2.8.15

Yesterday, i film del (mio) passato (N°7): recensione "Festen"



Un film enorme, meraviglioso, imprescindibile.
La Verità, dentro una villa con la camera a mano, colpo dopo colpo annienta e distrugge il mondo dell'ipocrisia.
Capolavoro.

Questo film fa parte, oltre che di Yesterday, anche della Promessa (8/15).


Presenti spoiler


"Peppe, l'hai mai visto questo?"
1998, Giacomo entra in camera mia con una videocassetta in mano.
Festen.
Gli dico che no, non l'ho mai visto, gli dico di lasciarmi la vhs e poi lo guardo.
Parliamo di Dogma, di questo strano decalogo fatto lassù in Danimarca da dei registi che non abbiamo mai sentito nominare. Uno di quelli, Trier, diventerà negli anni forse il mio regista preferito, l'altro, Vintenberg, uno di cui vedrò solo due film, questo Festen che adesso tengo in mano io, non Giacomo, e l'altro, più di 10 anni dopo, sarà Il Sospetto, uno dei pochi 10 della mia carriera da scribacchino.

Dopo 17 anni mi riguardo Festen e me lo ritrovo davanti mastodontico, impressionante, enorme.
Fu il primo e unico Dogma di Vintenberg come del resto Idioti fu il primo e unico di Trier.
Il decalogo è rispettato del tutto solo qua, anche se negli anni molti prenderanno come opere del Manifesto altre che in realtà non lo sono.
Una ricchissima famiglia si ritrova in un lussuosissimo albergo/villa proprietà della stessa.
C'è da festeggiare il sessantesimo compleanno del pater familias.
Buffo come 10 anni dopo sarà proprio Trier, nell'immenso Melancholia, ad operare una scelta narrativa simile.
Un matrimonio al posto del compleanno ma per il resto simo lì. il primo tempo di Melancholia è un richiamo fortissimo a Festen.
Arrivano gli invitati, si scambiano abbracci e cortesie, come sei bella cara, ti trovo bene, il lavoro come va?, non vedevo l'ora di rivederti.
L'atmosfera è serena anche se c'è quel fratello, pecora nera della famiglia, che dà già qualche segnale di squilibrio. Beve troppo, è un mezzo animale, lo sanno tutti, facciamo finta di niente.
Il fratello a posto invece è lì, regala sorrisi ma ha la bocca che gli trema, chissà, è emozionato.
Oppure magari starà ripensando alla sorella morta suicida da poco in quella stessa villa.
Sua sorella gemella, che riposi in pace.
Vintenberg si muove camera a mano e luci naturali in quel bailamme di gente che si muove, che arriva, che si siede, che ride, che scherza, che finge.
Viva Helge, viva i suoi 60anni! e giù discorsi e brindisi.
Poi si alza Michael, il figlio buono e riuscito nella vita, il gemello della ragazza suicida.

SBAM
Volevo ringraziare mio padre, mio padre che portava me e mia sorella nel suo stanzino e poi ci stuprava entrambi. Buon compleanno papà.

Il primo colpo è forte, ben assestato, quella strana creatura chiamata ipocrisia, perbenismo, finzione ed etichetta un pochino accusa il colpo.
Ma basta una barzelletta e una canzoncina e la creatura torna serena.

SBAM
Volevo scusarmi con mio padre per prima e ringraziarlo perchè è l'assassino di mia sorella.

La struttura trema un pò di più, i sorrisi iniziano un pochino a mostrare gli angoli della loro finzione. Ma c'è sempre qualche altra barzelletta, ci saranno sempre altre barzellette per nascondere la verità.

SBAM
E te mamma vedevi il babbo che abusava di noi, hai visto il suo cazzo dritto, e sei uscita fuori. Spero che muori.

Adesso il virus, l'agente patogeno sta diventando troppo forte. fuori di qua, meniamolo, portiamolo fuori, leghiamolo a quell'albero.
Sì, ma la creatura ha intorno tanti altri virus pronta ad attaccarla, c'è il cuoco, ci sono le cameriere, c'è il fidanzato negro dell'altra sorella, ci sono tutti quelli che non fanno parte di quella famiglia ma quella famiglia la odiano. E vogliono distruggerla. Quella famiglia non può andare via di qua, non fino a che non crolla su sè stessa.

La creatura barcolla, una nuova canzoncina prova a tirarla su e poi

SBAM
Non so se troverete questa lettera ma volevo solo dirvi che non ce la faccio più, voglio lasciare questo mondo, sogno ancora mio padre che viene a prendermi.

La creatura è a terra.
Non servono più i vestiti eleganti per mascherare la merda che c'è sotto.
Non serve più la parola famiglia per mascherare cose che con la famiglia non c'entrano niente.
Non serve più l'ipocrisia quando ti hanno strappato di dosso la maschera a forza.
Non servono più le convenzioni quando non hanno più la terra sotto per proliferare.

Che sfortuna però. il padre ha scelto il cartellino verde, chissà che c'era scritto nell'altro, magari niente di che, magari tutti avrebbero mangiato tranquilli.
Meno male che lo hai scelto, ci hai regalato Festen.

E adesso è mattina, torni in vestaglia a scusarti e a dire che tutto è finito, non mi rivedrete più.
Hai vinto Christian, adesso puoi sorridere.
Prendi lei, adesso sei libero di farlo, sei libero di amare.
Prendi lei ed esci di là.
C'è la vita che aspetta là fuori.
Vita nuova.

8 commenti:

  1. Ho letto qualcosa qui e lì, per non incappare negli spoiler annunciati all'inizio.
    Devo rimediarlo, assolutamente. Perché questa estate sono stranamente in fissa con la Danimarca, sai?, e tra "Copenhagen" - simpaticissima commedia diversamente romantica, canadese e un po' indie - e il tuffo nella filmografia di Mads Mikkelsen (sto piangendo la cancellazione di Hannibal, quindi recuperò i tanti bei film con questo magnetico attorone in mezzo; tento di imparare a essere figo da lui), inserirò questo Vintenberg mancante. E vedrò, subito dopo, anche la sua versione di Via dalla pazza folla, perché ci sono la Mulligan, il tipo di Un Sapore di ruggine e ossa e un genere (il polpettone in costume) con cui, ogni tanto, vado discretamente a nozze.
    C'è però che non sono un estimatore di 'sto Dogma, che mi suscita francamente il mal di mare, e non penso mi logorerò il fegato come in Il sospetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma Dogma è stato un giochino di cui si è parlato anche troppo, giusto per far parlare presunti cinefili nerd.
      Il film è meraviglioso, dogma o no.
      Devo venirti a leggere su Il Sospetto, se ne parli male mi incazzo ;)

      No, qui ti rodi meno il fegato ma il film è potentissimo lo stesso. E riconoscerai tra i personaggi principali l'attore che fa Theo ne Il Sospetto.

      Ti aspetto ;)

      Elimina
  2. peccato per il doppiaggio italiano che, in questo caso, è tremendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo puoi rovinare come vuoi ma è impossibile riuscirci, troppo bello

      Elimina
  3. Che nostalgia!!!
    Ricordo di avere comprato la cassetta con Panorama nel lontano 1998 appunto, proprio l'anno in cui è nato il mio amore consapevole per il Cinema e il movimento Dogma faceva così tanto parlare di sé.
    Ammetto di ricordarlo pochissimo e che all'epoca rimasi più spiazzata per la tecnica "rozza" che per la trama in sé ma si è fissato nella mia mente come un film interessante che dovrei riguardare prima o poi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica, stiamo parlando della stessa vhs, incredibile ;)

      Anche io avevo "solo" quel ricordo, ieri invece l'ho trovato grandissimo

      Prova anche te semmai, e fammi sapere ;)

      Elimina
  4. Anch'io ho il vhs panoramico a casa! Non l'avevo mai guardato perchè pensavo fosse una commedia stupidotta (l'avevan preso i miei, io non mi ero minimamente informato e la copertina non invitava).
    Non ho letto la recensione per non spoilerarmi nulla ma recupererò e guarderò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti...

      http://www.ebay.it/itm/V0085-VHS-FESTEN-Festa-in-famiglia-Nuova-Blisterata-/171010429495?hash=item27d1041237

      buffo come per la rece di Pixels abbia parlato di ricordi del passato e poi la rece successiva quasi per caso ci ritroviamo in 3 ad avere una stupida videocassetta...

      meno male non hai letto...

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao