2.2.16

Una serata con PSH

Questa è una puntata speciale de Il Buio in Tv, ossia lo spazio (alla destra del blog) dove vi segnalo ogni sera (o quasi) 1,2,3 film da vedere nei canali in chiaro.
Questa è una puntata speciale perchè questo è un giorno speciale per me.
Tristissimo soprattutto.
Due anni fa se ne è andato quello che consideravo il più grande attore vivente.
Quello da cui ho pure preso il nick che uso qua nel blog, il nome del protagonista del film più grande che abbia mai visto.
Iris lo celebra con 4 film, uno di seguito all'altro.

Dalle 21 a seguire

GOD'S POCKET

I LOVE RADIO ROCK

LA FAMIGLIA SAVAGE

ONORA IL PADRE E LA MADRE

e un uccellino mi ha detto che fanno Synecdoche su Sky...

Io non posso esserci che lavoro.
Se voi potete non perdetevi questa occasione


(sono un pò indietro con le risposte ai commenti, tra stanotte e domani ho tutto il tempo di rimettermi in paro=

34 commenti:

  1. God's pocket è l'unico che mi manca (e ammetto che è la prima volta che lo sento nominare) ma se è quello delle 21.00 facile che riesca a vederlo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quell'ultimo film di PSH è passato così in sordina che mi fa pensare non valga poi molto...

      non so se poi l'hai visto

      Elimina
    2. ehm... mi sono addormentata quasi subito, a dire il vero, perché quando ho riaperto gli occhi c'era I love radio rock... non credo sia TUTTA colpa del film, diciamo che guardarlo sdraiata sul divano non ha certo aiutato...
      Avrebbero potuto trasmettere Flawless, l'avrei rivisto volentieri.

      Elimina
    3. Credo che sto God's pocket sia veramente robetta...

      Io non mettevo in prima serata questo, o.k che è inedito ma ci sono una decina di capolavori con psh

      quindi è anche colpa del film, parecchia credo ;)

      Elimina
  2. Non c'è pertanto giorno migliore per vedere Synecdoche comprato sulla base delle parole di meraviglia scritte da Giuseppe:) in terza serata ce lo spareremo figli permettendo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se l'hai visto.
      Ma non ho fatto in tempo ad avvertirti.
      Già vedere quel film è qualcosa da fare con cautela, vederlo in terza serata vuol dire uccidere il film e uccidere te...

      spero sinceramente che tu non l'abbia visto ;)

      Elimina
    2. In realtà lo abbiamo visto, tra l'una e le tre di notte, per fortuna totalmente recettivi in quanto abbiamo saggiamente evitato il divano. Due sedie scomode, lingua originale e sottotitoli. Abbiamo anche avuto un mini "dibattito" di 15 minuti (più una riflessione a caldo) con scambio di opinioni, interpretazioni e teorie su ciò che Kaufman avrebbe voluto dire e su ciò che a noi è giunto (non sempre le due cose vanno di pari passo).
      Di sicuro una cosa ci è risultata chiara: la complessità dei personaggi che interpretava Hofmann, le sfide che si poneva come attore hanno probabilmente contribuito a portarlo agli abusi che ne hanno causato la dipendenza prima e la morte poi.
      Alla fine lo stesso PSH attore era parte del meccanismo di Synechdoche come lo era il suo personaggio Caden Cotard.
      Quando dai voce a potenziali drammi interiori anche in forma di finzione puoi aprire in colui che li emula il fantomatico vaso di Pandora. E questo non è l'unico film in cui la prova da superare può aver avuto effetti dannosi
      Per molti aspetti, essendo il film un film sul peso delle scelte e degli effetti irreversibili che esse portano nella vita di ognuno, a me ha suggerito parallelismi con altri film visti, magari di generi diversi.
      Credo che la frase che pronuncia il prete sotto la "pioggia" sintetizzi gran parte delle tematiche del film.
      Progetto ambiziosissimo, non so se si potesse fare meglio, di certo ad una prima visione rischia di rimanere schiacciato dal peso e dalla grandiosità dei temi affrontati.

      Elimina
    3. Ah, te dici che il cinema è entrato nella vita di Hoffmann?
      Ossia, certo, è sicuramente anche (se non del tutto) colpa della macchina cinema se ha fatto quella fine ma arrivare a pensare che addirittura i personaggi interpretati abbiano contribuito è un'ipotesi per me nuovissima. E interessante, eccome.
      Facendo nostra questa posizione è indubbio che questo film e questo personaggio possano essere stati devastanti.
      Ma ne parli in maniera perfetta te, inutile aggiungere altro.
      Son d'accordo su tutto quello che dici, sulle tematiche, sull'ambizione del film, sul suo poterne rimanere schiacciato.
      E anche sulla necessità di esser rivisto (sì, io l'ho fatto 3 volte e mai come in questo film ogni volta ho notato cose nuove).
      Resta il fatto che io ne rimasi stregato subito, che ne scrissi immediatamente dopo averlo visto la prima volta, che non mi si è più tolto dalla pelle.
      Speriamo di fare una fine migliore di PSH, ahaha

      ciao!

      Elimina
    4. Credo che ogni cosa creativa che si fa nella vita ci modelli, fosse solo per la sofferenza le privazioni la gioia o l'orgoglio di averla portata a compimento, oppure la delusione per aver fallito; pertanto Si, penso che i ruoli di Hoffmann attore abbiano plasmato Hoffmann uomo da dentro.
      Forse c'era anche una predisposizione pregressa che è stata alimentata dalle sfide che si è posto.

      Di sicuro riguarderò il film e ti confermo che non mi ha lasciato indifferente, tutt'altro. Per definirlo uno dei miei film "cutanei" è prematuro.
      Ma sai, ci sono contagi fulminei e latenti :) Una volta non capivo Woodie Allen, ora lo adoro.

      Elimina
    5. No no, hai perfettamente ragione...
      Ma io ho sempre visto più vero il contrario, ovvero che noi portiamo la nostra vita, in questo caso, nel cinema, non il cinema dentro la nostra vita.

      Ma nel caso di Hoffman credo ci sia stato un gioco di vasi comunicanti di profondità pazzesca, concordo.

      Ma figurati, per me SNY è il massimo ma mi stupisco ogni volta che lo sia anche per qualcun altro. Mai come in questo caso è questione di soggettività.
      Certo, come "progetto" è oggettivamente grandioso

      Elimina
  3. Guarderò god's pocket e registrerò onora il padre e la madre.
    Non è ancora il momento per vedere SNY.

    Sarà il mio primo PSH (escludendo gli hunger games)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, quel god's pocket è il suo ultimo film ma è praticamente sconosciuto, non penso valga granchè...

      Mi piace molto quel tuo dire che è presto per sny

      di psh (per continuare con gli acronimi) guardati

      onora il padre e la madre *
      la famiglia savage *
      magnolia *
      boogie nights
      la 25ima ora
      happiness **
      il dubbio **
      i love radio rock
      the master **
      truman capote **

      per ora mi fermo qua...

      ho messo asterischi abbastanza a caso non tanto per la bellezza dei film, ma per capire in quali film capisci meglio che è un mostro

      Elimina
    2. Rachele Tommaso3 febbraio 2016 11:36

      Ho visto god's pocket.
      Abbastanza mediocre e PSH non spicca granchè. Per evitare di andare a letto delusa dal film e dalla sua interpretazione ho visto I love radio rock.... fichissimo!!!
      Mi è piaciuto un sacco ed ho trovato il conte fenomenale, addirittura affascinantexD

      Onora il padre e la madre mi aspetta su mysky.
      Magnolia l' ho visto, ma non mi ricordo di lui...
      Con Truman Capote ha vinto l'oscar se non sbaglio, mi tocca partire da quello. A filmografia completa o quasi vedrò SNY

      Elimina
    3. Il tuo metodo è commovente ;)

      sì, puoi partire da Capote, assolutamente. Tra l'altro la vicenda di Capote e di quel libro sul massacro è molto affascinante.
      Su Magnolia è l'infermiere del vecchio, l'unico personaggio, ripeto unico, a non essere in qualche modo legato ad altri del film

      Elimina
  4. Bellissimo ricordo per un attore immenso, di una profondità che in pochissimi hanno, e che sinceramente ha una filmografia di perle davvero stupende, ha saputo scegliere ruoli e film quasi sempre azzeccati e riusciti.

    Tra l'altro mi ricordo perfettamente della notizia della sua morte perchè è in concomitanza col mio compleanno che è proprio il 2 Febbraio, mi venne un tuffo al cuore due anni fà per una perdita così incolmabile di un attore e artista incredibile.

    Ho visto praticamente quasi tutta la sua filmografia, ma senza citare i soliti film che più o meno tutti anno visto o si conoscono ci tengo a sottolineare un film piccolo, minore, ma davvero una piccola chicca sconosciuta, Love Liza, film che se non hai visto Caden recuperalo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti oltre alla mostruosità dell'attore è proprio anche la sua filmografia ad essere impressionante.
      E non è scontato eh...
      Non solo per la quantità di grandi film e grandi personaggi interpretati, ma anche per la quasi totale assenza di marchette.
      E questo è sicuramente anche merito dell'uomo Hoffmann

      guarda, sai che mi sono accorto del tuo compleanno su fb proprio quel giorno?

      e la coincidenza è che è il compleanno anche di un altro grande lettore, Filippo. Lo dice lui stesso qua sotto, ma me ne ero accorto anche io sul social, tanto che avrei voluto farvi un post augurio collettivo e anche riferirlo a Hoffmann

      io Love Liza mai sentito...

      Elimina
    2. Si si senza dubbio, come i più grandi, anche Hoffman ha una filmografia ponderata ed equilibrata frutto di scelte e non di "obblighi", per ruoli a lui sempre calzanti e che hanno saputo elevare il suo talento indiscusso. Un'altro che mi viene in mente è Daniel Day-Lewis ma ce ne sono altri.

      Ti ringrazio del pensiero, il caso ha voluto ciò e ne sono orgoglioso.

      Love Liza tra l'altro è uscito anche in DVD ;) recuperalo perchè anche li da sfoggio della sua bravura, da amante di Hoffman li devi vedere tutti i suoi film, non hai scampo :)

      Elimina
    3. Tanti auguri Revu, mi fa sempre piacere trovare persone nate il 2 Febbraio.

      Elimina
    4. Ahah, proverò a vederli tutti, ancora mi mancano senz'altro anche un paio dei "grandi" (il love radio rock, boogie nights etc...)
      Poi si cercheranno queste perle nascoste.

      Daniel day-lewis formdaibile. E nell'aspetto di cui stiamo discutendo forse batte persino Hoffmann

      Elimina
    5. Grazie degli auguri!! :)

      Daniel Day-Lewis altro attore monumentale ;)

      Elimina
  5. fu un momento tristissimo anche per me.
    lo scorsi su un sottopancia di un programma di news e contemporaneamente mi arrivarono due messaggi.

    consiglio anche la visione di un suo delicatissimo film (regista e interprete): jack goes boating.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, mi consigliate in due commenti successivi due film che non avevo mai sentito, incredibile

      a me, mi pare, chiamò mio fratello. L'unica morte che mi abbia realmente colpito nella storia del cinema. Intendo personalmente, come fosse "vera", della mia vita

      Elimina
  6. Non voglio dire che sia anche il mio attore preferito, mi sembrerebbe quasi di rubartelo, ma quello è, dopo che vidi Happiness soprattutto.

    Il caso ha voluto la sua morte lo stesso funesto giorno del mio compleanno, bene ma non benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io sono solo onorato e orgoglioso se lo è anche per te.
      Sì, in Happiness è grandissimo. E leggendo Giovanni qua sopra anche quello è un ruolo che rischia di entrarti n vita

      come dicevo a Revu mi ero accorto del "vostro" compleanno proprio quel giorno

      purtroppo non sono uno da auguri ma un brividino e una voglia di scrivervi qualcosa mi è venuto
      auguri a entrambi, davvero

      e siate in qualche modo orgogliosi che sia successo quel giorno

      Elimina
    2. Io sono nato l'anno che è morto Chaplin ad esempio.
      E sta cosa me la sento addosso

      Elimina
    3. Non vale, devi beccare l'anno ed il giorno, così possono esserci prove concrete di una reincarnazione.

      Elimina
    4. Sarebbe stato un peso che non avrei saputo sopportare...

      e poi sarei nato a Natale, avrei avuto regali solo una volta l'anno ;)

      Elimina
  7. 2 Febbraio 2014...e chi se lo scorda...
    Ricordo una profonda sensazione di improvvisa mancanza che mi avvolse. Avevo cominciato da poco ad apprezzarlo, ad ammirarlo e a capire che quello che vedevo sullo schermo davanti ai miei occhi, con uno sguardo più profondo, attento, fosse uno dei più grandi attori viventi.
    Credo che il fatto che la notizia mi venne riferita e che non lo scoprii da me stesso, abbia aumentato in me lo sconforto. E' strano ma era come se mi sentissi in colpa per non averlo salutato. Poi venendo a conoscenza della causa, la tristezza non fece altro che crescere. Ricordo che quella sera mi scese qualche lacrima.

    Grande Philip!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla grandezza di Hoffmann non c'è soggettività che conti. Possiamo discutere se fosse il più grande della sua generazione o uno dei più grandi, ma più giù non si va.
      Anche io l'ho scoperto per conto terzi. E sì, in un secondo c'era e poi non c'è più senza che tu abbia avuto il tempo di immaginartelo.
      Quella fine era l'unica che poteva fare. E' stato massacrato per questo ma io credo, anche se può dar fastidio come discorso, che la morte che ha avuto se possibile confermi ancora di più che uomo c'era dietro.
      Devbole sì, vizioso, quello che vuoi. Ma a quei livelli ci arrivi solo se della vita non hai capito niente o ne hai capito troppo

      Elimina
  8. bellissime le tue ultime due righe, la penso anch'io così.
    Credo che più gente deve andare più nel profondo delle cose, degli eventi...mi è dispiaciuto veramente tanto leggere svariati commenti altamente offensivi nei confronti di Philip uomo, che avrà sicuramente fatto qualche errore, ma come tutti gli esseri umani di questo mondo. Perché dargli del drogato in quel modo così crudele, e non interrogarsi un minimo sul cosa abbia portato Philip su quella strada, o semplicemente accettare la sua 'scelta' o errore che sia.
    Penso che in questi casi essere famosi non aiuti affatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè la gente ragiona per fatti, per titoli, per notizie.
      L'approfondimento, che significa andare più nel profondo, è una cosa che non fa nessuno, e sempre di meno in questo nuovo mondo.
      E' l'epoca delle notizie slogan, quella de "gli altri son peggio di me", quella della condivisione delle accuse

      non ti curar di loro ma guarda e passa

      Elimina
  9. Non so dove altro scrivere .

    Per usare le tue parole: Un Philip Seymour Hoffman IMMENSO.
    (mi sto Giuseppizzando)

    Ho visto un intervista del vero Truman Capote ,e Cristo Santo, è identico!!! La voce, i gesti, le movenze. Sono senza parole.

    Cazzo quanto mi dispiace che sia morto!!!

    E niente, andrò a letto un po triste stanotte, pensando che ho ancora un numero limitato di film da vedere per poi salutarlo definitivamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fai commuovere ;)

      hai detto tutto, grazie

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao