23.9.14

Al cinema: recensione "Dragon trainer 2"

Lo ammetto, il primo capitolo della storia di Hiccup e della sua tenera amicizia con il "terribile" Furia Buia mi aveva folgorato. Era passato in sordina, nessuno l'aveva visto, al cinema era rimasto sì e no due settimane.
Ricordo che in videoteca obbligavo ogni famiglia a prenderlo, sembrava che nessuno lo conoscesse. Ovviamente tutti restavano contentissimi. E non era certo merito mio, quel film era un gioiellino anche perchè abbastanza originale.
E non solo per storia e ambientazione ma anche per un certo coraggio, specie nel finale, quel finale in cui il protagonista, quel giovane protagonista in cui tutti i bambini si erano identificati, rimane storpio.
ll secondo capitolo ci stava, i draghi avevano dimostrato di poter convivere con gli uomini, impossibile non mostrarlo.
E proprio da lì riparte questo secondo capitolo, da questa armonia, da questa pace, da questo bellissimo convivere tra due popoli, tra due razze, tra due specie.
Intendiamoci, il cartone è ottimo, a tratti pure superiore al primo.
Ma manca del tutto la magia della novità, dello scoprire per la prima volta quel mondo.
Molto banalmente penso che un'ambientazione così e la presenza di due soli "protagonisti", uomini e draghi, sia una coperta cortissima. Oltre che vedere le loro interazioni, il loro unirsi o lottare, non c'è la possibilità di mostrare altro.
E così la sceneggiatura deve fare i salti mortali per stare in piedi ed offrire qualcosa di nuovo (ma davvero, speriamo non arrivi mai un terzo capitolo, ogni scena saprebbe di già visto) ma alla fine almeno metà film, giocoforza, è una copia del primo.
Si punta quindi forte sul sentimento e sul chiudere, bene, un cerchio famigliare spezzato che si era soltanto intuito nel primo. Ci sono degli eccessi in questo senso, come ad esempio la canzone cantata dai due genitori, una disneata che non c'entrava niente in questa saga, mai avvenuta prima e mai più ripetuta dopo.
E ci sono troppe parti ferme in cui il plot non va avanti, troppi riempitivi che se affascineranno i bambini annoieranno quelli un pochino più grandi (mi riferisco ad esempio agli almeno 20 minuti, sparsi qua e là, di voli col drago).
Non mi sono entusiasmato, era tutto bello ma non riuscivo a sorprendermi.
Poi succede quello che già successe nel primo, arriva il coraggio.
E questa volta è anche più forte, sorprendente, quasi devastante in un film con questo target. E dopo quella morte ho trovato magnifica, commovente e bellissima la scena degli archi che tirano frecce sulla nave, su quella nave dove giace qualcuno che non sarà più.
Il film, poco prima, era diventato stranissimo, una specie di Godzilla (o Pacific Rim) in cui due bestioni si scontrano tra loro decidendo le sorti del bene e del male. Il loro scontro, quello tra tutti gli altri draghi più piccoli e quello tra Stoick e Drago Bludvist, tutti in contemporanea, è stata un'interessante variante in matrioske di come si mostra una battaglia.
Molto interessante anche il discorso che fa Drago per cui anche tutti gli uomini (o i draghi) buoni sotto il potere di una persona malvagia possono diventare bestie come lui, discorso che avevamo appena affrontato in The Look of Silence citando Le Benevole.
Qualcuno sarà sconfitto e qualcuno trionferà.
Anche se trionfare significherà perdere definitivamente la propria adolescenza e diventare uomo.

( voto 7 )

13 commenti:

  1. Per me senza dubbio all'altezza del primo.
    Impiega di più a conquistare, ma resta davvero una conferma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che c'è?
      Credo che se li avessi visti completamente staccati uno dall'altro forse questo era pure più bello.
      Ma purtroppo essendo il secondo quel mondo che mi aveva così sorpreso e affascinato nel primo qui non c'è.
      Mi sembrava tutto già visto.
      Ma hanno fatto il meglio che potevano fare.
      E rimane una delle migliori mini saghe recenti, forse addirittura la migliore della Dreamworks

      Elimina
    2. Si ai ragione





      Elimina
  2. Alla fine bel film, ma ci sono certe voragini di script che proprio non riesco a ignorare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quali voragini?

      Faccio prima a venire a leggere mi sa...

      Elimina
  3. Dragon trainer 1 e 2 sono tutti e due bellissimi

    RispondiElimina
  4. Grazzie per i consigli

    RispondiElimina
  5. Purtroppo questi film di animazione non sono nelle mie corde e finisco sempre con l'annoiarmi.
    Non ho visto il primo episodio, ma ho avuto anch'io l'impressione che il film sia stato appesantito da troppe scene riempitive, seppur graficamente magnifiche.
    Comunque buono (ma non ottimo) per il suo genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, concordo Jacopo. Il primo però ti assicuro che fu davvero ottimo, una delle meglio cose di animazione uscite quegli anni.
      Ma non vederlo ormai, sei già entrato in quel mondo dal secondo, più debole, capitolo, inutile andare al primo a questo punto.

      Elimina
  6. nota a margine

    Se ti piacciono i draghi meno canonici, come quelli presenti in Dragon Trainer (non i classici rettiloni cornuti e sputafiamme insomma - che sia chiaro, adoro comunque -) prova a dare un'occhiata a questa serie animata, Cacciatori di Draghi. La davano su rai3 poco dopo pranzo, una vera sciccheria. Magari può non essere indice di garanzia, ma la sigla d'apertura è dei Cure (https://www.youtube.com/watch?v=gEJy5z8IqoA), mica poco.

    https://it.wikipedia.org/wiki/Cacciatori_di_draghi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non è che i draghi mi facciano impazzire, ahahh

      e le serie meno che meno ;)

      però, caspita, non per me ma pare davvero interessante

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao