22.6.20

Recensione: "Mad Max Fury Road" e "Here comes the devil" - La Doppietta di Vieri - 3 -

Finalmente è tornato il mio amico Vieri e abbiamo potuto fare la terza puntata di una delle rubriche più amate, ovvero quella de La Doppietta di Vieri, la serata tra amici dove esiste un solo obiettivo, vedè due film, uno più bello possibile e uno più brutto possibile.
Ecco, all'incirca anche stavolta ci siamo riusciti anche se quello brutto, secondo me girato da un maniaco sessuale, non è un Abominio come speravo (ma comunque divertentissimo da scrivere).
Però, insomma, alla fine so riuscito a vedè Mad Max Fury Road, questo è importante


Finalmente l'ho visto.
Anni e anni a rimandarlo e a sentire amici e lettori con "devi vederlo!" ma niente, non riuscivo mai.
La verità?
Bello, forse bellissimo ma non fa per me (anche se lo sapevo).
Insomma, tanto tuonò che piovve, ma non diluviò.Fare una recensione dettagliata non ha alcun senso perchè sono talmente analfabeta di questo mondo da poter dire pochissimo di interessante.
Il paragone più azzeccato che potrei fare parlando di Fury Road è quello con The Raid.
Perchè entrambi sono film così lontani dai miei gusti e dalle mie corde che, veramente, solo la curiosità poteva farmeli vedere.
Ma entrambi sono così ben fatti che trascendono i generi di appartenenza per finire nell'Olimpo del Cinema Spettacolo, quello in cui te ne freghi di cosa ti piace o no e ti strabuzzi gli occhi.
The Raid, però, mi piacque ancora di più. Tra l'altro il secondo capitolo aveva una sceneggiatura molto complessa e piena di cose mentre Fury Road ha proprio questo problema, non è praticamente scritto.
E' infatti un magnifico Luna Park che racconta di macchine che arrivano dal punto A al punto Z e poi fanno percorso contrario.
In realtà di elementi di sceneggiatura buoni, se non ottimi, ce ne sono tanti, come i personaggi e alcune suggestioni.
Il problema è che per uno che non ha visto nessun capitolo di Mad Max come me e che non sa nulla del fumetto da cui questo capitolo è tratto (mi pare no?) quelle suggestioni rimangono tali, non hanno spiegazioni.
Ad esempio quei Figli della Guerra chi sono? perchè sembrano tutti malaticci? Che differenza c'è tra loro e "il popolo normale" ? (dico a parte esteticamente)
E Furiosa chi è?
E la storia delle Mogli? perchè un singolo figlio deve essere così importante quando il tiranno può farne quanti ne vuole?
E' ovvio che tutte queste mie domande avranno risposte molto chiare e facili ma capite che chi, come me, vede solo Fury Road ha pochissime armi per comprendere lo scenario.


Mi hanno detto che il 90% delle scene che vediamo siano veri e propri effetti speciali, non visivi. Vi giuro avrei detto il contrario.
Sono arciconvinto che quella percentuale sia enormemente gonfiata perchè ci sono decine e decine di scene che possono essere solo frutto di effetti visivi, non c'è nemmeno da discutere, ma che comunque un film così spettacolare sia stato fatto alla vecchia maniera è straordinario.
Inutile dire che la vera forza di Mad Max Fury Road sono le meravigliose scenografie, le incredibili macchine, i costumi, le caratterizzazioni dei personaggi, l'ambientazione.
Sembra un mondo "vecchio" e invece è il futuro (bellissimo il discorso sul satellite che vedono in cielo, e quel "Un tempo gli uomini amavano gli show", ancora più bello se si pensa che il film stesso quello è, uno show).
Ogni tanto mi è venuto in mente come questo film sia una specie di The Road che sostituisce l'arancione al grigio, le macchine ai piedi ma che racconti comunque di un mondo finito in cui chiunque è rimasto si affida alla violenza.
Ad un certo punto ci sono addirittura due frasi identiche a The Road, ovvero "sperare è sbagliato" e "quello che si è rotto non si può aggiustare".
In realtà a differenza del film di Hillcoat (o del libro, l'ho recensito QUI) in Fury Road è ancora lecito sperare, anzi, tutta la seconda parte del film è mosso da questo ultimo disperato tentativo di speranza di un mondo nuovo.
Per il resto la cosa che davvero ho meno sopportato è l'assoluta inverosimiglianza. Non mi riferisco al contesto in sè, eh, magnifico, e sticazzi se inverosimile. Ma vedere un film dove alcuni personaggi dovevano essere morti non una, non due, ma almeno 4-5 volte e invece non HANNO MAI UN GRAFFIO mi ha dato molto fastidio. Ok che è cinema spettacolo, ok che è tutto talmente tanto bello da vedere che sticazzi se uno sopravvive a 10 incidenti stradali a 100 all'ora, ok tutto, ma capite che togliere verosimiglianza a questo aspetto toglie anche empatia con i personaggi, toglie drammaticità.
Per non parlare poi del discorso delle "distanze", davvero disastroso in almeno 3 scene tanto che a volte gente a piedi distanzia macchine lanciate a 100 km orari oppure convogli che si vedono all'orizzonte restano là per un quarto d'ora.
Ecco, io che non sopporto il mondo supereroistivo o troppo fumettoso mi muovo male in queste assurdità.
Ma per il resto che vuoi dire?
Ritmo incredibile, personaggi che ti restano a vita (Immortan Joe, lo strepitoso, arbitrario e assurdo musicista Coma, il figlio nano tetraplegico), due personaggi principali riuscitissimi (interpretati poi da due attori favolosi), le bellissime mogli, tutte le varie bande di nemici, gli straordinari outfit di tutti, l'ambientazione desertica, il realismo di alcune battaglie in velocità (altre meno...), una storia quasi inesistente ma che nella sua essiccata simbologia (e di simbologie, analizzando, ce ne sarebbero tante...) funziona, la "finta" ma bellissima fotografia notturna, I Figli della Guerra e il loro "ammira!" quando fanno i martiri e tante tante scene veramente bellissime (non i terribili flashback di Max però...).
Un cartone animato, un esempio di cinema spettacolo che però, non dimentichiamolo, ha dentro tantissimo amore per il cinema, uno sforzo gigantesco che ha veramente dell'inumano per realizzazione.
Non parlo di Furiosa, di Max e di tante altre cose perchè sono l'ultimo arrivato e qualsiasi cosa possa dire sarebbe tremendamente incompleta rispetto a chi conosce questo universo.
E anche perchè devo recensire un altro film, abbiate pazienza.

Alla fine il Bene vince e c'è questo finale che puzza tanto di ennesimo sequel.
Lo rivedrei?
Non credo.
Vedrei il seguito?
Di corsa.
Mi è venuta voglia di vedere i primi 3?
Direi di sì.

Per il resto non posso idolatrarlo come tanti di voi ma non fatemene una colpa

7.5



Io il regista non lo conosco eh, e mi scuso in anticipo con la sua persona ma, ecco, secondo me è un mezzo pervertito.
Un film che inizia con un sesso lesbico senza che ci sia alcun perchè, che prosegue con una scena di masturbazione vaginale mentre i figli della coppia se ve vanno via da soli (insomma, una specie de Antichrist), che ha dei dialoghi di un porco che io mai sentito fuori dal porno, che vede un altro coito pochi minuti dopo, che ha una grotta a forma de vagina, che racconta de uno che ruba mutandine sporche de mestruo delle bambine, che addirittura fa intendere del sesso fraterno tra una ragazzina di 14 anni e il fratellino di 12, che ha un demone maiale che prima prova a stuprà la baby sitter e poi la mamma, e chi più ne ha più ne metta, insomma, un film completamente basato sul sesso ma che lascia sensazioni brutte addosso, come quella, per l'appunto, che il regista sia un maialone che ama perversioni strane.
Here comes the devil (e quel comes - "viene" - a sto punto ci sta benissimo) è chiaramente il tentativo di fare un horror morboso, perverso, un misto di Trier e Polanski che però invece che darci un disturbo d'autore, un malessere reale, ci fa più che altro incazzare.
Il film è brutto, ma non brutto quanto speravo.
Perchè alla fine la storia è anche abbastanza interessante e comunque quel suo lato malato che non ho sopportato un pochino riesce a colpire, insomma, non ne fa un horror banalotto e all'acqua di rose.
I problemi però sono evidenti.


La cosa più insopportabile, roba da petizione per levaglie la macchina da presa dalle mani, è l'uso terribile dello zoom (credo 27 volte), usato "a schiaffo" senza alcun motivo e ripetutamente.
Gli attori sono al minimo sindacale, è evidente come il regista se ne è fregato dell'argomento privilegiando il lato estetico delle ragazze a tutto.
Ma sono i comportamenti dei personaggi e i grandi buchi di sceneggiatura i problemi principali.
All'inizio avviene poi un fatto incredibile.
Mentre i genitori scopano, dicendosi frasi irripetibili, i due figli vanno a vedere da soli un complesso di grotte. Quando il padre e la madre finiscono di copulare i figli si son persi.
E che succede? il babbo se limita a chiamalli un pò, poi contatta la polizia e decidono di fare le ricerche AL MATTINO DOPO.
Cioè, questi hanno perso i figli a 29 metri da loro, probabilmente sono in grandissimo pericolo de vita e che fanno? vanno in albergo per cercalli il giorno dopo.
Forse perchè quelle colline hanno gli occhi sono malefiche, terre di demoni che scopano e prendono corpi, quindi è meglio la mattina.
Dio caro.
Poi i figli vengono ritrovati e parte una trama di presunto abuso avuto nelle grotte (buona trovata) che si affianca ad una più trascendentale.
Anche se la dottoressa che dice "tutto bene signora tranne il fatto che sua figlia non ha l'imene, ma stia tranquilla" è pazzesco.
Ma le cose assurde continuano. Intanto che cazzo è successo a quei due bambini tutta la notte non se sa, nessuno si preoccupa di chiedeglielo, manco quando sulla schiena del figlio la mamma trova delle specie de torture medievali.
Poi la coppia fa 1 + 1 e decide de andà a vendicasse del maniaco delle mutandine.
Ora, capisco la scelta eh, ma che una coppia NORMALE va in casa de uno, glie dice "E' arrivato il diavolo" (pe riprende il titolo) e poi lo uccide e massacra, no, NO.
E per confermare la perversione del regista poi questi tornano a casa lordi de sangue e aricopulano sotto la doccia, tutti rossi.
Ma mica finisce qua. La mamma scopre che i figli non vanno a scuola e allora li segue de mattina.
Bravissima, ci sta.
Solo che è incredibile che li segue fino alla grotta e poi che fa? se ne va, mica sta lì con loro a vedè che fanno, mica li ferma, mica gli chiede che ci fanno lì. No, torna a casa come niente fosse e poi gli chiede dove fossero.
Ma aspettate che manca il meglio.
La mamma ad un certo punto vede il figlio che LEVITA, LEVITA e si limita a dire al marito "secondo me i nostri figli non stanno bene".
A quel punto era bello se il figlio le diceva

"guarda, LEVITO MADRE!"

ma no, non glielo dice

Poi vabbeh, se scopre che c'è un demone de mezzo, che quel luogo è una specie de Picnic ad Hanging Rock, che forse i du figli hanno fatto sesso tra loro, che in realtà erano già morti, che quelli a casa sono demoni al posto loro, poi però lei decide de ammazzalli ma anche qui l'errore è clamoroso visto che vediamo i figli respirare tantissimo a tavola (e non me dite che li aveva solo addormentati perchè allora la sceneggiatura ha ancora meno senso), poi la coppia di genitori va sulle montagne e accade una cosa senza alcuna logica, i demoni si impadroniscono dei loro corpi. Ma attenzione, non i demoni in generale, ma proprio quelli dei due figli visto che sulla scena finale (peccato, la scelta per farcelo capire era straordinaria) da come la macchina si spegne e se move capiamo che è il bimbo a guidare.
Non ha veramente alcun senso, se i due bambini erano morti, se mettiamo caso le anima de li mortacci loro erano tornate nella caverna allora semplicemente i demoni dovevano entrà nel corpo dei genitori ma non come FIGLIO E FIGLIA.
Ma poi voi l'avete capito a che pro sti demoni entrano nei corpi delle persone? pe scopà? boh, non lo so.
Comunque alla fine non è malaccio

5

16 commenti:

  1. quando lo vidi mi deluse molto

    "Le ottime recensioni lette qua e là e le importantissime candidature all'Oscar (compreso "miglior film" e miglior regia") avevano alzato l'asticella delle attese; quindi, con grande sorpresa, ho dovuto riscontrare che MAD MAX è MAD MAX e il regista è proprio il Miller di MAD MAX. Il che, di per se, non è un male, anzi ... azione, esplosioni, ritmo, inseguimenti, belle ragazze, motori, sporco e mutazioni, ovvero tutto il campionario attualizzato al 2015 (cioè 30 e + anni dagli originali).
    Quindi il divertimento, se piace il genere, c'è, così come qualche immagine, qualche sequenza e qualche personaggio (mi ha divertito molto il folle chittarrista punk metal), ma poi ... zero sceneggiatura (anzi assurda ed elementare), zero approfondimento del prima e del dopo (credo volutamente), zero approfondimento dei personaggi (anche se Theron e Hardy si calano bene nel ruolo).
    In sintesi un buon intrattenimento, un film di evasione dove scollegando il cervello si prova anche qualche piacere (?!) ma davvero è uno dei 8 miglior film americani del 2015? ahi ahi ...
    Tutto sommato, se visto al Cinema, un mezzo voto in più, forse, l'avrebbe preso, perchè le coreografie degli inseguimenti/combattimenti meritano e sono davvero ben fatti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rivisto qualche mese fa con mio figlio, sapendo cosa stavo per rivedere, mi sono divertito molto e mi sono goduto appieno lo spettacolo

      Elimina
    2. direi siamo quasi copia e incolla (a parte la faccenda Oscar che non mi interessa e riguardo la quale penso che sì, negli 8 film di quell'anno poteva starci alla grande)

      per il resto siamo identici a una prima lettura

      Elimina
    3. ah, non ho dimenticato Ricordi? eh, tranquillo ;)

      Elimina
    4. tranquillissimo, tanto ti sto massacrando i marroni con THE YELLOW SEA !!!

      Elimina
    5. Ahah, ho visto ma ancora non letto
      tanto poco potrò fare visto che ricordo veramente poco...

      Elimina
  2. I Mad Max sono fra i miei film adolescenziali (faccio quasi fatica a ricordare quando li ho visti) ma ho appena rivisto Fury e mi è piaciuto molto ma molto meno rispetto alla prima volta, che tra l'altro ho visto nel cinema dove lavoro. Troppo rumoroso, troppo poco empatico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come dicevo secondo me è poco empatico perchè va troppo oltre la soglia della verosimiglianza

      diciamo che è spettacolo 87% drammaticità 13%

      sarebbe bastato 71% 29% per renderlo bellissimo

      spero di recuperare i primi!

      Elimina
  3. La tua recensione di "Here comes the devil" è praticamente tutto ciò che pensavo anch'io dopo averlo visto! Solo che discordiamo al momento di tirare le conclusioni: tu dici "Comunque alla fine non è malaccio" quando invece io a occhi sbarrati mi son detto "Mamma mia che film de mmerda!". :D

    Forse son stato troppo severo io? Forse l'abisso cinematografico di "Dreamland" ci ha cambiati per sempre? Forse sei anche tu un maniaco sessuale come il regista? (quest'ultima spiegazione però accomunerebbe anche me, quindi no, non può essere)

    Quando i due genitori "posseduti" alla fine prendono la macchina e si capisce che non sanno guidare, io non l'avevo interpretata come un possedimento dello spirito dei figli, ma dei soliti spiriti della grotta, che in quanto spiriti non hanno la patente. Ma inutile pensarci, perché non ci avrà pensato nemmeno il regista. :D

    Mad Max - Fury road è un bomba nucleare. Dentro non c'è molto, ma fa un botto incredibile. A me è piaciuto un sacco, ma mi ha dato più la sensazione che mi danno le cutscene lunghe dei videogame. Non c'entra nemmeno molto con la trilogia di Mad Max originale, dove il protagonista era Max e i toni molto, molto diversi (certo, sono passati mille anni, ma Interceptor, il primo, è praticamente l'opposto di questo). Qui in sostanza viene preso il mondo post-apocalittico del terzo film e messo sotto steroidi. E il personaggio di Max perde il ruolo centrale (qui di fatto è quasi solo un Mac Guffin), lasciando la parte della protagonista a Furiosa (con novanta minuti di applausi da parte di qualsiasi spettatore, direi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei te che ancora non avevi mai visto abissi come Dreamland...

      io decine e decine, per questo ilfilm messicano l'ho trovato solo "bruttino"...

      no no Marco, forse ti sei dimenticato una scena importante a inizio film. Il padre insegna al figlio a guidare ma questo va storto e gli si spegne spesso la macchina. Insomma, stessa identica scena del finale, anche bello come rimando per farti capire che guida il figlio

      bellissimo commento a Mad Max, poche righe ma molto interessanti e che, ti giuro, mi hanno messo voglia di vedere i primi ancora più di prima

      Elimina
    2. Ah ecco, la scena iniziale quando il padre fa la scuola guida non la ricordavo, allora sì, è un chiaro rimando a quella (e pure un nonsense clamoroso!).
      Ma quindi il film brutto della doppietta deve essere vicino all'abominio, non semplicemente un brutto film (io a questo per dire do un 4 eh, mentre a Dreamland non do più di 1 nemmeno sotto tortura).

      La trilogia di Mad Max merita, va ovviamente contestualizzata come periodo (e anche come budget, vedi i particolare i primi due), ma va vista. :)

      Elimina
    3. sì sì

      anzi, secondo me quel rimando è la cosa migliore del film, geniale che capiamo da questa cosa che a guidare è il figlio

      solo che non ha assolutamente senso

      sì, deve essere al massimo un film da 4
      ma questo le potenzialità ce l'aveva eh, ti sei sbagliato di poco

      Elimina
  4. Concordo che Fury Road sia un film da sala e non da casa. Forse lo avrei apprezzato di più. Non male ma nemmeno memorabile secondo me.
    L'altro invece penso che ne starò alla larga, sebbene ami il trash pure estremo😀😀😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, no, non è trash l'altro, semmai è proprio quello il problema, non è così brutto :)

      Elimina
  5. Non te ne faccio una colpa, tranquillo, perché per me Fury Road è un capolavoro ;)
    Non ho visto Here comes the devil, dovrei vederlo, ma sono molto perplesso ora che ho letto qualcosina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, lascia perde il secondo, non fa per te, sempre che faccia per qualcuno

      contento per Fury Road!

      Elimina

due cose

1 puoi dire quello che vuoi, anche offendere

2 metti la spunta qui sotto su "inviami notifiche", almeno non stai a controllare ogni volta se ci sono state risposte

3 ciao