18.12.15

Io ne Il Buo in Sala, ovvero i miei foglietti al cinema, ovvero uno studio sui geroglifici

Come qualcuno di voi saprà quando vado al cinema mi porto sempre un taccuino per appuntare cose.Sembra esagerato ma tutte le persone che l'hanno provato mi hanno poi confermato come gli sia servito.Impossibile ricordarsi altrimenti scene, passaggi importanti, intuizioni più o meno giuste e, soprattutto, le sensazioni. Le sensazioni vanno messe subito su carta, anche sotto forma si scena o personaggio.Ogni parola che hai scritto poi, in fase di recensione, è un mondo che ti si apre.Come vedrete quasi tutti i foglietti sono di una banalità sconcertante. Perchè semmai poi la profondità la dai scrivendo, ti servono solo parole chiave per ricordare.
Scrivo al buio, quasi a casaccio, molte volte senza nemmeno guardare in giù.
Potrei dirvi che è questo il motivo per cui la mia scrittura è, probabilmente, la peggiore che abbiate mai visto.
Invece no, scrivo così anche in situazioni comode.
La cosa buffa è che, voi direte, "vabbeh, è la sua scrittura, se la capisce lui va bene".
Invece no, almeno il 30% delle cose che scrivo non le capisco.
Fortunatamente recensisco molto a ridosso del film, quindi i geroglifici incomprensibili a volte li decifro grazie a un ricordo o al buon senso.
In realtà questa scrittura rispecchia anche la velocità di  come parlo.
Incomprensibile allo stesso modo.
Insomma, se dovessi trasferire la mia parlantina su foglio questo verrebbe.
Ho recensito 850 film, tutti con foglietti, tutti.
Avrò usato non so quanti blocchi, tutti perduti o buttati.
Oggi ho trovato questo e mi è venuta st'idea.
Almeno avete la prova del disastro che combino

Non riesco ad impaginarlo meglio, o mi aiuta Pietro o niente.


STOP THE POUNDING HEART

Notare al centro a destra HOPPIPOLLA e appena sotto NON SUCCEDE NIENTE.
Del resto appena sopra c'era un SI PRENDE I SUOI TEMPI.

Ad un certo punto c'è un SEMPRE UGUALE che porta a NO (PAROLA INCOMPRENSIBILE) DI DIVENTARE ALTRO, a significare il ripetersi millenario dei gesti e delle vite di quei protagonisti

Noto anche nella penultima riga L'UOMO CHE VERRA' che sta a significare che l'intuizione scritta poi in rece l'ebbi in diretta










HUMANDROID

A volte metto cose a prescindere, in questo caso DISTRICT 9 perchè so già che vorrò parlarne.
L'atmosfera trash alla DOOMSDAY appare già nella prima riga.
In questa rece si capiscono quasi tutte le parole, si vede che ero poco preso e scrivevo con più calma.
A metà foglio ancora credevo nel film visto l'appunto BONTA' ASSOLUTA e ANIMA.
Anche se vicino c'è la frase simbolo del film "NON VOGLIO UN ARTISTA", veramente cultissima.
La GALLINA che leggete me la ricordo molto bene. E se la ricorda chiunque l'abbia visto










IL PASSATO


Comincio con THE ARTIST e BENJO perchè mi accorgo che l'attrice è la stessa.
Ho messo questa solo per far vedere che su certi film alla fine non ti appunti quasi nulla, o almeno nulla di così importante.
Quel DIALOGO A 3 deve essere una grande scena se l'ho appuntata.
C'è poi, ovviamente, UNA SEPARAZIONE e poi quel LEI SUL LETTO che, per chi ha visto il film, porta a quel piccolissimo, meraviglioso, dettaglio finale che in qualche modo cambia tutto il film













INTERSTELLAR

Alla seconda riga, cancellata, c'è MACCHINA GRANO, la prima superba scena del film.
Vedo un RESTA! che dovrebbe essere il disperato appello della figlia al padre di non partire.
Vedo poi STESSA ETA' CHASTAIN e poi appena sotto CUORE O SCIENZA.
Nell'ultima riga c'è un MAI PENSATO PER SE' che chissà che cazzo era.

MISS VIOLENCE

Ora, come mi è venuto in mente di finire gli appunti (in alto seconda pagina) con TUTTO BENE! ad un film così non lo so, è assurdo.
Ad un certo punto noto un FIGLIA CON LUI? nella scena che ricorderete, prima che si sappia la verità.
Vedo anche un MOVIMENTO DI MACCHINA ma la parola dopo è incomprensibile. Sempre a livello tecnico noto in alto seconda pagina PIANO SEQUENZA CONTROLLO, quello lo ricordo bene.




YOUTH

Mandate e letto i bambini, noto uno SCOPANO a metà foglio.
Non mi ricordo chi con chi.
C'è la PALLINA DA TENNIS di Maradona, la LEVITAZIONE, un PUTTANELLA che rende il foglio ancora più osè.
A voi sembra che qui dentro ci sia Youth?
A me no, infatti scrissi tutte cose diverse.
Ma ci sono dei film, come quelli di Sorrentino, in cui parti già con più di metà della recensione in testa














WALL-E

Vedete che è scritto molto meglio?
questa è la differenza con i film che vedo a casa, dove ho la luce che voglio, i tempi che voglio e non dò fastidio a nessuno.
Quei 40 MINUTI è da riferire ai primi 40, il massimo per me mai raggiunto nell'animazione moderna.
Vedo un MANO TREMANTE e una STRETTA DI MANO che in un film di scatole robot è alquanto inconsueto.
Vabbeh, era solo per far vedere la differenza di scrittura











ALABAMA MONROE

Qui son quasi tutte scene, in un film che di scene formidabili ne ha un'infinità.
C'è IN THE JUNGLE, COSA E' GIUSTO FARE, MAIALINO, ULTIMA CANZONE.
E quel VIAGGIO ASTRALE finale.










MOMMY

Vedo l' "AMARE NON VUOL DIRE SALVARE" che dice l'assistente sociale, un POESIA E MERDA che forse voleva significare le due facce di Dolan, il magnifico SELFIE dei 3 e poi in alto nella seconda pagina una cosa di cui sono orgoglioso, 25 ORA, un'idea (riferita al sogno lucido della madre) che credevo di aver avuto in rece e invece scopro che mi venne subito.
Poi il TSO  e il FINALE che tutti sappiamo




FARGO

NEVE, TARANTINO, MACY, BUSCEMI, la mitica MACCHINA PARCHEGGIATA solitaria, I DIALOGHI ASSURDI come quello sulla POMATA, quel MANGIA che sta a dire che lei nel film mangia sempre e infine TUTTI MORTI e CORPI SULLA NEVE

24 commenti:

  1. I tuoi appunti mi hanno fatto capire le stesse cose di quando ho visto the tree of life: una mazza XD
    ciao Giusè:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se non li capisco io come puoi farlo te?

      Ancora non so come faccio poi a scrivere recensioni lunghe in quella maniera ;)

      domani arrivo sulla mail Rachele

      ciao!

      Elimina
  2. Fantastico! Lo sai che so sempre stato curioso dei tuoi appunti? Hai avuto una bella idea che rende il tuo blog ancor più poliedrico ;)
    Certo però che cazzo de scrittura che c'hai oh...ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che per tutta la mia carriera scolastica mi hanno fatto scrivere temi e quant'altro in stampatello.
      Perchè il corsivo era molto peggio.
      Comunque te forse tra nemmeno 20 giorni lo vedrai dal vivo ;)

      Elimina
  3. Io invece guardo i film "con le braccia conserte", per usare una bellissima espressione non mia. Lascio che le amnesie facciano il loro corso. Sono il contrario di quelli che accumulano roba, hai presente? Ho la smania di cancellazione. Credo di non poter fare a meno di continuare così, per quanto probabilmente sia poco "sano" :)
    Il tuo sistema è molto affascinante e certo utilissimo. E la tua grafia è curiosa, detto da una che ce l'ha noiosa, stile -elementari-.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, ma anche il mio non è un accumulo sai?
      Anzi, credo sia il processo opposto, un'asciugatura, anche se avviene accumulando cose.
      Una parola che metto è, (per me, non certo oggettivamente come i foglietti dimostrano) l'essenza di un discorso, tipo la goccia di profumo del film omonimo.
      Pensa che facevo così anche gli esami, alla fine un intero libro si riduceva in una decina di parole.

      Curiosa è l'aggettivo migliore che la mia grafia si è presa nella sua vita

      Elimina
    2. Certo sì avevo intuito ;)
      Ho parlato di accumulazione per spiegarti che io sono l'opposto. È comunque una maniacalità la mia, dovuta credo ad una concezione per lo più triste delle cose passate.
      Ho visto poi Dio esiste e vive a Bruxelles. A parte qualche momento bello in sé, non mi è andato giù. Ma secondo me con te troverebbe meno ostacoli :) non voglio creare ulteriori aspettative che con te come con me misà che funziona la psicologia inversa
      A presto !

      Elimina
    3. Credo che ormai il film di Van Dormael l'ho saltato definitivamente, lo recupererò nei prossimi anni ;)

      beh, che abbiamo teste strane è assodato ormai ;)

      in ogni caso invidio la tua

      ciao!

      Elimina
  4. Scrivevi così anche al Liceo. Ricordo la fatica che dovevo fare quando non consegnavi il foglio in bianco. omunque l'idea di mostrare questi geroglifici è grandiosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "la fatica che dovevo fare quando NON consegnavi il foglio in bianco"

      è una frase capolavoro che dice tutto in una sola riga

      a te magari arrivavano fogli in bianco, pensa che alla Milletti due volte arrivò un foglio con le formazioni e i risultati di una partita di calcio

      l'unica applicazione matematica che conoscevo

      grazie prof

      Elimina
  5. Grande! C'è del metodo in questa follia. :)
    Quando nel blog ho iniziato a recensire film avevo pensato anch'io di utilizzarlo, però dovrei andare al cinema da solo perché la mia copilota, si rifiuta (ironicamente)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, sì, ma sempre follia rimane, ormai leggendomi vedrai che le rece non hanno alcuna traccia, alcuna scaletta e alcuna struttura. Diciamo che là posso appuntare "momenti" della rece ma poi appena scrivo la prima parola sul foglio bianco vado di getto, a casaccio.

      Cioè, la copilota si rifiuta che tu usi blocchetti?
      Perchè fate cosacce?
      ahaha
      no, davvero, non ho capito

      ma guarda, in 2 ore di film quelle 10 parole prenderanno nemmeno un minuto di tempo, 4,5 secondi l'una...

      Elimina
    2. Ah ah, non sarebbe male tornare a quel periodo!
      No, una volta gliel'ho accennato agli appunti e mi ha guardato storto perché all'epoca ero veramente "flippato" con il blog e trascuravo altre cose più importanti (2009- 2010 quasi un post al giorno). Aveva ragione, ero troppo immerso e ogni azione quotidiana mi riportava lì; col tempo ho trovato il giusto equilibrio.

      Elimina
    3. Aahh, ora capisco.
      E capisco anche lei.
      Ma dovremmo ora noi far capire lei che il blocchetto non è un'esagerazione ma solo un'innocua e bella cosa che nè dà fastidio nè toglie attenzione. Una cosa personale, come appuntarsi cose mentre leggi libri, è normalissimo. L'importante è sì, non portarlo perchè uno è flippato come dicevi te. Solo una piccola cose personale senza tante pretese

      ciao!

      Elimina
  6. RESTA è il messaggio che manda a se stesso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sarei mai ricordato... In effetti allora l'appunto ha più senso, come ricordavo io era banale

      Elimina
  7. Molto interessante, in effetti mi ero chiesto come potesse essere il tuo blocchetto di appunti :-) Me l'aspettavo esattamente così, con concetti chiave - ma più comprensibile ;-)
    Io prendo appunti solo per alcuni film, non so in base a che cosa. Cioè, sento che la mia mente ha un criterio, deve averlo per forza, ma esso sfugge persino a me.
    Però in genere non scrivo mai a caldo, aspetto due o tre giorni. Lascio che le mie impressioni decantino.
    Comunque la tua calligrafia è davvero estrema. Ma come mai alcune parole le cancelli? lo fai quando scrivi la rece immagino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto interessante la tua osservazione.
      E ha una risposta con molto senso, forse dovevo scriverlo nel post.
      Quando ci sono cancellature sì, vuol dire che ho appena trasferito la cosa in rece.
      Ma come avrai notato in queste rece ce ne sono pochissime e nessuna.
      Questo perchè in moltissimi film alla fine gli appunti manco li guardo. Quando vedi tanti appunti cancellati su un film vuol dire, di solito, che è un filmetto per il quale, oltre gli appunti, ho poco da dire. Guarda ad esempio quello nella seconda pagina di Miss Violence, tutto cancellato.
      Per i grandi film di solito vado di getto oppure mi immagino cosa scriverò già durante la visione.
      Gli appunti sono soltanto un eventuale appiglio, ma nemmeno li guardo.
      Questa era una cosa che dovevo scrivere in effetti perchè che io mi affidi molto poco agli appunti non si capiva per nulla...

      Sullo scrivere a caldo sì, siamo diversi.

      Questa non è nemmeno una calligrafia, è qualcosa di immondo

      Elimina
  8. Esegesi delle scritture. Scritti di Giuseppe, siamo a natale ci sta. O no? Sono su carta pergamena o pizzini di recupero?
    Altro che la Stele di Rosetta. Si apre un futuro per la comprensione dei film, l'importante è trovare l'esperto che sappia leggere e tradurre :))...
    Io ti lascio una scritta elementare: Buone feste ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, a parte quelli ce sembrano complimenti (gli ennesimi) sto commento è proprio delizioso.
      Auguri scritti così graditissimi e ricambiati col cuore

      Elimina
  9. Cristo, se ti becca una grafologa ti rinchiude.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi rinchiude per studiarmi dici.
      Sarei un pezzo rarissimo della sua collezione, tipo l'uccello strano dell'esploratore di Up

      Elimina
  10. Per l'esame di filologia germanica dovrò studiare simboli simili a quelli che hai sui tuoi taccuini (non che la mia grafia "affrettata" sia migliore, anzi...).
    Personalmente non ho mai portato quadernetti o simili al cinema, ma spesso appena tornato a casa apro Word e scrivo due righe su quanto ho visto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo.
      No, comunque io consiglio di portare un piccolo taccuino a chi poi sul film scrive qualcosa, per sè o "ufficialmente" che sia.
      Vedrai che se invece di due righe ne vorrai scrivere 100 un giorno farai così anche te.
      In ogni caso almeno il 70% delle recensioni le faccio senza manco darci un'occhiata.

      Anche perchè, per tornare alla filologia germanica, non ci capisco una sega manco io

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao