3.11.14

Tipi da Videoteca (N°3): Il Messo del Diavolo - 1 - Zolfo e rotture de cazzo


per chi volesse leggere le precedenti puntate c'è l'etichetta a destra

Solo poi capirò cos'era quel fortissimo odore.
Quella puzza diciamo su.
Zolfo.
Un odore sulfureo che penetrava nell'aria.
E in un negozio di 22 metri quadrati potete immaginarvi quanto si possa sentire.
Sarò per questo che ho sempre evitato di fare peti in negozio. Se ne ho fatto qualcuno è stato quando ho iniziato a capire che tanto più de un cliente o due al giorno non veniva più.
E se fosse venuto proprio appena dopo un peto oh, che ci vuoi fare, semmai un cliente in meno.
Ma quella era puzza di zolfo.
E dopo 3 giorni l'ho capito.
Sì, perchè era entrato un Demone.
E i Demoni stanno all'Inferno.
E l'Inferno puzza de zolfo.
E glie se attacca ai vestiti la puzza.



Brutto.
Co na discreta faccia da cazzo, di quelli che in confronto trovi Paola Perego simpatica.
"Famme na tessera"
"Sì, siediti, 3 minuti compili questo e siamo a posto"
"Ma io forse già ce l'avevo con quelli prima de te"
"Allora controlliamo, me dai il nome?"
".......... ............"
Guardo la lista dei nomi dei tesserati pregando Dio di trovarlo.

(e forse da quel giorno ho capito che il Diavolo sette volte su dieci a Dio glie rifila 3-0 palla al centro)

Perchè avevo già capito come sarebbe andata a finì in caso contrario, se non l'avessi trovato insomma, avrebbe insistito e giurato che ce l'aveva già, e pure con i soldi dentro.
"Io ce l'avevo sicuro, e anche con qualche soldo dentro" manca il giuro e insisto ma ce siamo
Non c'è, so che non ce l'ha mai avuta, è una fottuta testa di cazzo che puzza di zolfo.
"Guarda, non ti trovo, facciamo che ti regalo i primi due film, o.k?"
"Ma io li riporto subito, dammene almeno 3"
"O.k, 3, quanto ti metto?"
"5 euro"
Prendo il foglio che malvolentieri aveva compilato, vedo che la casella mail è vuota e gli dico che tramite mail ho la possibilità di comunicare loro tutte le iniziative e le innumerevoli svendite di dvd che faccio.
Me la scrive.

lordsamael@.........it

"Molto bella, che significa?"

Sì, lo so, so un pò invadente e lo facevo con tutti, lo faccio sempre cavolo, c'è caso che a uno che sta a legge un libro su un prato gli dico "complimenti, bellissimo", o cose così, o la prima volta che entro in una nuova pizzeria il primo tavolo che vedo "è bona la pizza?". So fatto così.

"Cosa?"
"Lordsamael"
"Ma non lo sai?"
"No"
"E' un demone"
"Ah cazzo, bello..."
E la mente torna ai mie tormentati, disastrosi, vergognosi anni del liceo.
Quando i 3 a fisica, matematica, disegno, letteratura latina, storia e probabilmente qualche altra materia fioccavano come neve finta sparata dai cannoni in Trentino. PUM, mica è la neve vera eh, i cannoni la sparano de brutto, PUM
Insomma, specie a matematica oltre il 4 non sono mai andato.
Che poi, ve lo giuro, ho una capacità di far conti incredibile, nelle addizioni sono come una calcolatrice vivente, tipo al ristorante so il conto al centesimo anche se consciamente i prezzi magari li ho visti mezzo secondo. Oppure te faccio le statistiche percentuali all'istante. Sì, sono un autistico per alcune cose. E vi assicuro che è meglio non vada oltre nel farvi esempi, che alla Perugina se son messi paura.
Insomma, la mente va a tutti i 2 presi a matematica, al disastro che ero.
Ma mi accorgo che la mia mente riesce comunque a fare un 1 + 1 + 1 incredibile.

Operazione: Questo è orrendo +  una testa de cazzo come poche + c'ha il nick di un demone

Risultato =  3 motivi per avecce paura e odiallo

"Tieni, questa è la tessera, sai già come si usa no?
"No"
"Ma hai detto che ce l'avevi?"
"E chi se ricorda?"
Lo porto fuori e gli insegno come si usa la tessera.
Mi fa le domande classiche di quelli che si preparano già a fregarti: ma se lo riporto tardi mi annulli il ritardo, ma se è rigato non lo pago, ma se prendo 3 film insieme uno me lo dai gratis, ma se vengo qui e c'ho problemi e te non ci sei come faccio.
Certo, certo, certo, certo, certo, le mie risposte, fai tutto quello che vuoi, io alle teste di cazzo ho sempre permesso di fare la loro professione, che sia mai che si accorgano di esserlo?

Mi saluta sprezzante.
Step Up Boy nel frattempo è già entrato in  negozio.
E siccome le disgrazie non vengono mai sole c'è pure l'Ameba col Cane.
Mi aspetteranno 20 minuti surreali
Step Up Boy mi chiederà per la 79ima volta se è uscito Step Up 3.
Il primo, ahimè, glielo diedi io per salvarmi da Anna Maria Perez.
No, non è uscito amico mio.
Almeno per i prossimi 3 mesi non uscirà.
Ma me lo richiederà comunque domani.
In fondo, gli voglio bene.
Se lui ha un Demone, è quello della purezza.

FINE PRIMA PUNTATA

12 commenti:

  1. A me 'sti tipi da videoteca me piacciono proprio!
    Però preferivo quando usavi l'italiano al posto del castiglionese sai?!?
    E, tanto pe' rompe li cojoni urteriormente: ma te cambi a ggrafica du vorte ar giorno perchè?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, hai ragione ma ti spiego.

      Da quando ho iniziato queste rubriche mi arriva la roba degli altri.
      Io copia incollo e si formano tutti sti caratteri diversi, io non l'ho MAI cambiato.
      A volte poi pur tentando di mettere anche a loro il carattere standard comunque viene fuori diverso, probabilmente c'entra la mia handicappagine col mezzo.

      Sul mezzo dialetto hai ragione ma scrivo di getto, questa ad esempio credo di averla scritta, corretta e pubblicata in 25 minuti, quindi scrivendo di getto è normale che uno racconta la realtà in maniera più immediata.
      E la realtà era parlata in quella maniera.
      Insomma, l'italiano rischia di essere un filtro.
      Ma hai ragione.

      Grazie MG :)

      Elimina
    2. Occhei però te cambi pure 'o sfondo, levi 'e 'maggggini, e rimetti, po' le rilévi...bbbbohhh!
      Secondo me l'uso dell'italiano aumenta l'effetto comico perchè aumenta il divario fra il tuo pensiero """lucido/normale""" e quello dei pazzi scriteriati che frequenta(va)no la tua videoteca "da incubo", che mi pare tu abbia fatto spesso parlare in dialetto (giustamente).

      Emmeggì che nun se riesce a loggà

      Elimina
    3. Dialetto che fa molto Gadda, del tipo "...che alla Perugina se son messi paura." :)
      Si legge che è un piacere. Non Gadda, il tuo pezzo dico.

      Elimina
    4. Ma non è che ha problemi il tuo pc? :)

      ora anche immagini tolte e rimesse, quali??

      me mandi in paranoia :)

      tu hai ragione ma ti giuro scrivo talmente di getto che non mi controllo

      e poi correggere italianizzando mi blocca un pò

      Elimina
    5. Abbiamo scritto in contemporanea Gianluca :)

      Ma te mi nomini Gadda??

      dai su, lo sai, per favore...

      ma grazie :)

      Elimina
    6. Diciamo Gadda in proporzione ad un testo buttato giù in 25 minuti, diciamo così dai (che immagino che lui ci abbia messo anni ad ottenere quella prosa lì...)

      Elimina
    7. No, ma che c'entra la proporzione, quella è scontata, bastava il nome a mettermi paura, anche in scala 1/100.

      Riusciva ad essere incredibile anche descrivendo la porchetta de Ariccia

      Elimina
  2. sì ma 'sta puzza di zolfo??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu una volta avessi avuto a che fare con figure demoniache sapresti di cosa sto parlando

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao