22.7.16

Recensione: "The Wailing" (Goksung - La presenza del Diavolo)


Na Hong-jin
Il nome non vi dirà nulla ma è probabilmente uno dei più grandi registi contemporanei di thriller.
Se già stupì il mondo con The Chaser qui va oltre.
E crea un film pazzesco che mischia il noir, il thriller psicologico, l'horror, le tradizioni popolari coreane e un pizzico di umorismo (ma solo nella prima parte).
Un film ambizioso, grandissimo, a suo modo unico.
Un villaggio coreano è sconvolto da una serie impressionante di omicidi.
Un serial killer forse. O la pazzia di più uomini. Oppure è colpa del Giapponese, di quello straniero senza nome che è arrivato da noi e vive nelle montagne.
Forse è colpa sua, forse è lui il Male che ci ha infettati.


spoiler più pericolosi solo dopo l'ultima immagine


E così dopo gli storici Park Chan-wook (trionfatore nel torneo del millennio) e Kim Ki-duk (regista culto soprattutto di fine anni 90 e inizio 2000); dopo lo straordinario Bong (probabilmente il più completo ed eterogeneo di tutti, lui con i suoi The Host, Mother, Snowpiercer, Memories of Murder) , e dopo acclamati registi come, tra gli altri, Lee Chang-dong (Peppermint Candy, Oasis e Poetry) e Kim Ji-woon (Two Sisters, I saw the devil)  dalla Corea (del Sud ovviamente) arriva un nome relativamente nuovo ma che deve essere fissato nella testa di tutti.
Na Hong-jin
Perchè questo, signori, è forse uno dei più grandi registi di thriller del cinema contemporaneo.

E lo affermo, senza paura di dirla troppo grossa o sbagliare, dopo aver visto soltanto due film.


Se già The Chaser poteva rappresentare uno dei meglio titoli noir/thriller di questi ultimi anni, Na, con questo straordinario The Wailing, è riuscito addirittura a superare sè stesso (mi manca il film di mezzo, The Yellow Sea).
Raramente troverete un regista che prende tra le mani un genere e riesce a rimaneggiarlo in questa maniera. E se The Chaser si "limitava" a stravolgere uno dei punti cardine dei detective movies (ovvero scoprire chi è l'assassino, cosa che nel film viene rivelata dopo pochi minuti) The Wailing va molto oltre.
Lo chiamerei, se me lo concedete, Thriller trasformista, una specie di Arturo Brachetti fatto film che si diverte continuamente a diventare altro.
Noir, thriller, thriller psicologico, ghost movie, horror sulle possessioni, persino parecchie venature di umorismo.
The Wailing è un film grandissimo di cui non se ne vedono i confini, esagerato in tutto, nei generi che affronta, nella sceneggiatura, nelle ambizioni, nelle suggestioni.
Un film che parla del Bene e del Male, che sfiora il soprannaturale ma che al tempo stesso sa essere tremendamente secco, "fisico", pieno com'è di tutti quei corpi senza vita, di quella pioggia che cade, di questi personaggi tremendamente attaccati alla realtà.
Quello che vive lo spettatore è un pò quello che vivono gli stessi personaggi. A cosa credere? Alle evidenze dei fatti, alle coltellate, alla pazzia umana oppure ad Altro?
Un passo indietro.


The Wailing racconta della terribile serie di delitti di cui è vittima un piccolo villaggio coreano. Non se ne capiscono i motivi, la gente impazzisce e stermina le proprie famiglie. In realtà un motivo ci potrebbe essere... Nelle montagne è arrivato un giapponese. Dicono che sia malvagio, dicono che non sia umano. Dicono che è lui che fa impazzire la gente, che è lui la causa di tutto.
Il goffo e quasi impresentabile poliziotto Jong-Goo (ancora una volta, dopo The Chaser, Na ci mostra una polizia coreana al limite del fantozziano) si trova al centro di tutte queste vicende. E se prima si limita a fare maldestramente il suo lavoro, poi deve per forza mettere tutto sè stesso, la propria forza e il proprio coraggio nel capire.
Perchè la sua stessa splendida bambina, Hyo-Jin, è stata "infettata" da quella cosa.
Una delle cose che affascinano più di The Wailing è il suo attingere a piene mani dal folklore, dalle paure e dalle superstizioni di un popolo. Quello che nella prima ora sembrava un noir (con molte sfumature più leggere, forse troppe per chi non le sopporta ma, tranquilli, nell'ultima ora e mezza non ce ne saranno più) diventa poi una specie di horror soprannaturale del tutto radicato nelle superstizioni. In questo mi ha ricordato un altro grandissimo titolo, un must per gli appassionati, Noroi.
Però, ecco, The Wailing non mostra mai il suo vero volto, le possibili derive horror sono sempre e soltanto supposizioni, dicerie. Sta di fatto che la gente muore, che ad altre compaiono delle terribili bolle sul corpo, che tutti hanno paura.
Tutto ruota intorno alla straordinaria figura del Giapponese.
E in questa figura è facile leggere una metafora dell'Altro. Il Giapponese è lo straniero e lo straniero è il Male. Se ne sta da solo in montagna, nessuno lo conosce, tutti lo temono. Corrono leggende spaventose su di lui, si dice mangi animali vivi nel bosco, si dice attacchi le persone.
Come dicevo facile leggere in questa situazione un chiaro riferimento al bisogno (?) che abbiamo noi tutti di identificare il Male con chi non fa parte della nostra cultura. Il Giapponese è arrivato da fuori, non parla la nostra lingua, e da quando c'è lui tutti cominciano a morire. Ma l'Altro è davvero il Male o solo un capro espiatorio?


Certo molti dubbi vengono durante la prima perlustrazione che i due poliziotti fanno sulla sua baracca. Quelle foto, quegli oggetti, quell'atmosfera satanica, sì, il giapponese è probabilmente dietro a tutto quello che sta accadendo.
Eppure è difficile dimostrarlo. Lui parla appena, sembra innocuo, accetta tutto passivamente, anche la terribile uccisione del suo cane. Ma ha qualcosa che ipnotizza gli altri, che li stordisce.
Jong-Goo non sa più a cosa credere, se al suo istinto, se alla ragione, se alle chiacchiere della gente, se alla religione. Ma sua figlia sta sempre più male, è diversa, lo tratta male, è aggressiva, sembra veramente posseduta.
Ma anche qui sono più le possibili letture, non si riesce a capire se dietro c'è un abuso oppure abbia agito qualcosa di molto più grande di noi.
C'è una sola salvezza, chiamare uno sciamano per liberarla.
Ma dove lo trovate un film che passa dall'analisi delle scene del crimine (e, ragazzi, dopo The Chaser Na si conferma come uno dei più grandi allestitori di scene del crimine moderno) ai sogni horror, dalle indagini poliziesche ai riti sciamanici?
Eppure, credetemi, la sequenza in montaggio parallelo e alternato tra il rito dello sciamano buono (?) a casa del poliziotto e quello dello sciamano cattivo (?), il giapponese, nella sua baracca è una sequenza di cinema purissimo. Mi ha riportato alla mente due altre grandissime scene, i finali di Kill List e del meraviglioso Magic Magic (ad oggi il piccolo film più bello visto quest'anno).
Ritmo, inquadrature, energia, suggestione, Na realizza una scena impressionante che in altre mani avrebbe quasi potuto essere ridicola.


Ma del resto visivamente The Wailing è grande cinema. Nelle continue piogge, nelle sopracitate scene del crimine (terribili, inquietanti), negli inserti onirici (?), nelle scene nel bosco, in quelle con il pick-up, in tutte le sequenze che strizzano l'occhio all'horror tout court (la morte in ospedale di quello, "l'uomo zombi", l'incredibile finale nella caverna).
Na è un maestro della messa in scena, pazzesca.
Ma è anche uno che sa scrivere come pochi, che osa, che va oltre, che personalizza, che non ha paura di aggiungere e aggiungere, uno ambizioso che mette su un baraccone quasi impossibile da tenere in piedi.
Eppure lui ci riesce, e alla grande.
Più il film va avanti più si fa piede l'ipotesi che sì, in tutte queste faccende ci sia dietro qualcosa di più grande dell'uomo.
Ma si fa fatica a capire chi rappresenti veramente il Male, se il giapponese o quella giovane ragazza vestita di bainco che più volte aveva fatto capolino.
Chi sta cercando chi?
Chi vuole distruggere chi?
Chi sta provando a difendere gli abitanti?
E poi, alla fine, la verità, o almeno parte di essa, si scopre.


In quella caverna finalmente il Male si mostra col suo vero volto.
Ma quel padre non sa ancora a chi credere, troppe volte ha cambiato idea, troppe volte è stato indeciso nel seguire l'istinto o la ragione.
E così decide di tornare.
La trappola si secca, sarà l'ultimo, terribile, orrore.
E improvviso arriva quel flash back che spezza il cuore.
E ripensi a quella molletta, quella molletta che poco prima hai visto dalla ragazza vestita di bianco, là, per terra.
Forse era quella che ti proteggeva piccola mia.
Ma l'hai persa uscendo da una laida stazione di servizio.
Mi avevi portato il pranzo, eri ancora te in quel momento, la mia solita dolce e bellissima figlia.
Poi il Male ti ha preso.
E ora ride lassù in montagna.
Abbiamo perso.
E forse la causa di tutto sono stato io, io che quel giorno ho interrotto quel rito che stava veramente salvando tutti.
Troppo tardi ormai, ma ti voglio bene lo stesso, anche se hai fatto tutto questo.
Che Dio, o chi per lui, ti possa salvare.

( voto 8.5)

75 commenti:

  1. Devo vedere la seconda parte (eh, ieri sera sono crollata). Ripasso.
    Ps: comunque sto film è uscito tipo 2 giorni fa sui siti di streaming...
    Che fine ha fatto "il ragazzo" che aspettava e aspettava e aspettava per vedere un film?:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei la regina delle ricercatrici delle incoerenza.
      Ma io ho sempre detto che aspetto mesi, anche anni, i film che distribuiscono in sala o penso che siano dstribuiti.
      Quelli che, come questo, credo non verranno mai distribuiti me li vedo appena c'ho voglia. E manco m'accorgo se sono del 2016, 2015 o 2012

      per me non esce

      Elimina
    2. "La regina delle ricercatrici delle incoerenze"
      Mi piace. Suona quasi nobile.
      Non l'ho colto fino in fondo, ma mi piace lo stesso :-p

      Oh,ma hai fatto bene a vederlo.
      Non ho mica detto il contrario





      Elimina
    3. dicevo solo che il veder subito questi film è una cosa che giuseppe ha fatto, quindi "Che fine ha fatto "il ragazzo" che aspettava e aspettava e aspettava per vedere un film?:D" per me non ha senso, è una ricerca di incoerenza tua ;)

      Elimina
    4. giuseppe ha SEMPRE fatto, mancava un pezzo


      se esce me o rivedo, sto film va visto due volte, per forza

      Elimina
    5. Ci siamo svegliati male?
      Me bacchetti per sta stronzata.
      Non ricercherò mai più incoerenze. Giuro.

      Elimina
  2. Stupendi i minuti finali del film dove avviene l'idealizzazione di una vita felice del padre con la figlia. Poi quel duello tra i due monaci, le musiche di sottofondo, il volto della disperazione della bambina, le angosce del padre che vive sempre col senso di colpa , la routine drammatica del villaggio. Credo che di questo regista ne sentiremo parlare spesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei Ale de Ceccano o Ale 99?

      in ogni caso concordo su tutto, difficile trovare difetti a sto film

      forse si sopporta poco la vena umoristica, ma per fortuna è solo all'inizio (cioè, io la sopporto poco perchè in film del genere più si è "secchi" più godo)

      beh, ha tre film che valgono già una filmografia per me ;)

      (vado sulla fiducia su quello che mi manca)

      Elimina
  3. "The chaser" mi era piaciuto un sacco. Questo è assolutamente da vedere, allora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è pure meglio amico

      100 volte più ambizioso

      Elimina
    2. Ok, lo ho visto e sono parecchio confuso...
      Era da parecchio che un film non mi scuoteva in questa maniera.

      Elimina
    3. sono contento ;)

      e approvo ;)

      Elimina
  4. Uscirà? Non uscirà?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo sopra a Rachele non credo proprio che esca

      the chaser non era uscito

      the yellow sea nemmeno

      e in generale, Park e Kim KD a parte, il cinema sudcoreano non viene quasi più distribuito (15 anni fa molto di più)

      è anche vero che qualcosa si sta muovendo, iniziano ad uscire film che non avrei mai detto potessero uscire

      certo, sempre con mesi o anni di ritardo

      ma per questo vedo pochissime speranze

      Elimina
    2. Pseudo rebus:
      Ernesto Guevara - 2 - OO
      (3 3 5)

      Elimina
    3. ahah, ma riferito al film o alla faccenda che non distribuiscono?

      Elimina
    4. Alla distribuzione!

      Elimina
  5. non ho letto per gli spoiler, ma fremo dal vederlo dato che sono stato un grande fan di The chaser...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non te ne pentirai ;)

      a sto punto toccherà vedè anche il film de mezzo, che nessuno lo nomina ;)

      Elimina
  6. Ciao,
    ho visto il film proprio ieri sera e l'ho trovato meraviglioso!
    il regista non lo conoscevo e adesso cercherò di recuperare gli altri film di cui parli.

    a me i siparietti comici non hanno dato fastidio perchè, incredibilmente, aumentavano l'ansia di tutta la storia.
    e che sguardo magnetico aveva il Giapponese, mi ha terrorizzato nella scena in cui rimaneva impassibile mentre il poliziotto lo minacciava e alla fine gli uccide il cane.

    ciao
    Yukari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda subito The Chaser Yukari, un altro grandissimo thriller che scardina tutti i clichè del genere

      eh, io ho un pò messo le mani avanti perchè in tantissimi sopportano poco la comicità orientale. A me piaciucchia ma, lo ammetto, sono stato contento che nella seconda parte non ci sia per nulla.

      Hai ragione, non ho parlato degli attori, tutti grandi

      anche lo sciamano notevolissimo

      però sì, il Giapponese su tutti

      ciao!

      Elimina
    2. ok stasera cerco The Chaser allora ;)
      Yukari

      Elimina
  7. Ciao
    Ho appena finito di vederlo e mi è piaciuto molto, nonostante guardarlo sia stato per me quasi impossibile: ci ho messo 5 giorni e 7 tentativi....ogni volta che lo facevo partire, come in una sorta di maledizione (forse orchestrata dal regista), qualcosa mi costringeva a rinunciare alla visione; il che lo ha reso ancora più credibile...quasi fossi uno dei personaggi colpiti dall'oscuro male.
    Il protagonista ed il giapponese in america sarebbero stati da Oscar....Anthony Hopkins lo ha preso per meno.
    In ogni caso volevo far notare che la scelta del giapponese come simbolo del male è politica.....la Corea ha cessato di esistere per un trentennio in quanto "invasa" dal male avente il sol levante per simbolo.
    Grande rece come sempre Giuseppe.

    Mandi Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia... Ma lo interrompevi ogni volta oppure non iniziavi? cioè, l'hai visto in 7 tronconi?

      ahah, io non ce l'avrei mai fatta

      sì sì, si sa che gli Oscar riguardano Hollywood ma in Europa e in Oriente c'è quasi sempre di meglio

      bravissimo, avevo colto un significato politico ma non così preciso. L'ho letto ieri nella recensione di un amico. E ora me lo confermi te.

      grazie!

      (non ti dico niente del raduno, sei molto lontano, ma vedi te...)

      Elimina
    2. Purtroppo dovevo interromperlo, ma non l'ho visto in tronconi, iniziavo nuovamente a vederlo da capo per non perdere il filo ed alla settima volta ce l'ho fatta :-)

      Al raduno ci verrei sicuro se non fosse che la settimana dopo verro comunque dalle tue parti con la famigliola...come ti dicevo 2 volte in 8 giorni è troppo anche nel caso si abbia la voglia.

      Ritornando ai film di Na devo dire che the Chaser mi ha "freddato"....amore a prima vista per un film che non riesci a prevedere in nessuna delle sue scene; come dici tu scardina tutti i clichè.
      Ho visto anche the Yellow sea...bel film ma di una tristezza infinita che per certi versi mi ha molto ricordato Sympathy for Mr. Vengeance.

      Mi sono immerso nel cinema coreano negli ultimi tempi e devo dire che risulta essere "immenso" per qualità.....che peccato che sia così poco conosciuto in occidente; secondo me sta sfornando perle con continuità impressionante, del resto chi va con lo zoppo impara a zoppicare e quando hai esempi così fulgidi nel tuo paese da cui trarre ispirazione sei portato a cercare di superarli e fare a tua volta grandi opere. Un pò l'effetto Usain Bolt in Giamaica :-)

      Mandi Mandi

      Elimina
    3. ah, è vero! mi avevi già detto del raduno e che poi tornavi, scusami ma tra tutti mi confondo e dimentico ;)

      non ho visto the yellow sea ma mi piace moltissimo l'accostamento che hai fatto. Nel senso che sì, anche io considero Mr Vendetta uno dei film più tristi che abbia mai visto. Quindi credo di aver afferrato benissimo il tipo di film

      eh, ma sai, nei primi anni 2000, almeno tra gli appassionati, il cinema coreano era strafamoso, anzi, praticamente il più citato. Ed era sempre distribuito. Adesso se ne parla molto meno e quasi nessuno finisce al cinema.
      Ma ci sono nuovi autori, forse Na e Bong su tutti, che lo stanno tenendo, anche da noi, a livello altissimo.
      Certo van cercati

      ma li troviamo ;)

      Elimina
  8. Eccomi qua. Mi aveva incuriosito molto l'inizio di questa recensione e così dopo aver letto l'incipit, mi sono fermato e ho deciso di recuperare il film. Era da molto che non mi avventuravo nel cinema coreano e mi sono trovato di fronte un film per certi versi incredibile che è riuscito ad entusiasmarmi. Non sapevo bene cosa aspettarmi, ma ha saputo tenermi incollato allo schermo con il fiato sospeso. Avevo pianificato di guardarmelo "in 2 puntate", ma non ho saputo fermarmi. A parte alcuni momenti che ho trovato troppo grotteschi per i miei gusti, posso comunque reputarlo uno dei thriller più interessanti visti di recente. L'elemento migliore penso sia l'atmosfera che il regista riesce a creare. Un'atmosfera così tetra e pervasa da oscurità che mi ha ricordato l'emozioni provate durante la visione di Post Tenebras Lux di Reygadas. In questa atmosfera risiede il punto forte del film che in alcuni frangenti diventa veramente inquietante. Mi è piaciuta moltissimo la figura del giapponese, così come quello della ragazza misteriosa. Fantastica anche l'interpretazione della piccola Hio-jin. Il suo sguardo così pieno di follia è veramente convincente. Bellissima poi la scena con i 2 riti in parallelo che giustamente hai citato. La grossa pecca secondo me è questo finale, forse un po' affrettato. Sarà che per tutto il film mi sono chiesto come poteva risolversi il tutto, aspettandomi magari un colpo di scena più netto. Mi sembra che resti tutto fin troppo sospeso. Non mi fraintendere, i minuti finali sono ricchissimi di pathos e la chiusura è in crescendo, ma forse qualche sequenza in più non avrebbe guastato. per il resto un film la cui visione non mi ha assolutamente deluso, anzi. Non mi resta quindi che cercare al più presto "The Chaser". P.S: Bellissima la nuova copertina del blog! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo le prime tue righe (leggo a rate) direi che ancora una volta siamo perfettamente all'unisono ;)

      film incredibile, uno dei migliori thriller recenti che ha come unico difetto dei momenti troppo grotteschi (meno male che sono tutti nella prima parte, altrimenti l'avrebbero ucciso).
      Ti ha ricordato addirittura PTL? Sì, è vero, in quella trascendenza, in quell'atmosfera a metà strada tra la vita reale e quella governata da forze oscure. Del resto in entrambi in qualche modo c'è Lui no, quello che sta anche in The Witch ;)

      (cazzo, m'è venuta voglia de fa una lista sui film col demonio, in tutte le sue forme)

      Il Giapponese è un personaggio potentissimo, unico. E l'interpretazione dell'attore gli sta dietro alla grande. Sì, come avrai letto anche io sono stato molto colpito dalla bambina...

      Capisco perfettamente il tuo appunto sul finale... A me, lo sai, le cose sospese piacciono molto, voglio lavorare sul film. Però sì, ci sono almeno un paio di punti che avevano bisogno di più informazioni. Ma quello che succede nella grotta è bellissimo per me

      sì sì, guarda The Chaser!

      oh, finalmente qualcuno a cui è piaciuto l'header ;)

      ciao grande!

      Elimina
  9. Ma lo sciamano "buono" perchè aveva quelle foto in macchina?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è tanto perchè aveva quelle foto ma perchè arriva nel luogo del massacro completamente tranquillo, per niente disperato e fa addirittura lui stesso le foto?
      E' sempre stato dalla parte del male?
      E, come penso, se no, quando è andato dall'altra parte?

      ecco, tocca rivederlo forse, non ci arrivo

      Elimina
    2. Fosse buono avrebbe fatto il rituale gratis. Fosse cattivo non ci avrebbe messo tutto questo impegno...é semplicemente un opportunista che studia il nemico e i suoi atti per poterlo combattere ma solo per fini di lucro e non mosso da ideali. é un ignavo! ed è per questo che la ragazza "angelo" lo allontana... è uno di quelli che Dante avrebbe messo nell'ante inferno.

      Elimina
    3. Mica sono d'accordo del tutto...

      Ti cito due scene.

      Il rituale.
      Cioè, il suo rituale è veramente portentoso, stava addirittura uccidendo il giapponese. Se il padre non fosse intervenuto ce l'avrebbe fatto. E, insomma, un opportunista legato al soldo non so se avrebbe mai fatto una cosa così "vera" e potente

      Poi il prefinale.
      Cioè, lui se ne sta andando via. Ma poi chiama disperato il padre e gli dice quelle cose. Sembra proprio un atto "umano", uno di una persona che vuole salvare l'altra.
      Lo so che poi si lega male al finale (in cui sembra dall'altra parte) ma io sono sicuro che fino a quel momento lui sia veramente preoccupatissimo per il padre. Perchè fingere disperazione in macchina? perchè tornare indietro?

      insomma, un personaggio che ancora non ho ben inquadrato ;)

      Elimina
    4. Per capirsi lui poteva tranquillamente metter su un rituale "farlocco", nessuno se ne sarebbe accorto. Invece non solo ci mette un impegno pazzesco ma detta regole a tutti su cosa fare o non fare. Insomma, un vero professionista.

      Elimina
  10. Molto bello...però c'è qualcosa che non me lo fa reputare grandissimo, gli preferisco The Chaser senza dubbio.
    Sto The Wailing aveva tutte le carte per essere un capolavoro ma secondo me si perde un po' nella lunghezza (comunque per niente pesante) e poi in alcune situazioni poco chiare.
    Ad esempio il ruolo del personaggio dello sciamano che sembra buono ma poi lo vediamo fare le stesse foto, con la stessa identica macchina fotografica, che fa anche il giapponese-demonio. Ecco quest'ultimo anche personaggio un po' confuso...quando lo vediamo inseguito dai poliziotti in quella scena in cui si nasconde tra le rocce ci appare come un semplice uomo indifeso, si mette pure a piangere...e poi, altra cosa, vede tra le piante la ragazza col vestito bianco. Fino a quel punto mai vista se non all'inzio quando lancia i sassi al poliziotto.
    Parlando sempre della ragazza col vestito bianco non ho capito se fosse cattiva come ad un certo punto Na Hong vuole farci credere o se fosse buona come ci appare nel finale.

    Resta comunque pazzesco a livello tecnico e di interpretazioni e anche di atmosfera e tensione in numerose scene da manuale. Credo proprio che una seconda visione possa aiutare molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella cosa nel finale dello sciamano buono non l'abbiamo proprio capita nessuno eh, incredibile.
      Mi riprometto sempre di rivederlo per capire dove, e se c'è, ci sta il cambiamento.
      Sì, è vero, anche io notai sta cosa del giapponese che scappa e alla luce del finale ci pensai pure. Molto strana.
      No no, la ragazza, almeno per me, ha rappresentato sempre il bene. Non a caso è lei, ora non ricordo come, che fa avere alla bimba il fermaglio che l'avrebbe protetta.
      Sì sì, troppo lungo e troppi passggi confusi, concordo.
      Ma se a te hanno rovinato abbastanza il film per me alla fine lo hanno solo un pò intaccato, ma resta grandissimo ;)

      Elimina
  11. Bello. Ahia il finale, povero padre, povero padre.

    Non così chiaro ogni passaggio ma pare preciso, voglio rivederlo e fare luce; secondo me la soluzione è visibile, ma non mostrata esplicitamente.
    La pianta, i segni, il demone, il fantasma?, lo sciamano, le foto... Avere qualche informazione mitologica in più non farebbe male.

    RispondiElimina
  12. Niente da fare, ancora lontano dalla comprensione.

    Il giapponese è mostro, demone, infetta la gente. Ma perchè sembra stupito dal tipo nel camioncino, Park Chon Bae, quando lo vede e poi quando non lo trova più? Cosa fa al tipo montanaro/cacciatore dell'inizio, e poi al protagonista quando è lì lì per smozzicarseli?

    La tipa è buona? Dà una mano, compare più volte, dice di aver messo in piedi una trappola e di aspettare i tre canti del gallo, Jong-Goo va e noi vediamo la piantina, inquadrata quando lei pronunciava "trappola" che appassisce prima dell'ultimo canto del gallo. Quindi vuol dire che la trappola è saltata? Ma che doveva catturare, e la famiglia era comunque già condannata.
    Perchè poi lei aveva addosso i vestiti, le cose degli infetti? Per sostenerli, proteggerli? O al contrario era lei la fautrice dell'infezione?
    E quelle piantine le vediamo anche nelle altre scene del crimine, erano altri tentativi falliti? Tiene lontano lo sciamano, quindi lui è

    cattivo? 'sto sciamano lo vediamo dare una mano, con interesse dubbio e parlando di fantasmi, durante il doppio rituale la bambina e il giapponese soffrono, sembra la conferma che lui è buono, Goo interrompe il rituale e il giappo si riprende, ancora non in forze, infatti scappa dal gruppo partito per linciarlo.
    Vediamo lo sciamano Gwang avere a che fare anche con altri infetti (la tipa con il maglione) e dire la frase dal dubbio soggetto "ha abboccato all'amo" dopo che lui stesso usa la metafora del pescatore per gli atti del fantasma. Quelle foto alla fine?

    Giappo e sciamano cattivi entrambi unica buona la "fantasma"? Non tutto torna.
    Fantasma cattiva opera di tutto, sciamano buono, giappo demone che si fa i fatti suoi? Nemmeno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, grande Edo!

      sai che ricordo quasi ogni scena o dubbio che citi?

      e sì cazzo, non se ne viene fuori

      però sulla questione trappola ricordo che lei dice lui che non doveva andare là perchè l'avrebbe fatta saltare. Lui va e appassisce. Probabilmete se stava bono quella cosa proteggeve, boh

      lo sciamano poi è assurdo

      ragazzi, il rito era il rito non solo positivo (stava uccidendo il giapponese) ma il rito di uno vero, di uno potente, altro che ciarlatano
      Però quel finale...

      anche tutte le altre cose le ricordo abbastanza ma non so dare risposta

      mi hai fatto divertire però

      in ogni caso gran film

      Elimina
    2. Grandissimo film, rivisto due volte in brevissimo tempo senza il minimo peso.

      Ho provato pure a cercare su internet ma non si trovan spiegazioni chiare, univoche, c'è chi scrive che lo sciamano viene posseduto quando il protagonista interrompe il rituale, per quello sembra prima buono poi cattivo; ma sembra un po' campato in aria, teorie senza alcun riscontro nel film non mi convincono.

      Il regista è però riuscito davvero a lasciare con l'idea che la storia è sì ingarbugliata, ma che tutto possa sbrogliarsi correttamente (a me per lo meno).
      Stile Infinite Jest di Wallace.

      Elimina
    3. ahah, sembra tipo una soluzione "dicemose questa almeno non ce pensamo più"

      bocciata!

      gran bella considerazione quella finale

      e infinite jest è sempre qua sul comodino...

      Elimina
    4. Il problema di infinite jest non è tanto il libro in sè, il tuo blocco del lettore, lo stile, lo spessore, la richiesta di concentrazione, i particolari importanti lanciati alla spicciolata in un mare di divagazioni casuali, meno e non...

      È che pesa.
      Il volume fisico dico.
      Se leggi sdraiato non sai come tenerlo, rischi una tendinite se ti fai trasportare dalla lettura.
      Quando sei all'inizio o alla fine (e su un volume un migliaio e mezzo di pagine sono termini di ampio respiro) il peso è fortemente asimmetrico aumentando esponenzialmente la scomodità.
      Se lo appoggi sulla pancia ti ritrovi prima con una sensazione tipo cannelloni della madrina siciliana facile all'offesa la sera dopo un pranzo di Natale, poi con dei segni che manco il Gesù di Mel Gibson.

      Elimina
    5. "...un volume DA un migliaio..."

      Elimina
    6. La più grande recensione di un libro che ho letto da mesi

      non scherzo

      grande ;)

      (su sotto vengo domani)

      Elimina
  13. Continuo a tornare qui per pensieri raffazzonati e non conclusi, scusame.

    È come se il film fosse contemporaneamente più film diversi:

    Il giapponese è straniero, sembra che la colpa sia sua, Jong-goo lo accusa basandosi su fantasie e sospetti invece poi si scopre che era sciamano anche lui e voleva salvare tutti. -Non posso dirti cosa faccio qui, non mi crederesti-

    Lo sciamano subito è dubbio, Goo non è sicuro su di lui, gli fa molte domande su questo fantasma, interrompe un rituale che lui vede far soffrire la figlia, poi invece 'sto Gwang nonostante la paura torna, capisce di aver sbagliato con il giapponese e cerca di avvisare Goo di correre a casa prima degli omicidi.

    Fantasma donna a sorpresa finale è il mostro, nessuno se lo aspettava, ha la roba delle vittime, cerca di allontanare lo sciamano, è portatrice di morte (porta alla fine dello straniero dopo che invece si era salvato scappando da quelli che volevano linciarlo, pure lui guarda stupito quella specie di zombie)



    Nel mentre un altro film:
    Il giappo dopo dubbi vari (di noi spettatori) è davvero un demone, ha stuprato donna e la bambina (quando perde la mollettina, il libro disegnato, gli incubi) possiede la gente attraverso la fotografia e

    lo sciamano, che pareva buono, si scopre invece a sorpresa essere un aiutante del demone (le tracce dei suoi rituali ci sono in ogni scena del crimine, vediamo di sfuggita tra i suoi clienti la gente infetta) la rivelazione evidente è solo nel finale quando vediamo lui stesso far le foto.

    La fantasma si rivela essere buona, indica il colpevole a Goo, poi tiene lontano lo sciamano, dice -è solo un burattino- (del demone, infatti all'inizio il giapponese ha due ami mentre pesca) e prepara una trappola per fermare quella devastazione, ha la spilla e altre cose della gente per proteggerle.
    Infatti Hyo-jin viene assalita dal demone quando è senza, e fino a che lei porta i vestiti di una persona questa ancora non è mutata (al contrario dell'altra versione del film in cui i possedimenti sono segno di malvagità).




    Cavolo sono due film diversi, messi uno sopra l'altro.
    Ho voluto scriverti il tutto perchè, che sia vero o meno, pare plausibile e una brillante idea (per Na Hong-jin, il regista dico).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fantastica ricostruzione Edo

      ed è incredibile che le due letture siano così opposte ma, almeno nella mia memoria, altrettanto valide

      ma la tua memoria è invece recente e se l'hai formulate sicuramente valgono

      io sono (ero) nettamente per il secondo film che racconti ma di cose che tornano male ce ne son troppe...

      speravo che una seconda visione mi aiutasse ma te l'hai fatta e a poco ti è servito

      se sto film finisce su sky succederebbe quello che è successo nel blog con The Signal, ne sono sicuro ;)

      Elimina
  14. (ma non è mica finita così, richiami alla chiesa cattolica dove li mettiamo? Poi vorrei poter esser sicuro dei sottotitoli, e nell'incipit del film c'era scritto qualcosa che non han tradotto. Mi sa che me lo riguarderò ancora, sottotitolato in inglese)


    uff che ossessione! ;)

    RispondiElimina
  15. Secondo me lo sciamano è esattamente come il giapponese. Il rito è identico, gli animali sono identici e la macchina fotografica è la stessa. Parla di un demone più potente degli altri, forse in questo è la differenza, il giapponese è il Demone, lui no. Nella ragazza fantasma ci ho visto invece la bimba adulta. La molletta non come oggetto di protezione ma come collegamento. In realtà voleva restare con il padre e salvarlo dalla visione della sua stessa carneficina...non so. Chiaro non è ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici quindi che ognuno lavora in proprio e sono entrambi "cattivi"?

      sai, forse risolveremmo la faccenda del rituale Edo

      lo sciamano stava facendo un rituale vero, un rituale che uccideva veramente il demone

      ma non per proteggere la bimba, ma solo per uccidere il suo rivale, lui che faceva le stesse cose

      però (ragazzi, sono passati 6 mesi per me) ricordo che lui mentre va via in macchina è seriamente preoccupato e torna indietro. Cioè, per chi stava recitando, per il regista?
      No, ovvio che quella reazione è genuina

      e allora perchè, appunto, quella reazione

      però la cosa qua che mi è venuta in mente col commento di Giacomo è molto interessante, risolverebbe alcune cose

      la lettura che fai invece della ragazza è straordinaria

      mi sembra impossible sia giusta ma solo a pensarla è straordinaria

      io credo abbastanza che quelle mollette siano state di difesa, altrimenti perchè mostrarci che la perdeva nella stazione di servizio e, da lì in poi, esser stata presa dal demone?

      Elimina
    2. Yeah infatti potrebbe anche darsi che son tutti e tre mostri/demoni/cattivoni/fantasmini che se la litigano tra loro.
      E il paesino di poveracci in mezzo.
      Non tutte le vittime condividono la medesima sorte infatti: qualcuno funghetti, qualcuno fuori dai meloni, qualcuno accoltella e basta...
      (invece la bambina adulta è una bella idea sì, ma mi pare solo volo pindarico)

      La reazione dello sciamano è strana sì, e pure strano il soprannaturale motivo che gli fa fermare l'auto, da dove arriva? Chi l'ha creato?
      Perchè è tutto trafelato poi cambia praticamente personalità?



      Continuo ad accarezzare l'idea dei due film insieme.
      Probabilmente compio l'errore dello scienziato che invece sperimentare e formulare di conseguenza una tesi, formula una tesi e poi cerca di far tornare le dimostrazioni.
      Però è l'unico modo per dare un po' d'ordine ora come ora.

      Elimina
    3. sì, quella cosa di competizione tra demoni mi piace, lo fa diventare tipo un fantasy

      però la scena della macchina oh, è inspiegabile....

      quell'errore dello scienziato io lo commetto spessissimo

      quando una cosa mi deve tornare mi deve tornare ;)

      Elimina
  16. Beh c'è una scena in cui lo sciamano parla di demoni potenti e meno potenti, lui potrebbe essere semplicemente meno potente o un demone wannabe e aver bisogno di tutta quella messa in scena per effettuare il suo rito. Comunque ho trovato questo: https://www.youtube.com/watch?v=lxjp2YIk798

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fantastico!

      e finalmente ci danno anche la soluzione della scena della macchina che lui torna indietro!
      non ho capito solo il finale del video, cioè cosa avrebbe cambiato il regista

      non ho capito se questa ricostruzione è basata su scene eliminate

      Elimina
    2. Ma che, tutte 'ste robe in più son fuori scena? Da immaginare o sapere a priori?

      Spirito cattivo che possiede contemporaneamente i due?
      Perchè ha i vestiti la tipa se son per fare le maledissssioni?
      Ma il corvo morto è protettivo? Dove lo si vede? E stava già male la piccola, corvo o meno, per quello chiaman lo sciamano.
      Fantasma buona va nel corpo della bambina?! Quando dove come perchè?!
      Cerca di cacciare lo spirito buono e invece colpisce il giappo?!?!?! Così a caso?!
      Dopo che il padre ha commesso peccato la spirita buona non può più proteggere Ho-Jiin, e proprio lì sembra stia bene?

      Siamo in strada ma non ancora al giusto secondo me.

      Elimina
  17. Tra i commenti del video c'era un'idea più precisa.
    Lunghetta, troppo per star qui. Copio incollo in parti?
    Riassumo e traduco? (È in inglese, utente "lalala lilili")

    RispondiElimina
  18. lalala lilili dice:12 gennaio 2017 00:25

    Sequence of events:
    1. Under influence of evil Tengu, Monk infects Police daughter.
    2. Police destroys Monk's ritual room, kills his dog and threatens to kill him if he does not leave in 3 days.
    3. In response, Monk hangs dead goat to curse police family further (father paralyse momentarily, daughter went rabid and kills neighbour). He also proceeds to prepare a ritual to revieve zombie to protect himself/kill villagers.
    4. A good/famous Shaman was brought in by police's mother.
    5. Shaman removed Tengu's hidden crow curse and performs a high risk out-of-body hex to kill Monk. For a successful ritual, Shaman warns police there should be no interruption / visiter / drinking etc.
    6. Although the hex is directed at the Demon, the daughter being under the control of the Demon, also suffers in pain and pleads for her father to stop the hex.
    7. Monk almost died from the Shaman's hex but wakens when the police interrupted the ritual. The hex backfires, giving opportunity for Demon to leave the Monk and control Shaman instead.
    8. Monk (now good) returns to his room to recuperate. Youko sees that he is no longer possessed, hence did not hurt him even though he is weakened.
    9. Good Monk awakes and remembers that the zombie is revieved and may hurt people. He panicks and hurries to find it.
    10. Fearing for his daughter's life, the Police went with his friends to the Monk's house to kill him.
    11. Planning to make the villagers sin and lessen the village's protection from Grandma or Youko, the Demon contols the zombie to lure Monk back to his house to be killed by villagers.
    12. Monk tries to escape the angry villagers but fell down a short cliff. He cries at the thought of his past sins and at the irony of his circumstance as his original intent was to save the villagers.
    13. Monk sees Youko and chases after her. Being a fox spirit possessing a young woman, perhaps she fears of being captured/exocised by the good Monk, or she is accquinted with the Monk in the past and does not wish to reunite with him.
    14. While chasing, Monk slips down clift and knocked against police's lorry.
    15. Police and gang throws Monk over road's cliff.
    16. Shaman (now bad) laughs as the Deman's plan to make the villagers sinners was successful, and that the Demon was able to fully take over the body of the dead/critically injured Monk.
    17. Shaman returns to the Police house to collect the souls. However, Youko overpowers him.
    18. Fearing for his life, he abandons his mission and flees home. The Crow Demon reminds Shaman that he has to work for him by blowing off the lited candle (no buddha can protect him) and sending a dead crow (death omen).
    19. Shaman tries to flee the village, but the Demon sends moths to further instil fear in Shaman for the consequences in abandoning his task.
    20. Shaman returns back to village (as seen on the road signage "Gokseong") and resumes his task by tricking the police that the young woman is the demon instead of the Monk.
    21. As the policeman has sinned, the Youko and Grandma can no longer prevent the demon's complete take over of the daughter, nor the deaths of his family. However, Youko tries to trap the Demon and prevent the Shaman from collecting their souls. The trap will be successful if the police does not step past the flower trap after the rooster crows 3 times.
    22. Unfortunately, the police's faith wavered when he saw Youko with the infected human being's belongings (including his daughter's hairpin), and he returned home to find that his daughter has murdered the whole family.
    23. Shaman then came to take photo/collect souls.

    RispondiElimina
  19. sempre lalala lilili:12 gennaio 2017 00:26

    Character settings: 1. Tengu: A crow spirit depicted as either a Diety or Demon in Japanese folklore. 2. Yamabushi: A mountain monk who is a follower of Tengu. 3. Japanese stranger: A living human who is likely a Yamabushi/Monk. He was able to furnish a modern-day passport to prove the validity of his stay in Korea. When confronted by police on his purpose for being in the mountain, he replied "Youko". Hence, he probably came to find Youko but got misled by an evil Tengu along the way. When controlled by the crow demon, he spreads disease by sexually assulting ladies in the village, who then spreads to other men. Infection can also spread by bite. Infected human murders family, becomes a lifeless shell and eventually dies from the diease. All victims' souls are taken via photographs as offering to the Demon. 4. Youko: Uncommon term for fox spirit in Japanese folklore. Similar to Tengu, can be depicted as a diety/diety assistant or demon. Often appears in female form or possesses living woman. In Korean folklore, it is known as a Kumiko and is only portrayed as an evil fox spirit. 5. Young woman: A Youko who recieves guidance and aids the Grandma (a Goddess) in helping the village. She probably possessed a living woman (as she is able to physically touch the police/rocks etc). Also, she is not powerful enough to directly hurt the Demon, with her abilities limited to observing the Monk, warning the police, setting up flower traps for the Demon and aiding Grandma in protecting innocent human from full take overs by Demon. As part of the spells, she probably needed belongings of the infected human beings. 6. Demon: Appears in various form depending on the believers' faith (e.g. Tengu, Devil). Does not have meat and bone, but gains full control of a suitable/weakened vessel when consume sufficient souls.

    RispondiElimina
  20. no amico mio, sto faticando moltissimo questo periodo a seguire il blog, non ce la faccio a leggermi tutto sto papiro in inglese, ahahh

    io in quel video ho trovato molte cose buone e quasi definitive ma sì, alcune mi tornano poco

    per quello chiedevo spiegazioni sul finale del video, non ho capito se tante cose sono state tirate fuori da scene eliminate

    se ho capito bene sì, e l'hanno fatto per aumentare lo smarrimento del padre

    ci sta ma dove hanno tirato fuori tutto?

    semmai famme riassunto e traduzione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No te preocupe

      take it easy man!

      ;)

      Elimina
    2. no no, col cazzo che non me preoccupo, io voglio sapè!

      Elimina
  21. Allora.


    Personaggi
    Spirito cattivo: (non si vede direttamente) può possedere la gente e guidarne le azioni
    Monaco: parte e viene in Corea (ha il passaporto a posto) per sconfiggere uno spirito (quando gli chiedono che fa dice solo "Youko", che vuol dire demonaccio cattivo). Viene preso dal cattivone e stupra attaccando una specie di maledizione, che poi viene sparsa spingendo la gente a pazzia, deliri omicidi, eventuale morte.
    Sciamano: buono all'inizio, poi posseduto durante il fallito rituale
    Donna: spirito buono e protettivo che -occupa- una donna viva, per quello può essere toccata; la nonna che nomina più volte è una dea protettiva; probabilmente necessita di oggetti delle persone per proteggerli.

    Eventi:
    Monaco infetta donna e bimba, poliziotto lo minaccia, lui risponde intensificando la maledizione (capra morta fuori casa, tipo bloccato a letto...) e crea uno zombie per difendersi (tipo nel camioncino).
    Sciamano è buono (galline bianche, invece che nere dell'altro, nei rituali seppur simili) però quando il poliziotto interrompe il rituale, che stava uccidendo il demone, resta corrotto a sua volta.
    Il monaco invece si sveglia liberato dalla presenza maligna, controlla lo zombie, spaventato, e scappa via quando lo inseguono.
    Poliziotto lo uccide (mentre lui insegue lo spirito della donna, non capendo cos'è/sentendone la natura soprannaturale) e lo getta dal fosso, compie così peccato rendendo impossibile la salvezza della sua famiglia (sguardo triste della donna spirito protettivo, e lo sciamano [ora cattivo] che dice che la trappola è scattata). -Ah e rendendo possibile al demone il completo controllo del corpo del monaco.-
    Sciamano va per prendere l'anima delle vittime tramite la foto ma lo spirito protettivo riesce comunque a scacciarlo. Scappa spaventato, chiede protezione al Buddha ma ormai non c'è più per lui, in auto lo spirito cattivone lo richiama indietro. Sciamano telefona mentendo per far tornare in casa il poliziotto e rompere la trappola.
    Poliziotto confuso non crede alla donna quindi rientra e non salva un bel nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa una traduzione/riassunto del commento.

      OT
      La frase -non sono un fantasma, toccami- (con pure le stigmate) sembra comunque secondo me presa troppo letteralmente da tanti spettatori, il significato biblico era: tu che non credi finchè non puoi toccare con mano, ora mi hai qui, tocca e credi.
      Sembra più riferita allo spaesamento di Goo, al non saper cosa credere suo e dei suoi compaesani senza prove tangibili.
      La stessa sensazione che lascia a noi il film alla fine. A cosa credere?
      C'è pure qualcuno che ritiene sia tutto un viaggio mentale dato dai funghi di cui parlano all'inizio (infatti la gente infetta mangia un sacco, solo dopo diventa violenta) Beh.............
      Sembra a me più riferito

      Elimina
    2. "Sembra a me più riferito" era da qualche parte nelle frasi prima ed è saltata altrove, uff, è tardi.

      Elimina
    3. fantastico, fantstico

      credo che meglio di così non possiamo fare altrimenti batteremmo il delirio che si è formato sotto The Signal

      grazie, mi hai dato un grosso servizio

      refuso: grazie per il tuo primo commento!

      Elimina
  22. Per quanto mi riguarda miglior film del 2016 (non solo horror)

    RispondiElimina
  23. L'ho appena visto, e senza voi ragazzi e questo blog fichissimo non lo avrei capito così bene. In verità, io trovo davvero credibile le conclusioni a cui siete giunti, perché l'intrattenimento del lontano oriente ha sempre avuto caratteristiche sottili da morire, pensate che nel Teatro Noh giapponese, le emozioni vengono espresse dalle maschere monoespressive indossate dagli attori, semplicemente con un meccanismo che fa aderire una prima faccia interna della maschera al viso degli attori, mentre la parte esterna, fissata ma libera di basculare grazie a viti e legacci, DONDOLA. Cioè lo capite? Questa gente usa maschere di legno dipinto e crea l'espressione di diverse emozioni semplicemente rendendo la maschera più o meno INCLINATA. I cambiamenti di espressione del giapponese e dello sciamano nel corso del film mi hanno subito fatto pensare a sottigliezze che solo una persona abituata a quel tipo di arte avrebbe potuto comprendere, ma non sono in nessun modo riuscito a decifrarle.

    E ora grazie a voi ho un insight molto più completo.

    Grazie!

    RispondiElimina
  24. ps Non sono sicurissimo che lo spirito maligno sia un Tengu. I Tengu propongono una filosofia molto "cruda", e cioè che se qualcuno subisce un torto e se lo meritava, espia, mentre se non lo meritava, il Karma lo risarcirà, in questa o nella prossima vita. In conseguenza a questo, ritengono non ci sia motivo (niente danno, niente fallo) di trattenere la naturale indole aggressiva presente in tutti gli esseri: se ferisci qualcuno che lo meritava, sei la Mano della Giustizia, e in più fai un favore alla sua anima perché lui espia. Se ferisci uno che non lo meritava, lui finisce sul libro paga di Karma Assicurazioni. Quindi, fa tutto il male che ti pare. Ecco, più o meno la filosofia dei Tengu è questa, ma non la portano MAI ai livelli visti nel film. In genere, la usano solo come contrattacco filosofico verso le teorie della non-violenza esagerata, come quella dei Jaina, che bevono da borracce con una retina per evitare che la loro borraccia crei l'occasione (uccisione per negligenza) di un moscerino di annegarvi dentro mentre è aperta. I Jaina in realtà non sono dei pazzi: vogliono denunciare qualcosa che i Tengu non vedono (o non spiegano), e cioè che il male del ferire il prossimo non viene solo dal danno in sé (che in fatti è risarcito dal Fato, nella loro fede), ma dal fatto che l'uomo è guidato da un inconscio pieno di rancore, e quando uccide, non lo fa per cibo o protezione, e nemmeno per istinto predatorio, ma quasi solo per sfogare il senso di futilità e dolore che ha sepolto in profondità dentro di sé: per stanare questa immaturità, i Jaina propongono di essere oltremodo cauti nell'esercizio dell'autoaffermazione, e hanno portato a sostegno delle loro teorie delle Verità così nobili che i Tengu (che non hanno il nostro inconscio e sono pericolosi ma "puri", come un T-Rex) hanno dovuto contrattaccare spiegando filosoficamente che uno spirito PUO' uccidere solo per tenere in movimento la ruota delle reincarnazioni, senza temere che il Karma vi veda qualcosa di sbagliato. Ma un uomo non dovrebbe, infatti i Tengu molto raramente accettano monaci Yamabushi, che tradotto in giapponese vuol dire tipo "Eremita della Montagna" ma che nelle lingue miste tra India e zone confinanti (origine del mito dei Tengu, poi trapiantato), può significare anche "Colui che segue la Morale del Dio della Morte", cioè Shiva, che appunto patrocina sia la spiegazione dei Tengu, sia quella dei Jaina, invitando ogni uomo a farsi una posizione personale con coscienza critica, in mezzo a questi due assoluti. I Tengu assomigliano molto di più a come sono ritratti in 47 Ronin con Keanu Reeves. Possono essere impunemente egoisti, ma non sono demoni. Quanto alla ragazza, probabilmente è uno spirito volpe (Kitsune), una sorta di controparte femminile dei Tengu, meno attivamente legate alla filosofia della morte e dell'uccisione, ma un po' meno "stoiche" dei Tengu, meno filosofiche, e più birbanti. A volte però si consacrano ad Inari (dio del successo mondano e della benevolenza, a volte raffigurato come una femmina e chiamato la Nonna o la Donna) e diventano puramente buone, spiriti protettori delle terre. Chissà, forse il giapponese è andato a cercarla prima di essere del tutto posseduto, come disperato bisogno di aiuto...

    ancora, GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che non te devi rigraziare nessuno ma siamo noi che dobbiamo ringraziare te de questa splendida lezione


      lezione sulla quale non posso aggiunge nulla

      grazie ancora

      Elimina
  25. Anvedi! Ce sta uno più esperto di Claudio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vorrà dì Rachele che Claudio lo famo fori...

      Elimina
    2. Stavo pensando la stessa cosa...

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao