3.10.14

Serie Tv: recensione "Southcliffe"

Risultati immagini per southcliffe serie tv poster

Veramente strana la vita e le sue coincidenze, specie in quest'ultimo periodo.
Proprio nel mese in cui l'interessantissimo canale Crime di Sky propone la rubrica "Un giorno di ordinaria follia", ossia i racconti dei serial killer -come li chiamo io- sincronici, quelli che hanno ucciso in un solo giorno più persone (uno su tutti per capirsi, la strage di Utoya), assassini in realtà molto diversi dai serial killer tout court o diacronici, quelli che commettono omicidi a intervalli più o meno regolari o comunque in più tempi, e proprio quando la sera prima vedo la puntata di un pazzo inglese che ha fatto fuori per strada non so quante persone, ecco che un amico mi consiglia Southcliffe.
Miniserie, talmente mini che Nymphomaniac di Trier anche in versione tagliata dura un'ora di più.
E proprio di un giorno di ordinaria follia, e proprio di un inglese, parla questa nerissima serie che, a differenza di quanto potete pensare, tutto fa tranne che strumentalizzare, servirsi del dettaglio macabro o mostrare morbosamente come un uomo in pochissime ore possa aver ucciso 15 persone e ferite mortalmente delle altre.
No, nessuno splatter, nessun proiettile che sparge sangue, nessuna concessione alla spettacolarizzazione dell'omicidio.
Southcliffe è la serie del prima e del dopo, il durante è sempre solo accennato, è proprio questa una delle sue peculiarità.
Sarà per questo che inquieta di più.

Risultati immagini per southcliffe serie tv poster

Penso alle fotograficamente stupende scene sulle rotaie, tese come poche, alla macchina con la famiglia che vede arrivare Morton, alla ragazza che fa jogging, all'omicidio della madre.
Ci si ferma sempre un attimo prima, a mio parere regola aurea della suspense, oppure si preferisce lasciare tutto fuori campo.
Perchè in realtà questa tutto è tranne che una serie "facile", una di quelle costruite ad hoc per aver successo.
Southcliffe rispetto alle immagini, dà molta più importanza a tematiche e riflessioni.
Altra produzione inglese, altro cast in stato di grazia con un sorprendente Sean Harris (l'indemoniato del da poco recensito Liberaci dal male) e un ancor più bravo Rory Kinnear (l'indimenticabile Ministro del primo episodio di Black Mirror) a svettare su tutti gli altri, comunque bravissimi. Bravissimi è dir poco quando tra questi altri, ad esempio, c'è il favoloso ormai ex caratterista Eddie Marsan che dopo Still Life e Tirannosauro con questa terza interpretazione entra prepotentemente nel mio Olimpo personale.
Ma il punto di forza della serie, almeno nei primi due episodi dei quattro totali è la costruzione temporale, questi continui salti avanti e indietro nel tempo concentrati tutti però in sole 24 ore, quelle a cavallo della strage. Può ricordare un pò, anche per tematiche, l'Elephant vansantiano, e lo fa ad esempio nel virtuoso "trucco" di mostrare una stessa scena da due angolature diverse in due tempi molto lontani tra di loro (strepitoso il primo uso di questa tecnica nella cameretta della madre del killer).
C'è un tempo che pare fermo, si sente nell'aria che sta per accadere qualcosa, il personaggio di Stephen è sempre più morto nello sguardo e nella voce, sta per esplodere.
E la prima avvisaglia della sua pazzia è nella bellissima scena a metà del primo episodio, quella guerra che da gioco rischia di diventare altro.

Risultati immagini per southcliffe serie tv

Il cielo è sempre plumbeo, siamo nella campagne inglesi, campagne di nebbia e fango, campagne restituite in maniera pazzesca dalla regia e dalla fotografia, specie negli innumerevoli e perfetti camera car.
La regia già, magnifica, con un uso della carrellata in avanti lentissima (che io amo da morire, specie su inquadrature ferme) che a volte fa gridare al miracolo, una costruzione delle scene studiata nei minimi dettagli, vedi ad esempio la telefonata tra il campo lunghissimo del cantiere navale e quello strettissimo della moglie nascosta dietro il tavolo (Ti prego! ti prego!), quella specie di Karma Police in cui Stephen deve correre nel fango e nella pioggia davanti la macchina (a livello di plot scena chiave del film) o la notte in cui tra servizi live del giornalista, elicotteri e spari si sancisce, forse, la fine di Norton nella palude.
A proposito di giornalista e servizi, la tv è presente praticamente in ogni scena, e non solo per i notiziari ma anche con programmi molto meno importanti. Sembra quasi essere il film rouge della serie questa massiccia presenza dei media nella vita delle persone.
In realtà non fil rouge ma tematica principale è senz'altro quella dell'elaborazione del lutto.

Risultati immagini per southcliffe serie tv

Ed è qui che, forse, Southcliffe si perde un pò.
Ma è importante spiegare perchè.
Se le prime due puntate sono un continuo avanti e indietro nel tempo a cavallo tra il prima, l'appena prima, e il dopo la strage, la terza e la quarta abbandonano quasi del tutto questa costruzione per soffermarsi una, la terza, sui giorni successivi alla strage, e la quarta sull'anniversario di un anno dopo.
Tutto quindi è fermo, e si pone l'attenzione su come le varie persone coinvolte nel massacro affrontino le proprie perdite.
E lo si fa in maniera perfetta, umana, mai troppo esagerata.
Uomini che non hanno più niente nella vita (anche se apparentemente sembravano fregarsene) che decidono di farla finita, mamme che tentano il tutto per tutto per cercare di far vivere ancora la propria figlia portando avanti le loro battaglie, gente che vuole dimenticare, ragazzi che si sentono troppo in colpa.
Tutto è raccontato perfettamente.
Ma la serie sembra fermarsi, sembra essere un'altra.
E la vicenda della madre che cerca l'immigrata romena viene talmente esasperata da diventare quasi un'intera puntata, negli episodi conclusivi poi, quando, semmai, poteva essere un'ottima storia di contorno centrale.
Quello che ci aveva affascinato di Southcliffe non c'è più, è diventato altro, è diventata una tremenda e fredda analisi sul dolore e sulla perdita con, parallelamente, una feroce critica a certi piccoli ambienti che sembrano allevare serpi in seno senza accorgersene e poi una volta che avviene la tragedia provano ad individuare un capro espiatorio e tornare alla loro normalità.
O finger di tornare alla normalità.

Risultati immagini per southcliffe serie tv

In questo senso è fantastica, veramente indovinata, la scelta di fare andare come inviato speciale per il tg proprio un ex bambino di quel posto, un bambino che passò un'infanzia terribile, deriso, umiliato e maltrattato da tutti perchè figlio di quello che si riteneva un assassino (anche se assassino colposo, un errore in fabbrica).
Questo giornalista odia Southcliffe, i ricordi riaffiorano, è quasi più vicino al killer (altro membro della comunità deriso dagli altri, tra l'altro suo amichetto d'infanzia) che alle vittime.
E si crea un corto circuito magnifico.
In questo paese che ormai non sarà più lo stesso, enfio di vite distrutte e di verità forse tenute nascoste, si arriva così al giorno della commemorazione, che non è solo la commemorazione di quella tragedia ma per un assurdo caso del destino -o forse no- anche il giorno di commemorazione di tutti i morti, il 2 Novembre.
Manca solo un minuto alla fine della serie, non può accadere altro.
E invece no, e invece David, il giornalista, quel figlio ripudiato dal proprio paese natale, quel figlio che è tornato per sputare a tutti in faccia quanto quella tragedia se la siano meritata, quell'uomo è lì, fermo.
E vede persone che si abbracciano, lacrime che scendono, un silenzio carico di dolore.
E forse cambia idea David.
Forse in tutto questo dolore e in tutto questo schifo c'è ancora umanità, sembriamo leggergli negli occhi nell'ultimo secondo.
E quando c'è ancora umanità c'è sempre ancora speranza.

16 commenti:

  1. è stata la mia "prima" serie:

    http://markx7.blogspot.it/2014/01/southcliffe-sean-durkin.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te pareva Francesco non m'aveva anticipato pure "tu qui"

      arrivo

      Elimina
  2. http://bradipofilms.blogspot.it/2013/12/serialmente-southcliffe-2013.html ah ah ah primo primo primo primo.!!!!!!! ho vinto qualche cosa?
    Come per Francesco anche per me è stata una delle mie prime incursioni nel mondo delle miniserie britanniche, un bellissimo mondo...da me ne trovi un po' che sicuramente ti piaceranno...Bellissima recensione !!! ma non lo dai il voto o è una dimenticanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto se non è Francesco sei te, non se scappa

      ma sai che trovarle è impossibile, appena leggo un titolo che non ho visto fuggo, ho paura di leggere

      quindi semmai consigliami qua i titoli e poi ci leggeremo dopo visione

      il voto sì, dimenticanza, 8

      Elimina
  3. Ho visto Southcliffe allo scorso TFF, quindi tutte le puntate di seguito, senza pause (proprio manco mezza pausa eh!). Mi è piaciuto come viene messo in luce il modo in cui i mass media strumentalizzano tutto e come l’onestà a volte debba essere gridata ed eccessiva per sfondare il muro della superficialità crea. Il dolore è dolore e stop. Non c’è bisogno di continuare a dire quanto sia lacerante. Deve essere lasciato in pace. Bellissima rece! (pure io ho visto quel doc e quando vado a trovare i miei mi attacco a C+I tipo tossica)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io l'ho visto senza manco mezza pausa, nemmeno per un bicchier d'acqua :)

      Bellissimo commento il tuo, grazie.

      S', ho il mysky con dentro tipo 50 programmi di crime investigation, 10 per rubrica...

      :)

      Elimina
  4. Sti inglesi sanno sempre come fare al meglio le cose, in particolare le serie TV. Southcliffe è davvero tutto ciò che hai scritto: la perfezione di regia, l'intensità del racconto, l'inquietudine e l'angoscia di una situazione e una lenta elaborazione... che serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hai commentata Lisa?

      semmai linka!

      ste serie così corte e intense mi piacciono tantissimo, piano piano le recupero parecchie. Mi piace perchè ne fruisco come fosse cinema, tutte di fila o poco ci manca. Sono come film lunghi

      (questo poi, come dicevo è 1 ora più corto di Nymphomaniac e anche di altri, come Il Regno d'inverno che andrò a vedere domani)

      Elimina
    2. E' anche per questo che adoro gli inglesi: brevi e concisi, ma dicono sempre tutto quello che c'è da dire!

      Il regno d'inverno mi spaventa, C'era una volta in Anatolia non lo avevo saputo apprezzare a dovere e mi aveva assopito non poco, visto che però dalle mie parti arriverà a novembre ho tutto il tempo per prepararmi.

      Elimina
    3. Già, sempre glaciali, perfetti.

      TI consiglio Common, un film televisivo inglese meglio della maggior parte di quelli cinematografici.
      Tra l'altro è molto interessante perchè parla di una legge inglese davvero assurda.

      Boh, speriamo bene, io vado là col mio taccuino a vedermi ste 3 ore e 10 de film turco, mi sto già preparando da adesso

      Elimina
  5. Appena finita di vedere ;) Ho visto ieri sera il primo episodio. Oggi pomeriggio mi sono sparato gli altri tre :D
    Me l'appuntai proprio il giorno in cui lessi la tua rece (grazie ;) e dopo più di un anno (di pregiudizi sulle serie, che in realtà non sono ancora del tutto spariti) sono riuscito a godermela.
    Non conosco assolutamente il mondo delle serie, avendo visto soltanto tre mini-serie, ovvero il The Kingdom vontrieriano, P'tit Quinquin di Dumont (magnifico, fra non molto lo riguardo) e questo Southcliffe, però devo dire che queste tre mi sono piaciute più di quanto mi aspettassi; più che altro non mi aspettavo che la tv potesse ottenere prodotti così affini al cinema.
    Questo Southcliffe è una roba pazzesca. Mi ha realmente sorpreso ed emozionato, come solo i grandi film hanno saputo fare. L'inglesità (mi veniva così, non farci caso XD) dell'opera si ammira e si respira ogni singolo secondo, quella profonda umanità, quel dolore così reale, vero che traspare dal prodotto, e che ti stritola le viscere, l'ho avvertito solo in film come Tyrannosaur, The Selfish Giant, e, con meno dolore, anche in Boy A, Shell, Still life; film che hanno in comune anche uno straordinario valore estetico dato dalla regia e dalla fotografia. Qui, in Southcliffe, ho osservato, il meglio che potevo, il lavoro di Sean Durkin che mi è sembrato di una bravura astrale. Quando poi mi sono accorto del fatto che Durkin è lo stesso regista dell'enorme Martha Marcy May Marlene, non ero più tanto stupito.
    Riguardo a ciò che hai scritto sottoscrivo tutto, anche le valutazioni sul cambiamento della serie nel 3 e 4 episodio che però non mi hanno fatto storcere il naso come a te ;)

    P.s. Credo stia arrivando il giorno della mia prima (e forse unica) serie-tv...True Detective, è lei la prediletta. Faccio bene sì?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa sono le serie che cerco anche io. Cortissime, vicinissime alla fruizione filmica. Le altre non ce la faccio.
      Ad esempio il kinkdom trierano per me è proprio un film.
      E sì, quello di Dumont lo vedrei subito.

      Southcliffe.

      Il film di Durkin che citi non l'ho mai sentito...
      Anche io amo l'atmosfera inglese.
      Per i motivi che hai detto te. Anche quando, come nel per me bellissimo Il Superstite, a tratti si allontanano dal realismo.
      Ora per ricordarmi lo stacco tra terzo e quarto episodio un pò fatico, dovrei rileggermi, magari lo faccio appena scritto ;)

      ma ricordo davvero una gran bella mini serie.
      O un gran bel film lungo ;)

      non puoi fare cosa migliore nella tua vita

      Elimina
  6. Guarda, forse se ti dico 'La fuga di Martha'...ti suona più familiare??

    Ah, ma Il Superstite è inglese??? Non lo sapevo. Oh se me lo citi pure qui mi sa che je devo da n'occhiata...

    Addirittura?? Allora me movo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ma sì, la fuga di Martha!
      se ne parlò molto sul post delle sette, forse su facebook anche

      vedi sia il superstite che true detective

      mi sento sicuro su entrambi ;)

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao