24.3.15

Recensione "The Loft" (2014)


Sono stato bravissimo! niente spoiler! non ci fate l'abitudine eh

Mannaggia...
A fine visione mi fiondo su Imdb per controllare dove avessi già visto quel'attore, quello con gli occhiali dico.
E che te scopro?
Che non solo The Loft è remake, ma remake di remake.
In principio fu un film belga, 2008. Due anni dopo, con la stessa identica trama, viene riproposto in Olanda. E solo l'anno scorso se lo son presi gli americani, facendo benissimo tra l'altro. E' stranissima questa cosa, di film rifatti dagli americani presi in Europa ce ne sono a centinaia ma credo che ci siano rarissimi casi in cui in mezzo ci sia un'altra versione europea, di un paese poi confinante a quello originale. Come se un film rumeno fosse rifatto prima in Ungheria e poi negli Usa. Ancora più strano (ma già successo) il fatto che il regista di questo The Loft sia lo stesso dell'originale, belga quindi.
Ma ci sta. Perchè la forza di questo film è tutta nell'idea e nella sceneggiatura, così accattivante che è normale attiri più paesi e più registi.

Cinque grandi amici, tutti sposati e ricchi, affittano un posto, il loft del titolo, per poter vivere tranquillamente le proprie doppie vite, costituite, chi più chi meno, da droga, alcool e, ovviamente, donne. Solo loro 5 hanno chiavi e codici. Una mattina trovano un cadavere nel letto del loft. Nessun segno di effrazione. Non si scappa, è stato uno di loro. I 5 si chiamano e si riuniscono nell'appartamento. Che fare? Ci sono 5 vite e 5 famiglie in pericolo.
Beh, dai, affascinante come soggetto.
A me questi thriller in spazi ristretti piacciono da morire.
The Loft parte in maniera quasi speculare a Watchmen. Qualcuno si è buttato (o è stato buttato) da un palazzo. L'inizio è la fine di tutto. Con continui salti temporali avanti e indietro (inframmezzati dagli interrogatori della polizia) The Loft è il classico thriller ad orologeria dove ogni piccolo passaggio è importante, ogni frase molto più di quello che sembra (a tal proposito, perfetto nel finale la riproposizione di alcune frasi apparentemente innocue), ogni rapporto diverso da quello che pare all'apparenza. Insomma, il classico film che in videoteca avrei consigliato a scatola chiusa.
C'è gente famosa dentro eh?
C'è la splendida Rhona Mitra di Doomsday, c'è il Mardsen da me visto recentemente in Cani di Paglia e The Box e lo Schoenaerds di Un Sapore di ruggine e ossa (molto bravo anche qua in un ruolo praticamente identico a quello del film francese. Tra l'altro, un pò come la Cruz di Apri gli occhi/Vanilla sky interpreta lo stesso ruolo sia qua che nell'originale belga).
Funziona tutto sinceramente. Il film è perfetto nell'aprirti più strade e al tempo stesso nel cortocircuitarle tutte. Appaiono nuovi personaggi continuamente ma poi tutti, bene o male, erano collegati agli altri. Vi dico la verità. Ad un certo punto il film ti crea mille sospetti ma io ero convinto di aver capito finale, chi alla fine avesse realmente commesso l'omicidio (o fatto commettere per incastrare qualcuno). Invece non solo il film mi spiazza, facendomi toppare del tutto, ma lo fa due volte in un doppio colpo di scena molto di genere sì, ma ottimamente realizzato.
La fedeltà, la fiducia, l'uomo che non riesce a resistere alle tentazioni, le bugie e i tradimenti (anche tra amici), non si salva quasi nessuno nel film anche se, e forse questo è il punto di forza della pellicola, i 5 amici, pur essendo "uniti" in quella doppia vita, hanno 5 caratteri e inclinazioni diversissime tra loro, molto interessante come caratterizzazione perchè ti fa capire che tante volte anche se parti da caratteri, anime e posizioni molto diverse rischi di ritrovarti in situazioni molto più grandi di te, con persone diversissime da te dentro (il grassone è probabilmente l'unico misogino -donna oggetto- ma fa 3,4 battute davvero notevolissime).
Però va visto così, come un thriller "giallo" alla Agata Christie, non come un trattato sul rapporto uomo/donna, sul matrimonio e sull'amicizia. Intendiamoci, è tutto molto verosimile, ma le concessioni al genere sono innumerevoli. Però è davvero ottimo accorgersi come ognuno dei 5 abbia in qualche modo commesso nel passato, anche recentissimo, un piccolo errore che potrebbe aver causato la tragedia. Si forma così una ragnatela di rapporti, incroci e movimenti davvero interessante. Per poi scoprire che, invece, pur nella struttura labirintica, il film aveva una soluzione anche abbastanza lineare, quasi impossibile da cogliere ma per niente "casuale".
Tempo fa avevo fatto la classifica dei più grandi pipatori.
Beh, lo vedrete, uno de protagonisti ci sarebbe finito dentro con tutte le scarpe.
Forse tutto è troppo patinato, upper class, ma upper class è anche il contesto in cui ci muoviamo. Sarebbe stato interessante vedere le versioni europee a tal riguardo.
Niente per cui stracciarsi le vesti ma dopo Time Lapse un altro thrillerino che non ti fa sbagliare la serata


anche questo, come Time Lapse, lo trovate in HD qui. Speranze che arrivi da noi quasi nessuna.

16 commenti:

  1. Ho visto l'originale, ma non lo ricordo troppo.
    Prima o poi recupero il remake: il cast attira abbastanza, dai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo se sei sufficientemente malato :)
      Perchè dai, se sai già tutto non c'è gusto.
      Mi piacerebbe sapere però di eventuali differenza ma se ti ricordi poco l'orignale le speranze son poche.
      Dai, un thriller da 7, di quelli da consigliare un pò a tutti, commerciali e non. Niente di straordinario. L'originale in alcuni siti ha voti altissimi ho visto

      Elimina
  2. Ho visto sia il belga che l'olandese, che sono praticamente uguali, quindi credo di aver dato abbastanza alla causa anche perché non vorrei sciupare il ricordo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHhah, complimenti!
      No no, saresti un eroe a vederli tutti e 3.
      Avevo intuito fossero tutti identici, mi dai la conferma...
      Dopo o domani se mi ricordo vengo a cercare se li hai recensiti

      Elimina
  3. Sembra interessante, potrei recuperarlo, se riesco a farmi strada tra tutti i titoli in lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo lo trovi comodo e in hd.
      Ma forse a sto punto io andrei con l'originale, il belga

      Elimina
  4. Sembra figo. Lo aggiungo all'ormai chilometrica lista delle cose da vedere XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te invece a differenza degli altri lo consiglio in questa versione, non so perchè...
      Mi sono dimenticato di scrivere in rece che la fauna femminile è rappresentata molto bene. Anche se, per me, troppe bionde

      Elimina
  5. visto solo l'originale, che merita molto

    http://markx7.blogspot.it/2012/04/loft-erik-van-looy.html

    questo non lo guardo, mica posso fare tutto io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te pareva, te pareva, te pareva

      Elimina
    2. il cinema belga, quello polacco e quello turco sono avanti, e spesso lo ignoriamo, bello il cinema Usa, ma il fatto che vediamo troppo di quello, ci frega nel giudizio complessivo, temo :)

      Elimina
    3. Io guardo moltissimo cinema europeo, se cerchi bene è il più eterogeneo e completo di tutti.
      Ma, come in questo caso, credo che portare negli Usa il film non dia fastidio all'originale, anzi, l'aiuti. Sai quanti grazie al remake scoprono il film belga? altrimenti sarebbe nascosto. Però penso anche che se uno per caso o no, ha visto l'originale il remake debba lasciarlo assolutamente perdere.
      Se non vederlo per curiosità

      Elimina
    4. parlavo in generale, non solo per questo remake, che tra l'altro è fatto sempre da Erik van Looy, è il discorso vale meno, ma in generale lo strapotere Usa in sala toglie spazio al resto.

      tutto qui :(

      Elimina
    5. Ah, ma nemmeno avevo capito che tu stessi parlando di distribuzione...
      Credevo parlassi di scelte (che poi le due cose in circolo vizioso si rincorrono l'un l'altra).
      Comuqnue sì, anche il fatto che l'abbia grato lo stesso regista, anzi, soprattutto questo fatto (a cui prima nemmeno ripensavo) avvalora la mia tesi, il remake è aiuto dell'originale.
      Un giorno voglio parlarne dei remake, di tutti i tipi di remake

      :)

      Elimina
  6. visto!!
    Quando avevo letto la tua rece mi era rimasto impresso, perché è un soggetto molto interessante e curioso.
    Anche io mi sono lasciato un po' ingannare, a mezz'ora dalla fine tutti i miei sospetti erano concentrati su una persona; ma niente da fare, non ho indovinato.
    Comunque mi è piaciuto molto, direi che è un bel thrillerino che, se dovessi dare un voto, viaggerebbe sul 7,5. Molto ma molto di genere effettivamente, però è fatto davvero bene ma soprattutto è stato montato in modo ottimo, i salti temporali sono stati gestiti benissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stesse identiche considerazioni/impressioni/valutazioni Marco :)

      credo che i nostri sospetti avessero a che fare con una che ha un'arma nel cognome, non so... :)

      sì, il film è montato, raccontato e girato bene.
      Peccato però non aver visto l'originale, credo sia meno glamour e patinato

      ma ottimo remake sicuramente

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao