Sì, è vero, anche a me quasi niente disturba più.
      In realtà anche film che ho messo qua non mi hanno disturbato granchè ma li ho messi un pò perchè alcuni oggettivamente un pò di fastidio te lo danno, un pò perchè alcuni mi sono rimasti "dentro" in qualche modo, conturbato più che disturbato.
      Sì, se andiamo indietro anni c'è molto di meglio.
      Io sono convinto che i film che vedi te siano molto più disturbanti di questi, anche perchè quel tipo di cinema che ami (e che molto probabilmente amo anche io le poche volte che mi ci imbatto) è un cinema che va molto più "dentro".
      Per i pianti te hai citato due film, io dovrei citarne 50...

      Sì, ho citato Dans ma peau perchè so per certo quanto sia disturbante.
      Proprio per quello ho sempre aspettato il giorno giusto.
      Anche Gummo, sebbene per altri motivi, non credo sia una visione facile.
      Ultima cosa sì, nell'underground c'è roba immonda, gli shock movies non ci contano.
      Ma la maggior parte sono, e lo sai, film che vogliono solo scioccare senza avere praticamente nulla dietro.
      Però uno di questi, Il Cameramen e l'assassino, ho invece scoperto tramite un amico che è tutt'altro che amatoriale o fine a sè stesso.

      Ciao Frank!

      Elimina
  5. 4 su 10 (antichrist. ex drummer. martyrs e calvaire) quest'ultimo lo metto sopra gli altri perché il finale con quell'estenuante e ridicolo inseguimento mi è rimasto in mente come poche altre immagini, e poi le sabbie mobili, e poi lui in ginocchio e la mano tesa, un incubo

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Che poi quel finale Filippo mi sembra bellissimo per regia e fotografia, sbaglio?
      Purtroppo son passati 3 anni, dovrei rivederlo...

      Elimina
    2. Io l'ho visto circa un anno fa o poco più, ricordo bene la storia non altrettanto la fotografia e la regia, quella palude però me la ricordo e ricordo ancora meglio lo sguardo di quel vecchio che affoga con la mano tesa, non penso che lo dimenticherò mai, chissà perché, di cose orrende nei film ne ho viste di peggio, ma questa è lì e lì rimane, sarà forse legata a qualche mio incubo o chissà che.

      Elimina
    3. Rivisto adesso :)

      Il finale dico

      E confermo la bellissima fotografia nei boschi e nella palude

      E sì, la scena è fortissima, lui ancora vestito da donna completamente massacrato, il vecchio che affonda nelle sabbie mobili e chiede aiuto, lui che lo guarda morire senza aiutarlo e il vecchio che allora gli chiede "dimmi che mi amavi" "sì, ti amavo"

      assurdo

      Elimina
    4. ahah le ultime battute non me le ricordavo!

      Così forse per me si riduce il disturbo che dà la scena, io ricordavo avvenisse in silenzio (solo un "aiuto" del vecchio, ma quasi bisbigliato) ed era tremendo.

      Elimina
    5. No no, ti assicuro che il dialogo lo rende ancora più disturbante...

      Elimina
  6. E ora parliamo di Kevin mi ha gelato il sangue. Gran gran gran film. Ma il finale di Martyrs è quasi poesia, lui bellissimo e io inesorabilmente innamorata.
    Ero anche convintissima di avertelo già lasciato, questo commento, ma si vede che o me lo sogno di notte o davvero non ci so fare con la tecnologia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "lui" chi intendi? il film? :)

      beh, se c'avevi già provato a lasciarlo ti ringrazio, io quando scrivo un commento che poi non si pubblica mi arrabbio così tanto che nemmeno morto lo riscrivo :)

      Ciao!

      Elimina
  7. Beh, Martyrs è uno dei miei film-simbolo, è quello che mi ha fatto rivalutare gli horror francesi.
    Audition...sarò estremamente terra-terra ma ci ho capito ben poco, però la scena degli aghi mi ha turbata...probabilmente perché ne ho la fobia.
    E ora parliamo di Kevin, ogni volta che lo vedo mi lascia un'angoscia tremenda addosso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che posso nominare Kevin vincitore assoluto a leggere i commenti :)

      Sì Mind, anche a me Audition non ha fatto impazzire, malgrado sia uno dei cult assoluti degli appassionati

      Martyrs anche per me è un'altra cosa...

      Elimina
  8. E di questi ho visto Martyrs, agghiacciante, Miss Violence che mi ha letteralmente terrorizzata non so il perchè, e infine quello più tosto di tutti, antichrist, aaaaaaaaah dopo la fine della visione avrei voluto prendere a bastonate von trier per la sua sadicità, in questo film fa diventare masochisti gli spettatori...brutto cattivone tzeè xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miss Violence ti ha terrorizzata e non sai perchè??
      In teoria sarebbe l'opposto, non sapere perchè NON ti ha terrorizzata :)

      Antichrist vabbeh, c'è poco da aggiungere.

      Grande Trier :)

      Elimina
    2. si, la trama di Miss Violence è praticamente da pelle d'oca, il film è molto disturbante, anche se non si vede neanche una goccia di sangue, x antichrist avrei voluto menare lars von trier, m'ha fatto soffrire ^_^

      Elimina
    3. Ma Lars che non fa soffrire non è Lars.
      Devi saperlo :)

      Elimina
  9. Fatico enormemente a guardare questa tipologia di film. O meglio: probabilmente non mi piace ciò che la loro visione mi lascia dentro di conseguenza. Di questa prima lista ho visto solo Martyrs. Non mi pronuncio perchè mi rendo conto che la mia è un'opinione data da una presa di posizione. Ho visto Feed che citi inizialmente. Di "The woman" che ne pensi? Ho visto anche quello, non so se possa essere inserito in questa lista. Forse sì. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Woman avevo aspettative altissime e mi ha deluso.
      E ha deluso anche le altre due persone che conosco che l'anno visto.
      Purtroppo mi avevano parlato di horror del decennio etc..., non lo so, a parte il finale mi è sembrato quasi amatoriale in alcuni aspetti.

      Per il resto...

      Marti, non so cosa intendi...
      Nel senso che qui "alla Martyrs" c'è solo Martyrs.
      La maggior parte (almeno 7 su 10) non sono nemmeno horror o torture, quindi non capisco se te rifiuti proprio questi film psicologicamente forti oppure stavi un pò mettendo tutti sul calderone horror.

      Io son convinto che almeno 5 ti piacerebbero. :)

      Elimina
  10. Sì, intendo proprio dire questo tipo di "psicologicamente forte". Martyrs m'ha ammazzato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Martyrs anche, e soprattutto, a livello visivo è devastante.

      Prova Dogtooth, Kevin, Calvaire, roba che ti entra in testa in maniera diversa.

      Vabbeh basta, costringere a vedere sti film mi potrebbe portare in prigione, hai ragione

      Elimina
    2. Ma mi avevi già convinta un commento fa. Giurin giurello ;)

      Elimina
    3. https://www.youtube.com/watch?v=vhpsY9QZJFE

      Elimina
  11. Guardate che "disturbante" nel senso di "inquietante" è un errore gravissimo in Italiano e non può essere usato. Si tratta della traduzione erronea dell'inglese "distrubing" ovvero "inquietante". È "inquietante" l'aggettivo corretto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ?
      Disturbante che disturba
      Inquietante che inquieta
      Che non esistano sinonimi nella lingua italiana è un estremo carino da scegliere come opinione, ma "errore gravissimo" mi par eccessivo...
      Usa più aggettivi per definire qualcosa e magari con le sfumature di uno e dell'altro fai capire meglio cosa intendi.
      (Poi comunque usa una parola in un senso minimamente figurato e voilà. Puoi dir di tutto).

      Elimina
    2. Io sinceramente a parte l'interessante informazione etimologica non capisco...

      Come dice Edo disturbante in italiano significa che disturba, che crea fastidio.
      E questi film sono più disturbanti che inquietanti.
      L'inquietudine io la associo all'apprensione, alla "minaccia", finanche alla paura.
      Il disturbante invece è qualcosa che può anche farti star "tranquillo" ma in qualche modo ti dà fastidio.
      Ecco, che poi alcuni di questi film siano più inquietanti che disturbanti magari ne possiamo ragionare ma per il resto io credo non sia stato fatto nessun errore, tantomeno "gravissimo".

      Elimina
  12. Antichrist è un film della Madonna. E la Madonna (ovviamento oltre il velo dell'iconografia maggioritaria) è dolce ma umida, buia e sanguinolenta. Mi ha disturbato sì, ma è troppo bello per essere ricordato per quello in modo prevalente. E lo stesso dicasi per Kevin, un film davvero istruttivo, che porta al confronto. Martyrs invece purtroppo m'è proprio rimasto dentro un bel po', e secondo me quel film non lo merita. Però è meschino ed efficace nella sua ricerca di dolore, violenza estrema, e nella sua sovrapposizione (un po' alla carlona forse, ma vabbè) con l'altra faccia della medaglia della pace. Vorrei non averlo visto.
    Coldfish e Ex drummer mi incuriosiscono, ma non so se riuscirò a digerirli.
    Però il film che mi ha più agghiacciato (forse, come ci ricorda il pedissequo anonimo quissù, non è lo stesso di disturbante) è Il tempo dei lupi di Haneke.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belle considerazioni MG, su tutto, complimenti.
      Antichrist lo devo rivedere, ho avuto così tante sensazioni che m'è praticamente fuggito via dalla mani senza capire quello che m'aveva dato.

      Coldfish e il film belga son diversissimi. Il primo è pazzo, cattivo e con molto splatter, il secondo grottesco, a tratti quasi comico, fastidioso in altri.

      Eh, lo so, quel film devo vederlo. Anche perchè di registi superiori ad Haneke ci son pochi...

      sul disturbante poi...

      Elimina
  13. A proposito di Haneke ... anche "Benny's video" non scherza in fatto di "disturbanza" (lo so, lo so, è un termine inappropriato ma suona bene :-) ). Comunque la lista mi piace, solo films degni di essere visti; a me colpì particolarmente la storia vera dei Friedman in "Una storia americana". Terribile, terribile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, praticamente me l'ha detto chiunque l'abbia visto ;)

      Io non l'ho ancora visto, di Haneke me ne mancano 3 di filmoni

      Una storia americana l'abbiamo visto in pochi credo, ma merita. Soprattutto nelle parti leggere è disturbante, sta qui il paradosso

      c'è anche una seconda puntata, ma l'avrai vista

      un saluto

      Elimina
    2. No... non l'ho vista. Quando avrai tempo, se te lo ricordi, potresti scrivermi il titolo? Grazie :-)

      Elimina
    3. E' lo stesso identico ma con parte 2 al posto di 1 ;)

      in ogni caso in cima, su LE MIE CLASSIFICHE, trovi tutto ;)

      Elimina
  14. Ho visto Antichrist!
    Comprendo perfettamente quando dici che è un film difficile da recensire. Io non so dirti se lo considero un capolavoro oppure no, però penso che tra tutti quelli di Trier che ho visto sia uno dei più intensi. C'è un sacco di roba dentro questo film, ho intravisto un particolare uso della simbologia (sbaglio?) davvero affascinante. È un film difficile, oscuro, maligno e per me molto più complesso di quello che può sembrare.
    Mi ha rapito, mi ha trascinato lentamente in quel vortice nerissimo creato da Trier. C'è un contrasto bellissimo tra la razionalità di lui e la discesa nella depressione e nella pazzia di lei. Interessante il fatto che non ci viene comunicato il loro nome, rendendoli quasi due entità a se stanti, separate da tutto il resto, contando anche che nel film praticamente ci sono solo loro due.
    Ci sarebbe tanto da dire su questo film ma al tempo stesso è difficile parlarne. Io intanto ti dico che, pur non raggiungendo la potenza e la grandezza di Dogville, penso sia diventato uno dei miei preferiti del regista tra quelli che ho visto. L'ho percepito come un film molto "sentito" e personale da parte di Trier, che se non sbaglio in quel periodo soffriva di depressione e ha usato il cinema anche come terapia personale.

    Un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido tutto.
      Stesse sensazioni, stessi pensieri, stessa incapacità di classificarlo e giudicarlo ma allo stesso tempo stessa sensazione di aver visto, forse, un capolavoro

      e certo che c'è simbologia, anzi, direi che è il film più simbolico che ho visto questi ultimi anni

      la cosa dei nomi mancanti non la ricordavo, molto interessante... sì, infatti a ben pensarci loro sono due archetipi, due simboli anch'essi

      ed è vero, si percepisce che questo film è tremendamente personale, sentito e sofferto

      ma del resto è questa la magia dei film di Trier, ma tanti non lo capiscono

      per questo, piaccia o no, Trier è un autore meraviglioso

      grande commento Alessà

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao