26.3.15

Recensione: "The Guest" (2014)


leggeri spoiler qua e là
Lo vedi, a volte prendersi prima 2,3 informazioni non sarebbe male, e io che mi ostino invece a vedermi film senza sapere niente che non vada oltre una riga di trama e qualche voto letto in giro.
Eppure dovevo aspettarmelo perchè Wingard lo conoscevo già bene.
E cosa accomunava You're Next e i due V/H/S?

1 Una certa originalità. Schemi abusatissimi sì ma riproposti con sapori leggermente diversi. L'home invasion con 10 vittime da uccidere, il found footage a episodi con cornice esterna (la sua poi, di Wingard)

2 L'aver sia pensato che girato bei film, con grande conoscenza del mezzo, sia tecnicamente che come atmosfere

3 Il divertirsi col genere non prendendosi mai del tutto sul serio e giocandoci su

Ecco, il punto 3 me l'ero dimenticato.

Vedo il primo tempo di The Guest e penso che sia un grandissimo film. Che poi, visti i precedenti del buon Adam, mi aspettavo un horror e invece mi ritrovo un drammatico/thriller psicologico/camp che poi, ed è lì tutto il problema, mi diventa persino un action.
C'è questo militare che sbuca dal nulla e si presenta, dicendo di esser stato un suo grande amico, alla famiglia di un soldato morto da poco. Si fa benvolere, racconta loro del figlio, li protegge. Si conquista fiducia massima, lo fanno vivere con loro.
Era una storia bellissima, inquietante, che poteva portare a mille derive e soluzioni diverse.

Lui sembra non dormire, l'alcool e il fumo non gli fanno un baffo, quando è solo lo sguardo è cinico e freddo, la gente comincia a morire, tutto perfetto. L'attore è straordinario poi, davvero sorprendente. E uno comincia a fare mille pensieri, sa che dietro c'è un regista horror, qualsiasi idea quindi non è da scartare (un mostro? un vampiro o cose del genere? oppure semplicemente un impostore che cerca qualcosa?).
Questo ospite è molto diverso da quello di Visitor Q ma alla fine quasi senza volerlo entrambi sembrano portare alla stessa cosa, ossia la salvezza e la difesa di quella famiglia.
Ci sono anche momenti effettivamente simpatici, ma del resto il personaggio di David è uno che, per farla breve, se gli girano i coglioni sono cazzi tuoi e con questi personaggi, questi machi, un pizzico di divertimento c'è sempre, ti conquistano.
Poi, persino in anticipo rispetto alle previsioni, scopriamo la verità.
E, attenzione, non è che sia rimasto tanto deluso da questo (un pò sì però, speravo di meglio sinceramente) ma è la svolta che prende il film a non essermi piaciuta.
Insomma, David è quello che è (che poi precisamente non si capisce).
Ma è il film a diventare una tamarrata anni 80 di azione militare, una specie di Robocop in salsa più umana. Sparatorie a non finire, una storia che non va più un metro avanti, approfondimento psicologico che si annulla, un vaso di Pandora ormai letteralmente scoppiato che tira fuori tutti i Mali della pellicola.
Ma qui torniamo all'inizio, al non sapere cosa si aveva davanti. Perchè se l'avessi saputo magari questo secondo tempo mi sarebbe piaciuto più del primo, così pieno di ammazzamenti, entusiasmante, adrenalinico. Ma io mi stavo vedendo un thriller psicologico notevole, una specie, solo per restare al brevissimo passato, di Stoker  parkiano, un film morboso, quasi impossibile da decifrare, insidioso.
E poi non parliamo del finale, ai confini del trash con quel gigantesco labirinto halloweeniano studentesco (???) che si prende almeno un quarto d'ora di film. Un altro gioco di Wingard con la mescolanza di generi, eccolo l'omaggio all'horror finalmente, eccola l'ulteriore sfumatura. Sì ma ormai The Guest è puro divertimento, ha perso del tutto spessore.
Tutte scene girate magnificamente eh, quella in casa, quella alla tavola calda, quella nel labirinto, ma ormai siamo davanti a una storia di gatto e topo abbastanza banalotta rispetto alle premesse. Che poi i punti oscuri rimangono come ad esempio, almeno per me, il cercare di capire perchè David fosse andato proprio da questa famiglia per difenderla (il perchè poi invece cambi del tutto e "impazzisca" viene sommariamente spiegato, e ci sta).
L'ultimissima scena poi per almeno 3 motivi che non ho voglia di scrivere è davvero pacchiana, un vecchio trucchetto del cinema horror che qui, sinceramente, non c'entrava nulla.
Insomma, se cercate un action thriller di valore The Guest è splendido. Se invece vi vedete la prima mezz'ora credendo di avere davanti un morboso e imperscrutabile cinema della minaccia poi resterete delusi.
Ma tutti sti nuovi registi horror sono giocherelloni, li capisco.
Un giorno però mi devono tirar fuori la loro opera definitiva, quella dove la parte cazzona per una volta la mettono via, l'opera che rimarrà, nel suo piccolo, nella storia del genere.
Per questo io mi tengo ancora Rumley, la sua sporca poesia, la sua pazzia, la sua malvagità, la sua visione malata dell'amore.

25 commenti:

  1. Scusa, non inerente al post: ma ormai gli attori giovani o pseudo-giovani sono tutti uguali? Attori e attrici bellissimi e indistinguibili uno dall'altro? Capelli naso labbra tette culo a stampino. Pure le parti buffe assegnate a gente con questi standard?
    Non so bene se è colpa-merito de "la grande bellezza", ma lo noto sempre più e inizia un po' a dar fastidio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è un discorso che ho fatto un giorno con mio fratello.
      Perchè specie nell'horror non c'è niente di più vero, sono tutti bellissimi e bellissime, carne da macello patinata.
      Ma Edo, non è così la società stessa? sono quasi tutti uguali i giovani e le giovani.
      Eppure tutti i film più belli hanno dentro visi sghembi e bruttezze varie, solo in quel modo dai verosimiglianza. Ad esempio proprio in The Loft recensito adesso io sono sicuro che nella versione belga non c'erano gli(le) 7,8 modelli(e) di quella americana.

      La tua prima frase me l'aspettavo diversa.

      ormai gli attori (o pseudo-attori) giovani (o pseudo-giovani) sono tutti uguali?

      Elimina
  2. Ne hanno parlato più o meno tutto, ma devo ancora vederlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ormai sai cosa ti aspetta.
      E ti piacerà.
      Io che non sapevo nulla per un tempo ho sognato, poi un pò mi ha deluso.
      Ma perchè mi piaceva troppo la prima parte e speravo proseguisse in quella maniera

      Elimina
  3. La mia rece e la tua rece sono diametralmente opposte. Ma io ho visto The Guest aspettandomi una "you'rnextata", un continuo rimando ironico e cinefilo a una serie di topoi del cinema horror e non. E, infatti, è così. Non c'è un secondo del film che non sia studiato nel dettaglio per quel motivo e per quello scopo. La tamarraggine è lì, c'è tutta, ma non è fine a sè stessa. Wingard fa la stessa cosa di Ti West in The Innkeepers se vuoi, solo all'ennesima potenza. Però, devo dire, a me The Guest ha fatto totalmente impazzire.
    (a proposito di film ritorno dalla guerra-psico-enigmatico-morbosi-revenge: Rolling Thunder è una bomba)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo a leggerti subito Miriam (ah,a proposito, oggi ho visto un film con un amico, forse lo recensisco domani, Tenebre andrebbe a sabato. Oppure il contrario, vediamo).
      Sì, se avevi quelle apsettative il film è un bomba. Io sinceramente quella preparazione al dettaglio che poi avrebbe portato a quella deflagrazione non l'ho vista. Sì, che sarebbe finito in tragedia e con morti ammazzati, anche in famiglia, lo sospettavo ma insomma, l'action militaresco no :)

      Molto interessante il titolo, grazie!

      Elimina
    2. Pensa che l'ho già visto 3 volte. E ogni volta noto un dettaglio da stronzetto cinefilo (nel senso buono!) e ammiccante! Poi la colonna sonora è folgorante!
      Rolling Thunder penso ti piacerebbe molto. È c'è Tommy Lee Jones pischello reduce di guerra. Pare sia uno dei film favoriti di Tarantino (ne avrà diecimila. Lo so).

      Elimina
    3. Sì, è vero, Tarantino e le sue finte o vere preferenze sono dapertutto :)

      Leggendo la tua rece ho capito perfettamente perchè ami questo film. E, te l'ho detto, avessi immaginato che fosse cazzone lo avrei amato anch'io. Ma ero rimasto troppo preso dalla parte non cazzona...

      Elimina
  4. Ciao! Per tua curiosità, magari vorrai leggere: https://thedissolve.com/features/interview/760-adam-wingard-simon-barrett-and-dan-stevens-on-the-/
    Secondo me è un'intervista nientemale che spiega molto bene i perché e i percome del film, non che te lo facciano necessariamente rivalutare, ma magari lo vedrai da un'altra prospettiva.
    Temo che il fatto che l'action anni 80 (o l'action in generale) non sia nelle tue corde abbia influito molto sulla tua valutazione, perché lo schema premesse cazzute con idea ficona / ironia sparata sul genere / finale sbragone e kitsch è identico a quello di Quella Casa nel Bosco, che se non vado errati adori.
    A me il film ha fatto scompisciare, ma fin dall'inizio (il dialogo alla festa sull'esercito è una gag che da sola vale il film quasi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non devo rivalutarlo eh...
      E anche l'intervista (che spero di leggere presto) difficilmente mi farà cambiare idea. Nel senso che assolutamente, il "progetto" era questo e Wingard lo porta a termine in maniera mirabile. E' che io ho amato troppo la prima parte e mi sono abbastnza annoiato sulla seconda, quella adrenalinica. E sì, è assolutamente un problema mio, in realtà le rece non hanno mai frasi oggettive, è tutto riferito a me.
      Quini a prescindere dalla motivazioni io un film così forte psicologicamente che mi diventa un action un pò mi dispiace, ma capisco... :)

      No no, quella casa nel bosco per me è stato un gioco geniale dall'inizio alla fine, non mi ha mai un solo minuto fatto sentire in una atmosfera "seria", drammatica e psicologicamente densa come quella di The Guest.
      Stavolta non sono per niente d'accordo col paragone :)

      Bellissimo dialogo quello sì :)

      Elimina
  5. io ho goduto in maniera veramente suina con questo film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahh, e non solo te, un pò tutti mi pare.
      Anche a me è piaciuto molto ma non arrivo al godimento ;)

      Elimina
  6. Avute un po' le tue impressioni: eh? Quel labirinto? Citazioni sparse ok, ma perchè? Difendere la missione e la propria persona che? Eccetera, eccetera eccetera.
    Visione godibile però, giusto per cazzeggiare amabilmente in compagnia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi rincuori...
      Che poi il paradosso è che il nostro essere leggermente delusi deriva dal fatto che abbiamo visto nel film più potenzialità di quelle poi realmente messe in pratica.
      Ma loro volevano questa operazione e certo non possiamo andare contro l'autore :)

      Elimina
  7. Mmm la penso proprio come te! Il film parte bene, intrigante e poi... SPOILER SPOILER SPOILER


    Qualcuno mi spiega che diavolo era realmente quel soldato? Perché non muore mai? E poi cosa ci faceva proprio in quella famiglia? E perché li voleva proteggere? E perché poi tutto finisce così?? purtroppo questo film ha troppe falle, peccato mi piaceva sul serio! Fino a metà..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHah, le tue domande mi fanno ridere e mi paiono anche molto pertinenti ;) ma, a meno che non hai trovato qualche risposta in rece, adesso ricordarmi è davvero dura...

      però ricordo perfettamente questo che dici(amo), ovvero una gran prima parte e una seconda nettamente inferiore.

      mi dispiace non poter dir di più Grazia ;)

      Elimina
  8. In effetti anche io mi sono posto tante domande e solo rivedendolo 2 o 3 volte ad ALCUNE ho trovato risposta! Una delle cose che ancora non capisco è una scena dei primi 10 minuti quando la signora va in camera a piangere, ritorna in salotto e trova David che guarda la foto dicendo questo sono io.. lei dice "è pazzesco". Perchè? Nella foto c'era effettivamente lui! Mah misteri

    Saluti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cavolo, mi hai incuriosito con questa scena, devo rivedermela...

      adesso come adesso non ricordo nulla ;)

      saluti anche a te!

      Elimina
    2. ahahaha non mi sto dando pace!! non l'ho ancora capita :(

      Elimina
    3. da come la descrivi è strana forte...

      ed è strano semmai che non me ne ero accorto. Se posso la rivedo, te dimme semmai verso che minuto è

      Elimina
    4. dopo 5 minuti spaccati dall'inizio!

      Elimina
    5. allora non ho scuse per non rivederlo

      Elimina
    6. Fammi sapere :) io sono molto attento ai dettagli e questa cosa non mi era sfuggita! E' impossibile essermi distratto già nei primi 5 minuti :D

      Elimina
    7. tieni sempre il post sott'occhio, magari con le notifiche.
      Spero di vedere quella scena presto ;)

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao