21.2.16

Al Cinema (8): recensione "Il Bambino che scoprì il Mondo"



Grazie cinema.

Bianco.
Un bambino si avvicina.
C'è qualcosa in terra, pare un sasso multicolore.
Il bambino lo alza.
Ci sono nuvole in cui saltellare come pozzanghere.
C'è la giungla colorata e viva.
Ci sono animali e alberi.
Poi c'è un addio, un forzato addio e un bambino che corre a perdifiato per fare in modo che quell'addio non sia più.
Una fermata di stazione persa nel nulla, un treno che arriva e lui che va via.
E c'è una musica di flauto che torna sempre e sempre, ed è così bella, sembra il flauto di Olsen Olsen dei Sigur Ros, la musica degli angeli.
Quella musica è la musica di un padre.
Quella musica finisce in un barattolo e quel barattolo finisce nella terra, la terra dove quel padre lavorava.
Sopra quella buca il sasso multicolore.
Ci sogno gli incubi della mancanza.
Ci sono tramonti pastello che nemmeno quelli veri riescono ad emulare in bellezza.
C'è Il Brasile.
Il Brasile dei poveri piatti di riso, il Brasile delle disumane piantagioni ci cotone, quello del Carnevale, quello del calcio ormai sempre meno umano e sempre più tecnologico.
C'è il Brasile dei canti nonostante tutto.
E poi in quella disperata ricerca di lui ci sono fabbriche spersonalizzanti e distruttive.
Ci sono uomini ingranaggi che un giorno verranno sostituiti da ingranaggi veri.
Ci sono pendii che diventano oceani con la pioggia.
C'è la città frenetica, ferrosa e minacciosa.
E poi la favela e quelle scale infinite, quella fatica immane solo per raggiungere un pò di triste e mesto riposo.
C'è la tv che racconta illusioni lontanissime e i negozi che raccontano di illusioni molto più vicine, apparentemente a portata di mano, eppure anch'esse così lontane.
Ci sono navi mercantili che vengono addotte in città ufo.
C'è l'aquila nera.
L'aquila nera della dittatura, del progresso, della politica, della violenza, della disumanizzazione che lotta e uccide il bellissimo uccello dai multicolori, quello della gioia, degli uomini, dei canti, del mondo che fu.
E il sangue di questo uccello sono solo palline di colore che si perdono nei rivoli dei canali di scolo.
Ci sono macchine che mangiano foreste, macchine che mangiano uomini.
E poi si diventa grandi e quel treno che un giorno portò via lui è lo stesso treno che adesso porta via te, bambino non più bambino.
Tornerai però.
Sarai vecchio, stanco, ma con addosso un berretto e un vestito dai mille colori, come se, nonostante tutto, quei colori, finalmente, sono tornati.
La musica di quel flauto è sempre là, la musica come i ricordi sono destinati a non morire mai.
E c'è un albero che un giorno fu seme piantato a sei mani.
Adesso è grande e rigoglioso.
Se chiudi gli occhi, vecchio, potrai ancora rivivere l'abbraccio di quando eri piccolo ed eravate tutti e tre là, insieme.
C'è l'insostenibile e gigantesca potenza delle piccole cose.
C'è un cartone fatto con niente che è un incanto.
C'è la debordanza dell'essenziale.

11 commenti:

  1. :')

    Che è un sorriso triste per la tua bella recensione, per il film, ma anche la rappresentazione grafica di cosa mi è successo quando ho cercato invano di scriverne. Due punti, intenzione - apostrofo, sospensione - parentesi chiusa, rassegnazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, fantastica

      eppure il binomio menino-Chiara io lo volevo leggere...

      anche la faccina dell'avatar credo sia pendant con la cosa

      Elimina
    2. Non ce la feci proprio a scriverne, eppure avrei voluto.
      Giuseppe corri a vedere Lo chiamavano Jeeg Robot.
      Ciao :)

      Elimina
    3. Non ti preoccupare, ci sarei andato al 100 % ;)

      Elimina
  2. bellissimo film e bellissima recensione

    RispondiElimina
  3. Come sempre, bellissima riflessione e bellissime parole, sapevo lo avresti adorato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci azzecchi sempre ;)

      anche se ormai se uno mi conosce non è così difficile...

      invito tutti a leggere anche la tua recensione su In central perk

      Elimina
  4. oh Giusé te questo dove lo hai visto? Ho visto che su Vimeo ci sta. Ma il film è parlato o è muto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al cinema caro mio ;)

      le solite 4,5 copie di cui una a Perugia

      Il film non è muto, nel senso che ha rumori, suoni e, se ricordo bene, una finta parlata

      insomma, la lingua non conta, non c'è bisogno dei sub

      Elimina
    2. beato te...
      si si per muto intendevo senza dialoghi ;)
      ok grazie per l'info, lo vedrò a breve

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao