22.10.14

Scritti da Voi (N°2): ROMINA BRACCHI - Paesaggio nella Nebbia

Continua l'appuntamento con le recensioni e gli articoli scritti da voi.
Stavolta è il turno di Romina Bracchi, ragazza che in realtà qua nel blog non ha mai commentato ma fa parte della decina di nuovi lettori che si sono formati con l'entrata su fb. Romina poi è delle mie parti, credo proprio di Perugia (o forse di Todi), finalmente un lettore che volendo potrei conoscere di persona.
Questo è infatti un pò il paradosso di questo blog visto che in questi 5 anni a parte parenti, amici più stretti e persone care (diciamo 6,7 persone in tutto) nessuno che conosco, anche solo sommariamente, si è mai fatto vivo.
La rece è molto bella e il film interessantissimo.
Buona lettura.






EREDITARE L'ASSENZA.

Riflessione su "Paesaggio nella Nebbia" di T. Anghelopoulos

Due bambini, fratello e sorella di undici e cinque anni, corrono sulla strada bagnata, al buio. Sono diretti, come ogni sera, alla stazione, dove sembra sempre che stiano per partire, salire su uno di quei treni, quello diretto in Germania. Ma per farlo occorre il coraggio, subito. E un giorno quel coraggio lo trovano.
''Hai paura?'' - ''No.''
Da Atene, una sera un treno parte per la Germania e i due fratellini sono lì', sul vagone, piangono e si abbracciano,
- ''Siamo saliti'' dice entusiasta uno dei due. Sono saliti di nascosto sull'Internazionale 290 ma ben presto verranno fatti scendere dal controllore. Decidono allora di continuare il loro viaggio a piedi, sotto le intemperie. E' l'inizio di un viaggio alla ricerca di un padre di cui non sanno nulla ma che possono solo immaginare attraverso i vaghi racconti della madre o per mezzo dei loro sogni ricorrenti nei quali lui è lì, gli appare e parla. Nel corso del loro cammino incontrano Oreste, un giovane attore che viaggia, sempre col sorriso, su un bus sgangherato, e decidono di proseguire insieme a lui, anima a loro affine che recita una sola commedia, la sua. In una scena particolarmente significativa Oreste regala ad Alexandros un frammento di pellicola cinematografica nel quale sembra esserci solo nebbia ma a ben guardare si può immaginare ci sia impresso un grande albero. Lo stesso albero che troveranno poi navigando su una barchetta senza remi alla fine del film, l'albero della vita. E' un viaggio importante il loro, con tutti i pericoli e le bellezze della ricerca. Li seguiamo muti attraverso scenari bellissimi e desolati, li osserviamo mentre incontrano personaggi che restano immobili in quei paesaggi quasi a voler mettere in evidenza e in contrapposizione il movimento di Voula e Alexandros. Nella nebbia o sotto la neve lunghi piano sequenza seguono i loro passi, come ingranaggi piccolissimi di una macchina cosmica, alla ricerca di un orizzonte di assoluta libertà. I novelli Telemaco, vulnerabili, indifesi e quasi nudi in un mondo così crudele e difficile, scoprono che c'è qualcosa che si riesce ad afferrare meglio nel sogno che nella realtà. Assomiglia infatti a un sogno il loro andare avanti che non arriva mai a destinazione, perchè l'orizzonte è sempre un po' più lontano, e la ricerca di un'ipotetica ''Germania'', così come il crescere, non finisce mai. Ma è così bello perdersi...

Film-fiaba poetico e brutale, cosceneggiato da Tonino Guerra, Leone d'argento al Festival di Venezia 1988.

''E' ciò che nel mondo si muove, come il vento, è ciò che crea e guida con pensieri invisibili e immagini d'aria'' (jung, sul padre)

8 commenti:

  1. i film minori di Theo Anghelopoulos sono bellissimi, gli altri sono capolavori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ce l'ho fatta a recuperare il vecchio account :)

      Elimina
    2. concordo Ismaele, non ha sbagliato un colpo :)

      Elimina
    3. bravisima romina,bellissima recensione!

      Elimina
    4. Eh, ma anche se non fai login il nome mettilo sennò chi ringrazia?

      :)

      Elimina
    5. ahahahaaha grazie caro sconosciuto :)

      Elimina
  2. La recensione è molto evocativa, vien proprio voglia di cedere il film, e questo magari, se sono fortunato, lo posso recuperare in mediateca. Mi sembra uno di quei film dove sembra che non accada nulla e invece .... ho l'idea che visivamente, grazie alla nebbia, si possa avere l'illusione che lo schermo si stia dilatando, come se stesse respirando.... chissà? è così? insomma, s'ha da vedere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto Giovanni, sembra che non accada nulla e invece è un'esperienza visiva pienissima di cose e particolari, tutti inglobati nella nebbia.

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao