15.7.17

Accecarsi dal sole, accecarsi di vita

Risultati immagini per mare mosso

Vedo le persone sulla spiaggia.
Bimbi che fanno castelli, bimbi ancora più piccoli che glieli distruggono, madri che pensano solo a prendere il sole, padri che leggono giornali che svolazzano.
Sono lì, a nemmeno 20 metri da me.
A 20 metri da me tutto è sereno, la noiosissima vita della spiaggia procede tranquillamente.
Nessuno in acqua, solo io.
Perchè il mare è mosso, tremendamente mosso.
Non ricordo perchè ero rimasto là, lontano, solo. 
Probabilmente stavo nuotando sott'acqua, come piace fare a me, io che ai bei tempi facevo una piscina intera con il corpo attaccato al fondo.
Sta di fatto che sono solo, il mare è mosso e incredibilmente a 20 metri da me tutto è normale.
Sono in panico, l'acqua mi sommerge ogni 2 secondi.
C'è mio fratello Marco Aurelio sulla riva, lo vedo, forse mi sta cercando con lo sguardo.
Marco Aurelio per noi è Ieio, sin da piccoli.
Due sole sillabe, il nome più veloce del west.
Eppure quando urlo questo nome ricordo ancora che faccio solo in tempo a dire "Ie.." prima che lo "...io" lo finisca sott'acqua, travolto dall'ennesima onda.
Provo ad urlarlo almeno 10 volte ma inizio a perdere conoscenza.
L'acqua mi entra in bocca, mi ritrovo sempre giù.
Quando la testa torna su vede sempre la stessa cosa, decine di persone che continuano la loro vita senza accorgersi che un bimbo di 12 anni sta morendo davanti loro.
Ricordo una disperazione infinita, ricordo le lacrime miste all'acqua.
Ricordo anche il momento della rassegnazione, quello in cui decido di non urlare più e smettere di muovermi.

Sono a riva.
Ieio mi ha sentito.
Ha solo un anno più di me ma è riuscito a salvare un bambino in quel mare.
Mi spingono sulla pancia per farmi sputare acqua, tutte quelle persone fino ad un attimo prima tranquille adesso sono su di me, in cerchio.
Alla fine mi risveglio.
Ho il sole accecante sopra di me.
Mi accarezzano, mi spiegano, mi dicono tutto.
Ma io ricordavo ogni singolo istante, ogni singola cosa fino a quando decisi che potevo morire, che potevo smettere di lottare.
E lo ricordo ancora, 28 anni dopo.
Fu la prima delle 3 volte che ho rischiato di non esserci più.
Ma quello che ricordo adesso è solo il sole accecante, perpendicolare a me.
E' la sensazione incredibile di essere ancora vivo.

Sono vivo.
E sono forte.
Che il sole mi accechi ancora.

17 commenti:

  1. Caspita che fratellone che hai, il mio col piffero che sarebbe venuto. A sto punto dicci le altre 2 che son curioso :-). Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un incidente stradale con 4 ribaltamenti completi. E verticali.

      La terza resta con me

      sì, gli devo la vita

      Elimina
    2. Sei richiesto sul set di Squadra Speciale Cobra 11

      Elimina
    3. E devi vedere con che nonchalance sono uscito dalla macchina ribaltata, dal vetro.
      Mentre mio fratello (che era la macchian dietro di me, stavamo andando a giocare a calcio a 7) correva verso di me pensando che ero morto.
      Sono uscito e ho detto "andiamo a giocare lo stesso vero?"

      Elimina
    4. A me successe solo un rischio morte, da piccolo: un pezzo di dama in gola, che mio fratello ha fatto saltar fuori alzandomi i piedi e dandomi una manata sulla schiena.
      Ricordo chiaramente che in quel momento, senza poter respirare e mentre mi si incasinava la vista, ho pensato: "E questa è la fine di Edoardo Lu.."
      Buffo.
      La cosa che ho detto subito dopo invece è stata: "non dirlo alla mamma"

      Elimina
  2. Ma io l ho già letta, che è un deja vu? :/

    RispondiElimina
  3. Wow.. il sole è più sole e la vita è più vita se credi di morire e invece resti vivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è niente di più vicino alla vita che lo sfiorare la morte

      Elimina
  4. Risposte
    1. alla fine, in qualche modo, lo fa sempre

      Elimina
  5. AH.. e io che credevo stessi leggendo la recensione di un nuovo film, ho pensato fra me e me...però SE RIPRESO!e invece è un tuo "nuovo" racconto (anch'io lo avevo già letto qua da qualche parte nel blog .....SEI COME VENERE CHE RI-NASCE DAL MARE!
    Bravo Bepi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, bravo Ieio ;)

      eh, ieri m'è presa così, mi sento forte

      un vuoto enorme ma tanto forte. E mentre dormivo ho ripensato a sto turning point della mia vita

      Elimina
  6. Debbo ancora guardare i suoi Ultimi peri ...naltra cosa che sto caldo e afa mi han fatto dimenticare..comunque bravo lelo!
    Ieio
    😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tanto tranquillo, la vedrai di sicuro prima che ne facciamo un'altra...

      Elimina
  7. Sette vite. Io più facile. Mi fratturo solo. ;)

    RispondiElimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao