14.4.14

Horror Underground (N°9): recensione "The Seasoning House"

Torna dopo un pò la rubrica degli Horror Underground, ossia di quei film non necessariamente horror ma:
1 disturbanti, weird , violenti o comunque in ogni caso tosti da sopportare
2 di buon livello
3 di scarsa o inesistente distribuzione italiana

nona puntata
------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Risultati immagini per the seasoning house poster

presenti spoiler

Non faccio in tempo ad esaltare Black Mirror che mi ritrovo un'altra grande (seppur piccola) produzione inglese.
Ricordando poi che dall'Inghilterra questi ultimi 4 anni sono venuti il miglior survival (Eden Lake) e il miglior zombie movie (Dead Set). Insomma, con Francia e Spagna sono i sudditi ad offrirci le cose migliori con gli americani lontani, mi spiace dirlo, anni luce.
The Seasoning House è quello che A Serbian Film non è riuscito ad essere, ossia un film di genere che prova (anche) a denunciare una realtà, quella della guerra nei Balcani, che è forse la pagina più nera degli ultimi 20 anni europei.
Dove uno infatti con la scusa della metafora si permetteva aberrazioni senza alcun senso ed eticamente insopportabili questo ci va diretto, nessuna figura retorica paracula ma la realtà nuda e cruda, quella del rapimento delle giovani slave poi ripetutamente stuprate e torturate.
Qua inoltre non c'è mai un eccesso, il film è molto violento ma mai per puro autocompiacimento. Anche il corpo delle ragazze, ad esempio, malgrado le ripetute scene di sesso, non è mai mostrato. Insomma, niente shock fine a sè stesso, mai.
E, terza differenza con il maledetto film serbo, qui la giustizia c'è, eccome.
Insomma, siamo sempre nei Balcani. L'esercito rastrella giovani ragazze e le porta in un bordello dove l'unico loro futuro sarà quello di stare sdraiate sopra in letto, esser drogate e venire ripetutamente violentate dai "clienti". Una ragazza sordomuta si guadagna i favori del capo che ne farà la sua geisha e le affida "solo" il compito tener pulito il bordello e drogare le altre ragazze prima del sesso.
Finchè non entrano gli assassini di sua madre...

Risultati immagini per the seasoning house

Per prima cosa ho trovato fantastica l'attrice principale, Rosie Day, che a soli 17 anni riesce ad affrontare una parte terribile in modo sorprendente. Dolce, forte, impaurita, sperduta, risoluta, la piccola Rosie riesce a dare alla sua Angel tutto questo, anche grazie ad un viso che non ti dimentichi.
Il film è un rape & revenge molto atipico perchè paradossalmente il rape riguarda moltissime ragazze tranne quella che si occuperà della parte revenge. E se vogliamo essere precisi Angel nemmeno si vendica. Uccide il primo per difendere l'amica stuprata e poi semplicemente scappa. Gli altri o li ucciderà per scappare (uno) o saranno uccisi da Viktor (due) o semplicemente li lascerà lì (uno).
E' proprio la prima parte, quella che banalmente chiameremo del rape, la parte più drammatica e meno di genere, è praticamente perfetta. Grandissima atmosfera, location favolosa, una casa vecchia e sporca in cui il regista si muove sorprendentemente bene nei vari corridoi e nelle diverse stanze e non solo là perchè Angel è solita muoversi anche dentro le mura (come non ricordarsi il cult La Casa Nera?).
C'è tanto dolore, tanta sofferenza,tanta violenza, tanta inumanità, tanto schifo, credo che la visione di questo film ad una ragazza può far davvero male, a un maschietto rabbia, tanta rabbia.

Risultati immagini per the seasoning house

Flash back centellinati e molto esplicativi, bellissima la fotografia, pochissimi i dialoghi (lei sordomuta, ricordiamolo) e una colonna sonora non invasiva ma penetrante, d'atmosfera.
Ho trovato assurdo l'uso della lingua inglese dei protagonisti ma sarà una questione di marketing.
E non si capisce perchè lei in molte scene non capisca quello che le dicono e in altre, specie quelle di dialogo con il suo protettore, sembra comprendere molto facilmente.
Poi arriva la seconda parte, quella in cui Angel cercherà di portare a termine la sua vendetta. Qua per un amante del genere il film decolla, e di molto, ma io preferisco di gran lunga i primi 40 minuti.
Ma c'è tanto di buono anche qui, l'assassinio del militare calvo ad esempio (quel gigantesco corpo nudo pieno di sangue ha una cinematograficità pazzesca), il dialogo tra il militare e il boss del bordello (suo ex collega), la scoperta della fossa comune nel bosco e parecchio altro. Non mancano ingenuità abbastanza marcate, come alla fine che una ragazza così piccola e indifesa possa farla franca (a proposito, ce la farà?) contro 5 militari professionisti assassini di guerra è davvero al limite del verosimile. E come viene risolto lo scontro finale con il capo dei cattivi, beh, è davvero un peccato che rischia di rovinare un grandissimo film.

Risultati immagini per the seasoning house film

Curioso come venga usata una soluzione di sceneggiatura praticamente identica a quella di Eden Lake (ma anche, in parte, a L'ultima casa a sinistra).
Film notevolissimo che con qualche accorgimento in più poteva essere uno dei vertici più alti del genere in questi ultimi anni.

( voto 7,5)

24 commenti:

  1. e che te lo dico affà? anche stavolta la pensiamo in maniera sostanzialmente identica...ah ah ah leggere per credere, anche il voto è praticamente identico...http://bradipofilms.blogspot.it/2013/09/the-seasoning-house-2012.html

    RispondiElimina
  2. Ce l'ho lì da un pò. A questo punto recupero appena possibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è proprio il tuo genere James.
      Ma almeno i primi 40 minuti li apprezzerai

      Elimina
  3. questo non l'avevo mai sentito nominare, ma mi hai messo curiosità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece per te Marco credo che possa andar bene, ha quella cultitudine che a te può piacere

      Elimina
  4. che dici socio a me può piacere?? ne ho sentito parlare tempo fa, non ho letto la tua rece perchè appunto ci son spoiler e son indeciso se vederlo o meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se ti sono piaciute cose come Eden Lake, L'ultima casa a sinistra e simili assolutamente sì. Un misto tra survival e rape & revenge. Molto crudo e realistico nella prima parte, più violento e sanguinario nella seconda. Un film per niente banale e con una grandissima attrice principale

      Elimina
    2. mi hai convinto, lo vedrò prossimamente ;-)

      Elimina
  5. Devo ancora vederlo, tutti ne hanno parlato benissimo e alla fine non potrò astenermi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che invece io non ne avevo letto da nessuna parte, l'ho scoperto per puro caso. Meglio così :)

      Elimina
    2. Letto da mia madre sul giornodeglizombi e non ricordo su quale altro blog. Poi in rete, che si sa che quando esce un film "forte" capita che ne parli anche chi non li apprezza :P comunque la tua l'ho letta a pezzi perché sono presenti spoiler, ma si intuisce un film per nulla banale anche nella rappresentazione della violenza.

      Elimina
    3. Più che non banale la rappresentazione della violenza non è banale quello che la scaturisce. E' un film molto sofferto e sofferente, no, affatto banale. Anche se due/tre scene un pò stonano...

      Elimina
  6. Mi ha colpito molto questo film, davvero bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma l'avevi già visto o te lo sei sparato proprio oggi?

      Elimina
    2. Veramente l'ho visto un annetto fa.

      Elimina
    3. Ah ah, infatti mi sembrava assurdo...
      Complimenti, io l'ho scoperto per puro caso, avevo messo un altro film e nei trailer prima del film presentavano questo...
      Quell'altro poi nemmeno l'ho visto :)

      Elimina
  7. Ho visto il film in tv grazie al tuo consiglio.Mi è piaciuto abbastanza,anche se nella seconda parte la sceneggiatura lascia alquanto a desiderare.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma,ho messo ciccato come consiglio :)

      Però siamo all'incirca sulla stessa lunghezza d'onda, anche io ho trovato la seconda parte come tremendamente inferiore e con almeno 2 cadute davvero rovinose

      ma mi sembra comunque un film di genere sopra la media e abbastanza diverso dagli altri, anzi, senza mi sembra, lo è :)

      Elimina
  8. Visto pure questo di recente e m'è piaciuto tantissimo. La prima parte m'ha fatto male, vedere certe scene stava seriamente mettendo alla prova la mia pazienza/rabbia, mentre la seconda mi ha esaltato (pure la prima eh, sia chiaro, perché nonostante mi abbia fatto innervosire, il livello generale è sempre stato altissimo, assolutamente). Film spietato, cattivo, duro e sicuramente non per tutti. Ovviamente promosso alla grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, qui siamo un filo in disaccordo come avrai letto.
      Reputo questo come un grande film, almeno per un tempo da top ten degli anni recenti (sul genere). Poi il secondo tempo ha molto più ritmo ed è più pieno di cose sì, ma per me rovina quella verosimiglianza, quella sporcizia e quel lato puramente drammatico che avevo trovato meraviglioso nella prima parte.
      Resta uno si quei film che se mi trovo per sbaglio davanti non riuscirei a non rivedere, anche e più di altri più belli. Ti cattura

      Elimina
    2. Diciamo che la seconda parte vira da un'altra parte anche (soprattuto) per forza di cose. Succede il casino che succede e quindi bisogna puntare su un altro tipo di tono e, secondo me, lo fa degnamente. Sulla prima parte straconcordo con te comunque, si respira un dramma che fa accapponare la pelle ed è trattato in un modo pazzesco. A me è piaciuto il rapporto tra la protagonista e la ragazza con cui fa amicizia, questa cosa m'ha colpito, perché mostra che pure nel posto più squallido e con le persone più schifose di questo mondo, può nascere un sentimento forte come l'amicizia. Bello bello!

      Elimina
    3. Il rapporto tra le due ragazze è magnifico, per niente retorico, "difficile" ed inusuale.
      Altri ci avrebbero ricamato sopra, qua no.
      Lo senti proprio vero come rapporto ma capisci anche quanto quel luogo, quello che stanno vivendo, sia più forte di quel legame purtroppo.
      Sì sì, non è tanto quello che succede ad avermi fatto arricciare il naso, ma come l'hanno proposto.
      Ci sono tre scene quasi surreali. Le stesse scelte, secondo me, potevano essere "trattate" in maniera molto migliore, specie lo scontro finale tra lei e lui.
      Ci doveva essere, bella anche l'ambientazione, ma lui che rimane incastrato non solo è quasi comico ma porta a due "e allora?", nel senso che può sputare il fazzoletto e sarà tranquillamente ritrovato dagli operai, non morirà, impossibile.
      Strano, quello era un personaggio da scontro finale secco e mortale.
      Anche prima due scene un pò inverosimili.
      Ma basta parlare dei difetti (per me), rimane un grandissimo "horror"

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao