11.10.14

La Grande Letteratura nel Cinema (N°5): L'Autista Ridondante


Ritorna la rubrica che ricerca nelle sceneggiature cinematografiche gli estratti che più riescono ad avvicinarsi alla letteratura tout court.
Trovate le altre puntate nell'etichetta qui a destra "I grandi dialoghi"

Siamo ancora una volta nel cinema italiano, nel grande cinema italiano oserei dire, e il film da cui estrapoliamo oggi passaggi di script è il capolavoro Il cerchio dei Morti, un horror d'atmosfera italico che gioca con il vero/non vero, le doppie dimensioni e le triple agonie.

Abbiamo preparato per voi (lo ha fatto mio fratello su You Tube) il video dell'Incipit di questa grande pellicola, incipit nel quale abbiamo individuato l'incredibile e affascinante reiterazione (anche se tecnicamente non è proprio reiterazione), ridondanza (anche se tecnicamente non è proprio ridondanza), diciamo, per parlare come magno (e ora sto mangiando una bruschetta oio e aglio), l'eccessivo utilizzo della parola "Autista"

se ci riuscite, ascoltate (senza all'inizio vedere) leggendo il testo sotto in contemporanea, altrimenti vedete prima uno e poi leggete l'altro, altrimenti leggete prima uno e poi vedete l'altro, altrimenti uscite all'istante da questo inutile post senza fare nè la prima, nè la seconda nè la terza cosa.

Ecco l'incipit de Il Cerchio dei Morti, sotto troverete l'attentissima analisi della ridondanza


Prenderemo in considerazione soltanto le parti con "Autista"
Tutto insomma.


"Allora!!!
Autista!!!! (1)
(poi l'attore uguale a Beppe Signori dice una frase incomprensibile che attenti studiosi da anni tentano di decifrare)
Autista!!" (sbattendo il palmo sul fianco dell'autobus, inutilmente poi, perchè dovunque potrà essere l'Autista tranne che là dentro)  (2)

"Autista!!!!"
"Che c'è, che succede?"
"Qualcuno ha visto dove è andato l'Autista?"  (3-4)

(attenzione, questa è quasi nascosta)
mentre la ragazza, poi rivelatasi una cagna pessima attrice come poche altre volte ho visto nella mia vita fa 3 passi per arrivare in primo piano chiedendo "Siamo arrivati?" sotto è percepibile:

"Cioè, ci siamo addormentati, l'Autista è sceso e nessuno si è accorto di nulla??" (5)

"Ma non c'è l'Autista?" dice la ragazza con la cadenza che la contraddistinguerà per tutto il resto del film   (6)

"Qualcuno sa da quanto tempo siamo fermi?"
"Non mi sembra da tanto... ho visto che l'Autista è scomparso lasciando il motore acceso" (7)

(Vanno giustamente tutti via)
"Ma dove cavolo andate? e se poi l'Autista ritorna??"  (8)

QUESTI PRIMI 8 AUTISTA VENGONO DETTI IN UN MINUTO SPACCATO, DA 1.53 A 2.53, che significa 1 Autista ogni 7 secondi circa

Poi, il capolavoro, una tecnica geniale per aumentare esponenzialmente il numero di ricorrenze.

L'urlo che pensavamo finale:

AUTISTAAAA!  (9)

trova un'inaspettato Eco: -tistaaaa -tistaaaa   (10-11)

E con questo furbo aiuto il film riesce nell'incredibile impresa di regalarci 11 AUTISTA in 1 minuto e 20 secondi, ossia 80 secondi, ossia 1 AUTISTA ogni 7.27 secondi

Studi approfonditi portati avanti con mezzi molto superiori ai nostri hanno addirittura individuato una piccolissima particella di AUTISTA anche in un fantomatico terzo eco difficilmente percepibile all'orecchio umano che riesce a sentire distintamente solo i primi due.

Poi, quando tutto sembrava finalmente finito con i nostri protagonisti che allontanandosi dall'autobus notano la casa dove avverrà il massacro c'è invece un ritorno a bomba inaspettato:

"Autistaaa!" Eco: -tistaaa, -tista...   (12,13,14)
"Autistaaa!" Eco: -tistaaa, -tista...   (15,16,17)

e poi

"forse l'Autista avrà avuto un problema"  (18)
(sì, si è levato dalle palle da un gruppo di microcefali come voi, ha fatto benissimo)

che portano quindi il conto a 18 "AUTISTA" in 1 MINUTO E 48 SECONDI, ossia 108 secondi, ossia 1 AUTISTA ogni 6 SECONDI ESATTI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ed è qui la magia di questa rara perla del cinema italiano, uno dei misteri che la ammantano e che, negli anni, gli hanno fatto acquistare la nomea di Film Maledetto, questi 6 secondi esatti, al millesimo, di media-intervallo nel richiamo dell'Autista.
Segreto che si nascondeva nelle pieghe della pellicola e che noi abbiamo scovato per voi.
(glissiamo su altri misteri tipo il ragazzo meccanico che sull'autobus ha baffi e pizzetto e poi in casa è quasi rasato, potere delle due dimensioni)

6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6, già

questo è un film del Demonio, o quantomeno del suo Autista

Poi ovviamente per far risultare questo nostro studio come volevamo risultasse, ossia carico di forza demoniaca, non abbiamo considerato gli appena successivi:

"Datti una calmata, vedrai che l'Autista torna"  (19)
"Non dirmi di calmarmi se l'Autista imbecille mi fa arrivare tardi"  (20)

che porta il conto finale a 20 "AUTISTA" IN 2 MINUTI E 20 SECONDI, ossia 140 secondi ossia 1 AUTISTA ogni 7 secondi di nuovo ESATTI !!!!!!!!!

lo so, questa nuova esattezza, al millesimo anch'essa, fa paura almeno quanto l'altra, ma l'intervallo  777 sarebbe stato solo un richiamo ai non udenti, per una volta, tra l'altro, avvantaggiati nel trovarsi davanti questo film

666 era meglio


e poi, quando tutto sembrava VERAMENTE finito, praticamente dopo i "titolo di coda dell'incipit"...

"MA VOI NON DOVEVATE RESTARE SULL'AUTOBUS AD ASPETTARE L'AUTISTA??"  (21)


vi amo

21 volte "vi amo"

18 commenti:

  1. A dirla tutta a 6:30 c'è un altro "autista", e nel resto del film ce n'è ancora uno detto da Signori.
    Quindi il totale è di 23.

    2:3 = 0,666

    Tanto per tornare nel demoniaco.

    RispondiElimina
  2. Comunque a chi venisse la voglia di vedere il film, consiglio di ridurre corposamente la perdita di tempo attraverso questo (comunque esuariente) riassunto.

    https://www.youtube.com/watch?v=vImQ4Cw3h-M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come faceva a essece n'altro?
      Assurdo.

      Io sarei per rivedello

      Elimina
    2. ma con sto video riassunto si capisce lo stesso la trama? no no mi sa che guardo la versione full extended uncut.. non vorrei perdermi qualche particolare

      Elimina
    3. Lo sapevo che col trash Alessio riscappava fuori...

      Tanto poi lo so io come farlo riscappare fuori per bene.
      Intanto sotto banco lo sfrutto per risolvere dello streaming.

      Guardalo, il riassunto video di mio fratello è più che sufficiente ma se sei un purista vedilo tutto

      Elimina
    4. ora sono curioso.. come farai a farmi riscappare?

      Elimina
    5. ma poi un'altra cosa giusé.. ma sta foto da dove l'hai presa? a me più che un normale autista di mezzi pubblici sembra un kamikaze arab che sta per farsi saltare in aria

      Elimina
    6. Lo sai lo sai...

      Ma è perfetto!

      Con quei passeggeri io solo un autista in quella maniera mi posso immaginare.
      E che si faccia saltare con loro dentro perdio!

      Elimina
    7. no davvero ti giuro che non ho capito a cosa ti riferisci

      Elimina
  3. Santo cielo è perfetto, perfetto per provare a morire soffocati dalle proprie risate. Io desidero vedere questa "cosa" (non ce la faccio a chiamarlo film) per intero!
    (Adesso però non mi levo più dalla testa una canzoncina sull'autista del bus che avevo sentito in una puntata dei Simpson's!)
    Grazie per questa perla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secco???

      Ma Secco è il più grande autista della storia cinematogradifa/cartonistica/serialtivistica della storia!

      Vediti il film, è strepitoso

      e grazie a te

      Elimina
    2. L'autista è Otto che Secco...

      Spada, Secco e Patata bulleggiano, non guidano.

      Elimina
    3. Uno dei più grandi errori della mia vita

      Elimina
  4. Ti eri reso conto che il film è DAVVERO diabolico?

    La parola autista andava ascoltata velocemente al contrario per avvisarci in dialetto romanesco dei pericoli che corriamo nel vederlo: "Atsitua!!!"

    Ciao Mitico!!! Saluti da Roger Tornhill ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta battuta è talmente capolavoro che anche io, che a battute, voglio sempre l'ultima parola, sono costretto a tacere per non svilirla.
      Imbattibile.


      (ma il Sacerdote Egizio??)


      ciao!

      Elimina
    2. Eh ma la cosa assurda è che non è una battuta ma la verità!!! :-)

      Il sacerdote egizio arieccolo qua, contento? Egli prega sempre che la dea Sekhmet, la possente, dispensatrice di collera e fiamme dalle sue fauci nei confronti di tali abomini cinematografici, ma anche della guarigione (appunto, dopo siffatte visioni ci vuole una terapia per guarire dai danni che ti lasciano dentro) vegli sempre su questo sito ed il suo ideatore, per noi prezioso faro nel buio che ci avvolge in questi tempi, non solo in sala.

      O il ? era del perché del nome sacerdote egizio? Quella è una lunga storia che non posso certo svelarti qui e ora, ma pensavo sapessi che avevo preso i voti... ;-) Ah, guarda che hai (ris)posta pure sui "dieci peggiori film..." su Film TV ;-)

      Elimina
    3. E' vero, dinnanzi alla Verità non si può far nulla, ti ringrazio almeno di averla decriptata.
      Se mi veglia Sekhmet sto come un picchio, non ho più paura di nulla.
      No no, il ? era assolutamente per come l'hai inteso te.

      Ahah, so benissimo che ho messaggi anche là, il tuo poi è bellissimo. Ma su filmtv rispondo sempre ogni 3,4 giorni, faccio accumulare roba. Se anche lì cercassi di rispondere al volo come qua non ci capirei più una fava.
      Arriverò.
      Che Sekhmet protegga anche te

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao