16.1.15

Al Cinema: recensione "Hungry Hearts"


spoiler pesanti solo dopo la linea divisoria nel fondo
Ricordo che il mio primo contatto (fino ad oggi rimasto poi unico) con Saverio Costanzo fu in un piccolo cinema di Modena. Dovevo passare alcune ore nella città emiliana e non sapendo che fare non trovai niente di meglio che infilarmi là dentro. Proiettavano "In Memoria di me", bel film che racconta di un giovane entrato in convento che piano piano inizia a nutrire fortissimi dubbi sulla sua vocazione. Pellicola rigorosa come la materia che trattava, priva di sensazionalismi e molto interessante nei contenuti.
Era buffo che un perugino come me si trovasse a Modena a vedere un film nel quale uno dei due attori principali, un allora non conosciutissimo Filippo Timi (siamo un anno prima del boom firmato Salvatores e poi Bellocchio) non solo era praticamente un concittadino (ricordo ancora come nel film riconobbi benissimo la cadenza umbra) ma aveva rischiato pure di essere pochi mesi prima la sua materia di tesi di laurea (idea giustamente cassata poi dai docenti, cosicchè da Timi passai a Flaiano).
Insomma, vado a Modena, vedo un film e ci ritrovo dentro Perugia e la mia vita, simpatico.

In realtà Costanzo aveva già conquistato la critica tre anni prima con Private, piccolo film che in maniera piuttosto originale trattava la questione israelo-palestinese.
Lo ritrovo oggi, 7 anni dopo, con un film presentato a Venezia.
E lo ritrovo dove lo avevo lasciato, al chiuso, e se 7 anni il chiuso era quello di un convento, adesso, 7 anni dopo, è il bagno di un ristorante cinese.
Si svoge tutto lì il prologo di Hungry Hearts, più di 5 minuti stretti in 4 metri quadrati, con i due protagonisti impossibilitati ad uscire a causa di un guasto alla porta. E tra la puzza dei bisogni appena fatti di lui e qualche risata imbarazzata scoppia l'amore.
E l'amore fa il suo decorso, e il suo decorso, alla fine, è un bimbo.
Lei, già incinta, comincia a fare uno strano sogno, con un cacciatore che uccide un cervo e se ne va. E inizia a provare malessere, specie quando vede cucinare o mangiare carne.
Nasce il bambino e parte il vero Hungry Hearts, una specie di "thriller etico" capace di smuovere le coscienze e tenere abbastanza sotto pressione lo spettatore.
Sbaglierebbe chi dovesse considerare questo film di Costanzo come un'accusa al veganismo e alle sue derive. Il veganismo è solo una delle tante manifestazioni della paranoia di Mina. Non a caso non deriva affatto da un amore o un rispetto per le altre creature viventi, ma soltanto dalla voglia di proteggere la purezza del proprio corpo e di quello di suo figlio.
Questo non è quindi (solo) un instant film, ovvero una pellicola che cerca di raccontare la strettissima attualità, ma un film sull'amore-ossessione, come ce ne sono stati moltissimi nella storia cinematografica.
Lei vuole far crescere suo figlio nella purezza, difendendolo da tutto.
E non solo, maniacalmente, dagli spigoli dei mobili, ma anche da esami medici, luce del sole, carne e derivati animali, mani sporche.
Lui la ama, prova a seguirla, ma ad un certo punto la situazione diventa insostenibile, il bambino non cresce, anzi, non può crescere.
Comincia così a formarsi una frattura sempre più grande nella coppia, lei che non si sposta un millimetro dalle sua posizioni e lui (che oltre all'amore possiede una coscienza) che cerca in tutti i modi non solo di salvare il bimbo, ma l'intera famiglia.
Costanzo racconta questo inferno domestico seguendo i suoi personaggi in primissimo piano, cercando di coglierne ogni possibile sfumatura negli sguardi.
E ad aiutarlo ci sono due interpreti magnifici, la sempre più odiata Rohrwacher (che molti forse non sopportano per quel viso e per una snobberia che traspare sotto la timidezza mentre io, invece, dopo averla enormemente apprezzata ne Il papà di Giovanna e ne L'uomo che verrà l'ho trovata qua ancora più grande) e il "nuovo" Adam Driver, un passato da militare e una carriera cinematografica cominciata alla soglia dei 30 anni, uno che ha un fisico e un viso da cinema se ce n'è uno.
La Rohrwacher poi con la sua magrezza, la sua carnagione e quel viso malaticcio costruisce un'interpretazione al confine della mimesi.
Costanzo trascina gli spettatori e i suoi personaggi in un vortice sempre più nero e denso, tanto che persino la regia, a un certo punto, sembra cambiare, con quelle riprese distorte, quei grandangoli e quella luce sovraesposta della parte centrale. E anche la colonna sonora in quei momenti, quando ormai la paranoia ha raggiunto il suo culmine, si fa distorta, fastidiosa.
Hungry Hearts è un film sull'amore perchè lei ama lui, lui ama lei ed entrambi amano da morire il loro bambino (di cui non sapremo mai il nome) ma è soprattutto un film sull'ossessione. E quasi per definizione nessuna ossessione è mai buona, nessuna ossessione è mai sana. Mina non è una cattiva persona, e non è nemmeno un essere umano dai principi sbagliati (tutt'altro) ma l'aver portato questi principi ad esasperazioni inumane ne fanno una persona malata, e per questo anche pericolosa.
 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Cuori affamati dice il titolo, giocando (in maniera assolutamente notevole) su quell'eccesso d'amore che porta a un difetto nutritivo. Amore che nega cibo, cibo che nega amore.
E nel finale mi piace aver colto (ma forse era abbastanza evidente la cosa) il reificarsi di quel sogno ricorrente di Mina, con lei che diventa cervo e quella donna (non a caso sposata ad un ex cacciatore) che la uccide.
Ma stavolta, forse, quel cervo non era così innocente e in qualche modo (ma non quello, non quello) andava fermato.
Hungry Hearts racconta una questione molto delicata.
Le ossessioni, anche quelle più devastanti e distruttive, molto spesso non nascono da qualcosa di sbagliato ma, al contrario, da propositi ed emozioni delle più belle e pure.
L'ossessione è un mostro che diventa tale dopo essere stato uno splendido principe.
L'ossessione è quell'eccesso di vita che, se non viene controllato, può portare alla morte.


20 commenti:

  1. La più bella sorpresa dell'ultima Mostra di Venezia: se Costanzo non fosse 'il figlio di...' a quest'ora avrebbe frotte di ammiratori. Invece deve scontare l'inevitabile pregiudizio della stragrande maggioranza delle persone. Eppure tutti i suoi film, nessuno escluso, per ora sono più che dignitosi. Tra poco ne parlerò anch'io (vorrei rivederlo prma di scrivere la recensione) e ne parlerò bene. Perchè se lo merita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti io nemmeno l'ho scritto di chi è figlio, queste son cose ridicole.
      Ogni artista, ogni opera va analizzata per quello che è, nel bene o nel male

      aspetto la rece :)

      Elimina
  2. Come dice Sauro, una gran sorpresa veneziana. Non mi aspettavo in impianto da thriller né una realizzazione così ben fatta.
    Finiti questi Oscar, mi vado a recuperare gli altri di Costanzo, che mi hai messo curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che soprattutto Private (che non ho visto) meriti.
      E poi come hai visto ho un buon ricordo di In memoria di me, anche se molto offuscato.
      Comunque un regista che va via di casa e a 29 anni fa un film sulla questione palestinese credo che vada solo elogiato.
      A presto :)

      Elimina
  3. Non so se è per il mio lavoro, per qualcosa in cui non oso scavare perchè quando ci ho provato, andare avanti senza pensarci non è stato così semplice e sereno, ma è un film che già dal trailer (che ho visto prima della visione di Gone Girl, giusto per tirarlo in ballo) mi mette angoscia. Penso mi farebbe un po' male dentro vederlo. Plausibile che riapra vecchie cose. E quindi non so, ci penso.
    Ma questa rece è una di quelle del filone che mi piacciono (intendo per la tua scrittura).

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marti, io non posso consigliarlo ovviamente.
      Ho visto di molto peggio e di molto più disturbante ma ognuno ha le sue storie e il suo passato, impossbile sapere cosa faccia effetto a chi.
      L'accostamento involontario con Gone Girl è in qualche modo pertinente, pensa che volevo farlo anche io in rece.

      Per il resto grazie mille...

      Elimina
  4. Lo vedrò domani, quindi torno a rileggerti dopo la visione. So già che nella migliore delle ipotesi mi irriterò nei confronti di Mina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, alla fine Mina l'ho detestata molto meno di quanto avrei temuto.

      Elimina
  5. domanda O.T. : Marti, Gone Girl è un film che merita?

    per quel che riguarda questo, magari andrò a vederlo, ho scoperto che c'è in questi giorni nella sala della città dove vivo. intanto ne ho parlato in chat a lungo con giuseppe, magari ci ritornerò su. di sicuro, non mi lascia indifferente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda..io e Giuseppe la pensiamo in maniera lievemente differente riguardo a "gone girl", ma penso entrambi (?) sosterremmo che é un film da vedere. A me é piaciuto parecchio :)

      Elimina
    2. Certo che merita Gone girl, anche a me è piaciuto.
      Mi è dispiaciuto solo che poteva essere ancora più bello.
      Bellissima chat ieri, molto interessante.
      Se vedi uno o l'altro fammi sapere :)

      Elimina
    3. d'accordo! domani però a quanto pare c'èm il sole, quindi ci aspettano prati e cielo! però non si opuò mai dire, alla sera....

      la chat è stata interessantissima anche per me. spero di ripetere quanto prima :)

      Elimina
    4. Capiteranno molti altri argomenti interessanti :)

      Elimina
  6. Ho letto la trama quando ancora si avevano poche notizie e mi ha incuriosita.
    Nonostante la mia quasi-avversione per i film italiani, mi piacerebbe proprio vederlo. Soprattutto per il tema e la presenza della Rohrwacher, che anch'io ho molto apprezzato ne Il papà di Giovanna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo ti piacerà Mind, a dir la verità finora è piaciuto molto a chiiunque abbia sentito.
      Per me qua, la Rohrwacher è un mostro.
      Dagli una chance

      Elimina
  7. vero, non è un film sull'amore, che sta sullo sfondo, è un film su una deviazione, ossessione, turbamento, senza soluzione.
    "Gone Girl" è in fondo un film d'amore (o meglio di non amore), cosetta leggera al confronto.

    mutatis mutandis mi sono ricordato di "Primo amore", di Garrone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ismaele, mi viene da ridere...
      questa era la frase originaria nella rece:

      ma un film sull'amore ossessione, come ad esemoio il bellissimo Primo Amore di Garrone

      poi me ne erano venuti in mente altri ed è diventata

      ma un film sull'amore-ossessione, come ce ne sono stati moltissimi nella storia cinematografica.


      ti giuro

      anche per me Hungry Hearts è più complesso e profondo di Gone Girl, hai centrato perfettamente il punto

      qualcuno l'ha capito

      Elimina
  8. Visto ieri, e solo ora passo a leggerti. Felice di concordare. Un dramma straniante e gelido, con due attori perfetti e una fotografia quasi da film indie. Ho adorato l'inizio, nel bagno del ristorante cinese. Sembrava quasi la canonica scena di una commedia romantica "boy meets a girl". Peccato però che il doppiaggio appiattisca, qui e lì, la profondità delle interpretazioni. Io volevo lei e il suo inglese non perfetto e lui che, al karaoke, storpiava Modugno. Bravissimo Driver - che in una commedia americana molto carina, This is where I leave you. ho scoperto avere anche fantastici tempi comici - ma ancora meglio Alba-come-si-chiama-lei, con un personaggio che fa prudere continuamente le mani. Performance coraggiosissima. E' il primo film che vedo di Costanzo e mi ha dato la giusta spinta per recuerare gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inizio è folgorante per essenzialità e originalità (so che sembrano ternini antitetici, ma non qua).
      Hai ragione sul doppiaggio ma evidentemente ci confrontiamo sempre su film che hanno questi problemi :)
      Perfettamente d'accordo sui due attori, e lo sai? ce lo vedo lui con quella faccia a far qualcosa di comico.
      Private devo vederlo anche io, In memoria di me mi è piaciuto ma meno di questo.

      Aspetto la tua rece

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao