30.9.14

Recensione: "Il Cacciatore di Zombie" (Juan de los muertos o anche Juan of the Dead)

A Cuba sono arrivati gli zombie.
Ma un manipolo di eroi sembra non riuscire a capirlo.
Li scambia per dei dissidenti politici al soldo degli Usa.
Poco male, ormai stanno infestando tutta L'Avana.
Vanno sterminati.

Geniale variante del genere apocalittico zombesco Il cacciatore di Zombie (ma molto più bello l'originale Juan de los muertos) è un cult che chi ha amato L'alba dei morti dementi e Benvenuti a Zombieland non può mancare.
La metafora politica ovviamente è fortissima (ma cosa a Cuba può non parlare anche solo indirettamente di politica?) ma non appesantisce per niente il film, anzi.
Sin dalla prima scena, con quella zattera prima vista dall'alto e poi da sott'acqua, quello che sorprende è la cura tecnica e il gusto per l'inquadratura del regista, poi confermato per tutta la durata del film.
Ho trovato davvero notevole l'uso della telecamera e la costruzione delle scene.
Penso al campo medio della coppia "fiocinata" di vecchi, la scena dell'ascensore e la testa giocata anche con il solo audio, l'incredibile decapitazione collettiva nel finale (con quel mucchio di corpi visti dall'alto davvero magnifico) o l'inquadratura subacquea dei non morti che camminano nel fondo del mare.
Ma il punto di forza del film  è tutto nella brillantezza.
Brillantezza nel delineare i personaggi (anche se storco il naso al trans e al bestione nero che sviene alla vista del sangue, attore deprimente e scenetta che si ripete troppe volte) con su tutti i due protagonisti, Juan e soprattutto il suo amico Lazaro, un pervertito che si fa le pippe nei momenti più assurdi.
Brillantezza, ovvio, nell'idea geniale di fondo e non mi riferisco solo a quella metaforica degli zombie-dissidenti ma anche alla trovata per cui l'arte di arrangiarsi (nella quale Cuba si lotta con Napoli il primato mondiale) porta i protagonisti a farsi killer a pagamento dei parenti zombie dei clienti.
E brillantezza anche nelle singole scene, alcune trash come le palle di fuori, oppure come lo strepitoso ultimo volere di Lazaro prima della morte o come il trampolino di Zombie.
Anche se il "trenta" che Lazaro tira fuori come percentuale di esser stato morsicato è il top.
A proposito, l'ex moglie di Juan, dice lui, fa la blogger.
Che significa? gli chiede l'amico.
"Scrive cazzate su internet"
Spettacolo.
Ho amato anche l'uso delle luci, formidabile ad esempio nelle scene notturne di loro nudi, sia fuori che dentro la camionetta.
E bellissime alcune esecuzioni degli zombie (la palla da baseball su tutte).
La prima volta che il gruppetto va ad uccidere è davvero potente e divertentissima come scena e Lazaro sarà un coglione ninfomane sì, ma il machete lo usa alla grande.
Resta però una parte centrale molto più debole del resto della pellicola, quasi soporifera.
E -oltre ai due personaggi sbagliati citati sopra- ho trovato davvero debolucci alcuni scontri con gli zombie, troppo trash (vedi quello a passo di tango).
Insomma, un film di genere davvero riuscito, originalissimo nel suo essere derivativo ma con i suoi bei difettucci.
Ottimo però il finale, molto umano senza essere retorico.
E aspettate la fine fine perchè, anche se solo a disegni, ci sarà un' "orgogliosa" sorpresa.


( voto 7 )

15 commenti:

  1. Sei l'ennesimo che ne parla bene. Dovrò vederlo, specie ora che ho visto "The chaser" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "specie ora che ho visto The Chaser" segue una logica a me imperscrutabile :)

      sì, vedilo, ti divertirai

      Elimina
  2. Gran bel film, e noi che eravamo partiti per un viaggio trash ci siam ritrovati a guardare un bel lavoro: l'inquadratura dei due vecchi fiocinati vale da sola la visione del film, ed è meglio del 95% dei film in circolazione! Belli i finali, ENTRAMBI!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma te lo sapevi che era buono, dì la verità...

      Assolutamente, regia pazzesca, in Italia, Sorrentino a parte, si farebbe fatica a trovarne una simile...

      Elimina
    2. In itali, ora, fatte le dovute eccezioni, mancano idee e voglia: si fanno i film "impegnati" e si disprezza il genere, snobbisticamente.

      Elimina
    3. Tranne il comico, fatto poi in maniera indecente.
      Ma su horror e fantascienza gli unici buoni prodotto sono semi sconosciuti e quasi amatoriali.
      Un film di genere "istituzionale" e con i controcazzi ormai non esiste più.

      Elimina
    4. Non esiste più il cinema, come non esistono politica e affini: tutto è dedito al dio $, senza pensare a qualità o interessi, ma solo al guadagno più sfrenato, oltretutto immediato, senza pensare che magari un cinema ben fatto porterebbe più gente in sala, senza per forza limitare cinepanettoni, cinezaloni o simili, ma semplicemente dando importanza anche ai generi, e MAGARI ai giovani (che possibilmente non siano "figli di", perché mi son rotto il cazzo del debutto alla regia del figlio di Gassman, o del figlio di Costanzo, o di Accorsi, che è un attore mediocre e dal trailer mi è sembrato pure un pessimo regista; però son loro che vincono i premi e partecipano ai concorsi....).

      Senza considerare che qui son tutti bigotti e ipocriti: il 90% dei cinefili con cui parli, a meno che tu viva in un meraviglioso mondo fantastico dove tutto è perfetto, snobbano il cinema di genere, apprezzando però l'intrattenimento americano e i vincitori di Oscar, e te la menano su quanto il cinema "di un certo tipo" sia importante per l'italia (vedi LGB e affini, le api della Rohrwacher, le menate della Guzzanti e pellicole strappapalle simili) senza considerare neanche lontanamente il genere. Per non parlare poi dei cinefili-documentaristi, che hanno scoperto da poco la parola "documentario" e devono nominarne 10 per ogni frase che esce dalle loro bocche.

      Elimina
  3. ce l'ho da un po', sarà arrivato il momento?

    RispondiElimina
  4. bellissimo, l'ho visto e ne ho parlato un po' di tempo fa ...la scena in cui i due scoprono che il loro vicino di casa è uno zombie mi ha fatto collassare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco qua il link http://bradipofilms.blogspot.it/2012/12/juan-de-los-muertos-aka-juan-of-dead.html

      Elimina
    2. No, te pareva...

      Sei imbattibile

      Arrivo

      Elimina
  5. Lo punto da un po' (anche io sono stata attirata dal titolo originale!!) e a questi punti non posso più rimandare la visione!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sembra essere piaciuto un pò a tutti.
      Puoi rimandarla sì, ma non perderla :)

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao