2.1.16

Storie di Sport: "Steven Bradbury e quella cosa a volte così incredibile chiamata vita"



Amo lo sport, infinitamente.
Per una volta ho voluto scriverne.

Mi chiamo Steven Bradbury, sono australiano e faccio uno sport stranissimo.
Si chiama Short Track, una specie di "giro o tracciato corto" insomma.
Probabilmente voi lo chiamereste pattinaggio su ghiaccio ma in realtà noi siamo diversi, noi siamo tutti uno addosso all'altro, noi siamo quasi sempre in curva, noi siam pazzi, non solo pattinatori.
Loro, quelli del piano di sopra, pattinano veloci e basta, sono contro il tempo, sono eleganti e belli grossi.
Noi invece siamo agili, furbi, sleali persino. Il nostro avversario non è mai il tempo, le nostre son lotte greco romane sul filo del rasoio e della velocità.
Ci possiamo anche quasi permettere di fermarsi, andar piano, lasciar andare avanti gli altri.
Siamo come il keirin del ciclismo, ma non penso conosciate manco quello.
Sono forte io, un talento, neanche 21 anni e già tre medaglie mondiali. In uno sport in cui se anche sei il più forte le variabili sono duemila.
Mica come il pattinaggio che se sei il più forte e il più in forma l'unica persona da battere è te stesso.
Cadiamo spessissimo, anzi, ci fanno cadere spessissimo questi avversari sempre così al limite della lealtà.
E tante volte ci squalificano, in uno sport nel quale come in nessun altro si vedono così tanti squalificati.
Sono giovane, non bellissimo, un mezzo campione di uno sport che magari non dapertutto, ma da qualche parte è qualcosa che vale molto.
E' tutto bello fino a quando in gara un italiano, Vuillermin, un campione per giunta, cade insieme a me.
Il suo pattino mi apre in due.
Perdo talmente tanto sangue che avrei potuto rifornire le flebo di un ospedale di provincia.
Rischio di morire, così, sul ghiaccio, come un pirla qualsiasi.
111 punti di sutura, qualsiasi raccolta di qualsiasi supermercato mi avrebbe premiato con il regalo più grande.
Ci metto tanto a tornar su, troppo.
Nel 2000, 6 anni dopo che la mia vita rischiò di abbandonarmi in un addio color cremisi, cado ancora e mi rompo il collo.
Ma amo il mio sport e vado avanti.
Ci sono le Olimpiadi, quelle di Salt Lake del 2002.
Ho 29 anni, son vecchio per uno sport in cui serve talmente tanta agilità, talmente tanti riflessi e talmente tanta ambizione che altrimenti non sei nessuno.
Arrivo ai quarti ma, diciamoci la verità, ai quarti ci arrivano un pò tutti.
Sono sfavoritissimo, nemmeno ci credo di andare avanti. Ma son qua, è l'Olimpiade, sono ancora vivo e sono ancora un atleta.
La gara parte, resto sempre dietro, ma non per tattica, è che sono troppo più lento.
Cinque metri nel nostro sport sono un giro di pista in F1.
Arrivo terzo su quattro giusto perchè uno per poco non cade nel finale.
Son fuori, ma è stato bellissimo lo stesso, grazie.
Poi mi dicono che Gagnon, uno di quelli forti, è stato squalificato.
Ve l'avevo detto, capita da noi, capita spesso.
Sono in semifinale dell'Olimpiade, con le stesse probabilità di andare in finale che avrebbe uno dei nostri amati canguri gareggiando al posto mio.
In semifinale poi siamo in cinque per soli due posti, ciao core...
Partiamo e dopo 1 metro di gara sono già 3 metri dietro l'ultimo, un paradosso che manco Zenone poteva creare.
All'ultimo giro son quinto, la posizione che ho sempre ricoperto in tutta la gara, Senza manco andare mai a infastidire quelli davanti e mica perchè son cortese, ma perchè non li arrivo.
Mezzo giro alla fine e cade uno, son quarto, sempre meglio di niente.
Pochi metri e succede l'incredibile. Non ne cade solo un altro, che poi esser terzo sarebbe stato un mix perfetto tra bucio de culo e rimpianto millenario.
Ne cadono due, altri due insomma. A 4 metri dal traguardo.
Son secondo, in finale, essendomi praticamente limitato a girettare.
Finale dell'Olimpiade.
Io.
Uno ormai quattro spanne dietro gli altri. Uno che ci è arrivato perchè gli unici 5 che ho battuto 4 son caduti e 1 l'hanno squalificato.
Parto e torno subito a fare lo spettatore, stavolta anche da più lontano.
Posso sempre dire che avevo un posto da abbonato in prima fila.
Ultimo giro e sono sempre là, quinto indisturbato.
A pochi metri dal traguardo cadono tutti.
Tutti.
Tutti.
Non uno, non due per una medaglia di bronzo incredibile, non tre per una medaglia d'argento epocale, ma tutti, per una medaglia d'oro quasi trascendentale.
9 avversari in 3 turni,
8 caduti e 1 squalificato.
Sono campione olimpico con la consapevolezza che lo sarebbe stato anche un bambino che fosse arrivato al traguardo senza cadere.
Dicono che è il più grande scandalo della storia dello sport, la medaglia d'oro olimpica più incredibile di sempre, il campione più scarso di un dato sport di tutti i tempi.
Sì, forse lo è.
Ma io intanto non son caduto, sono rimasto in piedi, ogni volta.
Sono rimasto in piedi anche dopo che 8 anni prima ho lasciato metà del mio sangue in una pista.
Sono rimasto in piedi e c'ho creduto quando l'unica cosa che mi era rimasta addosso non era più la velocità o il talento, ma solo la passione e la tigna.
La gente ride, mi guarda, mi prende in giro, tante cose mica le sa.
Sono una specie di fenomeno da baraccone che ha vinto la gara più importante del pianeta.
Qualcuno dice che esiste il karma, altri che la vita quanto ti toglie poi ti restituisce.
Altri ancora credono che ci siano divinità che premiano quelli che se lo meritano.
Altri ancora credono, semplicemente, che a volte dice culo e a me ha detto culo tre volte in tre gare.
Tre lotterie vinte, mica una.
Scegliete voi quello in cui volete credere.
Io credo che la vita sia bellissima.
Basta restare in piedi, sempre.
Poi, qualcosa, succede sempre.


21 commenti:

  1. Non conoscevo il passato di Bradbury. Ste cose riconciliano con il mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è anche il video del terribile incidente, evito di metterlo

      Elimina
  2. Bellissima storia di sport e di vita, il mondo dello sport è straordinario anche per questo, perché è una grande metafora della vita, in cui probabilmente una "giustizia divina" esiste, da è toglie, Bradbury probabilmente è una delle punte dell'iceberg.

    Bellissimo scritto e bellissima incursione nel parlare di un mondo di cui insieme al cinema mi cibo quotidianamente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io sono un obeso di sport e cinema, altro che cibo quotidiano...
      Lo sport poi per 30 anni l'ho anche sempre praticato.
      E' un mondo che fuori dalle luci della ribalta è straordinario, una delle più belle cose che ci sia per legare uomini, passioni, esperienze, vittorie e sconfitte.
      E poi a molte persone lo sport è servito per salvarsi proprio.
      Grazie mille

      Elimina
  3. Ciao

    Vi allego il link ad un'altra bellissima storia di uno che non aveva mai vinto "niente" e poi come in un film degli anni 80 è riuscito a superare i suoi limiti.

    http://www.vita.it/it/article/2008/08/20/il-campione-col-cuore-doro/82018/

    Quando al tempo in diretta vidi la sua vittoria mi commosse

    Mandi Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La conoscevo!

      guarda, sono cresciuto a sport, storie e storie di sport

      la maggior parte le ho vissute in "diretta" in tutte le ore che ci ho dedicato

      altre le ho sentite, altre viste in tv, altre lette

      se mi viene voglia ne racconterò anche io, ma o lo faccio, come questa, completamente "da solo" oppure lascio perdre

      perchè prendere cose già scritte e modificarle un pò non ha senso

      ciao!

      Elimina
  4. La conoscevo solo nella chiave comica del video che hai aggiunto.
    Così ha un altro sapore e mi piace molto di più.

    Se sei un appassionato di sport in senso generale ti ricordo che domani c è la finale del campionato mondiale di freccette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche la Gialappas poteva sapere nulla.
      Altrimenti non l'avrebbero dileggiato credo

      ma meglio così, meglio che ci sia la tragicommedia, che alla fine questa è sì una storia di destino ma anche una storia di comico destino, ironico, divertente

      tu ci scherzi ma ho visto almeno una ventina di volte le freccette in tv

      probabilmente nel periodo in cui ero più depresso, altrimenti non me lo spiego ;)

      Elimina
  5. Grazie per aver condiviso, apprezzo molto. Le storie di sport son storie di epica e pathos. Volendo metterci dentro anche uno dei più pesanti drammi mondiali, lo conosci il romanzo non dirmi che hai paura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una volta mi piace molto questo verbo, "condiviso".
      Detto alla maniera di una volta.
      Ovvero riportato in scrittura una storia che mi ha appassionato, interessato, emozionato.
      E poterla raccontare agli altri.

      Brivido MG.
      Non solo lo conosco ma l'ho letto.
      Anzi, ancora più brividi, è l'ultimo libro che ho letto, me l'hanno regalato.
      Però in tutta questa storia c'è una zona oscura, non l'ho finito.
      Mancavano 50 pagine e sono ripiomnbato nel blocco della lettura che mi attanaglia da 3 anni, dopo più di 20 passati a legger libri.
      Mi ci hai fatto ripensare adesso, devo ritrovarlo in questo casino

      Elimina
    2. Per me un libro semplicemente imperdibile, da regalare a tutti, soprattutto alle nuove leve.
      Condiviso detto da me è per forza come dici tu, son senza fb e altre amenità..
      PS ho pubblicato la mia mini classifica!

      Elimina
    3. Beh, hai fatto una gran cosa a parlarne qui.
      Perchè un libro che unisca in modo più intenso, vero e salvifico vita, passione e sport non so se esiste.
      Linka! ti devo insegnare tutto?

      Elimina
    4. Perdipiù parlando di donna, di amicizia e emigrazione senza mai una parola scontata.
      Perdipiù con una scrittura che va bene al lettore raffinato, seriale o occasionale.
      Perdipiù il ragazzo che l'ha scritto (un altro Giuseppe) lo conosco ed è uno proprio in gamba.
      Perdipiù, diciamolo in fondo, ha vinto lo Strega giovani ed è arrivato in finale allo Strega senior (per una volta un exploit con senso, merito e valore sociale della scrittura)

      la gran cosa l'hai fatta tu, bella storia chiama bella storia

      ecco il link
      http://mulosetaccioepiccone.blogspot.it/2016/01/classifica-film-2015.html

      Elimina
    5. Sapere la fine di quella magnifica ragazza è una cosa che ti spezza il cuore in due.
      Leggere quelle prime pagine in cui lei vede il mare come una meraviglia così vicina ma così pericolosa da raggiungere mi diede i brividi.
      Devo ritrovarlo e finirlo.
      Non ne potevi parlare meglio

      arrivo!

      (cioè, entro notte sicuro)

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Per la storia di Samia vale la pena essere sfrontati e suggerirti di parlarne. Dopo che hai finito il libro ☺ Se non lo trovi più te lo spedisco

      Elimina
    8. Beh, sta fiducia e sta delega è un onore ;)

      Elimina
  6. una delle poche volte che ho letto di sport senza annoiarmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, gran complimento.
      Anzi, è quello che mi spinge più a ritentare l'esperienza.
      Sarai il mio scoglio da superare ogni volta

      Elimina
  7. Che spettacolo Caden! Che spettacolo! Fantastico anche quando non scrivi di film. Mi accodo a coloro che non conoscevano il passato di Bradbury. Avevo visto soltanto il video di Mai Dire Goal. La tua rilettura è splendida, complimenti! E grazie! Sport come metafora della vita ancora una volta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ostini a volermi emozionare

      ci riesci sempre maledetto

      grazie

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao