21.12.14

Recensione: "Cani di paglia" (2011)

Dico la verità, la tentazione di rivedermi l'originale era fortissima (mi
riferisco all'enorme film di Peckinpah) ma si sa, io sono uno che rivede poco volentieri gli stessi film e nel cinema vive molto nel presente, cercando di stare aggiornato il più possibile e provando a ricercare anche nella nostra epoca opere che non sfigurino al confronto dei capolavori passati.
Ricordo che il Cane di Paglia originale mi piacque da morire specie per il suo significato, ossia il constatare come qualsiasi essere umano portato agli estremi possa tirar fuori la sua parte più animale e violenta.
Facendolo poi, non essendone abituato, in maniera brutale, inarrestabile.
Questo Cani di paglia è un onesto remake che la solita critica nonmitoccateiclassici o unavoltaeratuttopiùbello ha letteralmente massacrato.
Tra parentesi, curioso il cambiamento del titolo al plurale e curioso anche il fatto di come il significato che si dà al titolo in questo remake sia, oltre che esplicito -lo dice infatti in una scena il protagonista stesso-, anche differente.
Tornando al film io l'ho trovato discreto, forse più che discreto.
Certo è girato bene (ottimo l'uso dei riflessi, ad esempio sulle lenti degli occhiali o sugli specchi) recitato dignitosamente e costruito drammaturgicamente in maniera tutt'altro che grossolana.
Mi è piaciuto molto l'uso reiterato del montaggio velocissimo, dettaglio tecnico che nell'originale fece quasi storia e qui viene "omaggiato" alla grande.
Io credo che questa tecnica abbia una potenza "emotiva" e d'atmosfera pazzesca, ma raramente viene utilizzata (sì, il montaggio alternato di più scene contemporanee è abusatissimo, ma non con questo "ritmo" pazzesco e tipo di decoupage).
Il problema più grande è tutto nel cast.
E' qui che il remake ha dovuto pagare il suo tributo più grande agli anni 2000, mettendo tre modelli nei tre ruoli principali.
Il marito, Marsden, è molto bravo ma oltre a non poter mai raggiungere il livello di Hoffman ha una fisicità che in qualche modo lo "predispone" alla violenza, dettaglio che porta così la sceneggiatura a rimetterci già in partenza visto che il punto di forza della stessa doveva essere proprio nel rendere una macchina da guerra una persona mite, innocua e fisicamente improponibile.
Lei non ha la dolce e naturale bellezza della George (anzi, sembra una pin up destinata a quella fine) ed anche il capo dei "bifolchi" non ha la sporcizia dell'originale.
Non lo so, forse dipende dal fatto che conoscevo già la trama, ma se la metamorfosi di Hoffman mi aveva dato un brivido qua invece ho faticato a seguire il percorso di David Summer, a ritrovarmelo da timido (ma non troppo qua) scrittore non tanto virile a lucido stratega e assassino nel finale.
Resta un film che oltre alla tematica principale (la natura animale che erompe) ha una fortissima connotazione sessuale.
David rappresenta l'intellettuale di cui innamorarsi, Charlie (un buon Skarsgard) il desiderio sessuale incontrollabile. Scrittore uno, carpentiere l'altro, timido uno, arrogante l'altro. Anche nel vestiario, nel mettersi in mostra c'è una differenza abissale. E qua il film (purtroppo non ricordo se avveniva lo stesso nell'originale ma credo di sì) si muove in maniera intelligente mostrando una Amy sì combattiva, vittima e vogliosa di vendetta, ma allo stesso tempo, nemmeno tanto sottotraccia, la mostra come una donna che magari inconsciamente non riesce a trattenere una certa attrazione sessuale, fisica, per Charlie (anche se ho trovato la scena dello spogliarellus interruptus abbastanza assurda e affrettata).
Il problema è che Marsden è uno gnocco pari se non superiore agli altri.
I casting sono importanti ragazzi.
E lo so che viviamo in anni in cui l'immagine è tutto ma fidatevi, per una volta anche brutti andava bene.

( voto 6 )

5 commenti:

  1. Non l'ho ancora visto (poi io sono un superfan dell'originale) ma ho avuto tutte le impressioni che hai scritto te solo a vedere il trailer. Curiosa, come cosa...
    Ma se il mio recensore di fiducia lo promuove, dovrò vederlo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, recensore di fiducia da quando?
      Ora cambia tutto, vivrò di responsabilità :)

      No, pià che promosso diciamo salvato.
      Ma non lo vedere, c'è tanta roba là fuori...

      Elimina
  2. Avevo scritto, ma è sparito... meglio così, perché il tuo commento risponde al mio. In pratica al mio solito, tanto entusiasmo per Cane di paglia e Hoffman straordinario nella sua escalation, una vera crisalide. Per cui visto il tuo 6, ho pensato, meglio non vederlo. Temo sempre i remake, spesso "americanate" con machi e bellone. Ovviamente adesso leggendo il commento di Jean Jacques che, giustamente, dice col 6 promosso, mi nasce il dubbio, da te comunque fugato. Il 6 lo considero spesso: dovrei bocciarti, ma non volendo vedere più la tua faccia ti do' la sufficienza e vado oltre. Ma forse sbaglio!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, il 6 spesso significa "per quanto mi dai motivo per non piacermi posso trovare in te qualcosa di buono che ti salva".
      Applico gli stessi principi anche con le persone in effetti.
      Sì, ci son machi e belloni ma anche tanto rispetto per l'originale mi pare.
      E no, anche te chissà quanti film hai da vedere, questo fallo solo per sbaglio :)
      Ciao e auguri!

      Elimina
    2. Non sbaglierò, ho una lista troppo lunga. Grazie. Auguri in tecnicolor anche a te.

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao